junio 23, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Nuove specie di dinosauri scoperte in Australia

Lo scheletro fossile, soprannominato “Cooper”, è stato trovato nel sud-ovest del Queensland nel 2007, a Copper Creek nel bacino di Eromanga. Ma lo scheletro è rimasto un mistero per anni, essendo stato descritto e nominato scientificamente solo dai paleontologi.

I ricercatori dell’Eromanga Natural History Museum (ENHM) e del Queensland Museum hanno pubblicato lunedì i loro risultati sulla rivista scientifica PeerJ.

Si stima che Cooper, il cui nome scientifico è Australotitan coprensis, abbia camminato sulla Terra più di 90 milioni di anni fa. Era un titanosauro, una specie erbivora appartenente alla famiglia dei sauropodi dal collo lungo, il più grande dei dinosauri.

Si stima che il dinosauro sia alto da 5 a 6,5 ​​metri (da 16,4 a 21,3 piedi) all’anca e lungo da 25 a 30 metri (da 82 a 98,4 piedi), rendendolo la lunghezza di un campo da basket e l’altezza di un due piani edificio, ha detto ENHM.

Con il suo lungo collo e la sua coda, assomiglia probabilmente al più famoso Brachiosauro.

Robin McKenzie, co-fondatore del Museo di Storia Naturale di Eromanga, ha affermato che il team di paleontologi è stato rapidamente in grado di determinare quanto grandi fossero i frammenti ossei appartenessero a una specie di grandi dimensioni.

“I pezzi erano grandi e grossi”, ha detto. “Siamo stati in grado di misurare le ossa e confrontarle con altre specie in Australia e nel resto del mondo”.

Diversi pezzi di grandi dimensioni, comprese le ossa della spalla del dinosauro e le ossa e gli arti pelvici, erano per lo più intatti. Tuttavia, i ricercatori hanno riscontrato ritardi nell’identificazione della specie a causa delle difficoltà nella gestione delle sue ossa grandi e fragili.

Robyn Mackenzie, co-fondatrice del Museo di Storia Naturale di Eromanga, accanto a uno scheletro di dinosauro fossilizzato.

La vastità delle ossa significava che venivano conservate in musei spesso a centinaia di miglia l’una dall’altra.

READ  I paesi con il maggior numero di casi COVID-19 - 24/7 Wall St.

Quindi il team ha utilizzato la tecnologia 3D per scansionare ogni osso di titanosauro, consentendo loro di confrontare digitalmente le ossa con quelle di specie simili.

L’australotitano è stato trovato strettamente imparentato con altri tre sauropodi australiani scoperti più a nord nella città di Winton.

Lo studio punta anche a un libro aperto per saperne di più scoperte di dinosauri che può essere fatto in Australia.
“I risultati hanno messo l’Australia sulla mappa”, ha detto MacKenzie, e ha permesso all’Australia di unirsi ad altre nazioni facendo progressi nella paleontologia. Questi tipi di “giganti dinosauri” erano molto Trovato in Sud America Eppure, il che rende questa scoperta ancora più rara.

“Questa è solo la punta dell’iceberg delle scoperte in Australia”, ha detto. “Ha aperto una nuova frontiera per i dinosauri”.