octubre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La sonda Juno della NASA invia immagini estremamente nitide della luna di Giove Ganimede

gira Giove, agenzia NASA navicella spaziale Juno Passa davanti a Ganimede lunedì, segnando le prime viste ravvicinate della luna più grande del sistema solare dall’ultimo volo della navicella Galileo nel 2000.

“Questa è la navicella spaziale più vicina a questa luna gigante in un’intera generazione”, ha detto in una nota Scott Bolton, ricercatore principale di Juno presso il Southwest Research Institute. “Ci prenderemo del tempo prima di trarre conclusioni scientifiche, ma fino ad allora possiamo semplicemente meravigliarci di questa meraviglia celeste, l’unica luna nel nostro sistema solare più grande di Mercurio”.

060821-ganymede1.jpg
La sonda spaziale Juno della NASA ha catturato viste ad alta risoluzione della luna di Giove Ganimede durante un sorvolo lunedì a un’altitudine di circa 645 miglia. Il flyby è stato il primo sguardo ravvicinato alla grande luna dall’ultimo volo della navicella spaziale Galileo della NASA nel 2000.

NASA / JPL-Caltech / SwRI / MSSS


Guidato da Ganimede alle 13:35 EDT di lunedì, Giunone ha superato 645 miglia dalla luna e ha catturato una visione nitida del mondo craterizzato che si credeva nascondesse un mare sotto la superficie sotto una crosta di ghiaccio. Oltre a catturare nuove immagini, Juno Science Toolkit ha anche raccolto dati.

“La crosta ghiacciata di Ganimede ha alcune aree chiare e scure, il che indica che alcune aree potrebbero essere ghiacciate mentre altre contengono ghiaccio sporco”, ha detto Bolton prima del sorvolo. Juno fornirà “la prima indagine approfondita su come la composizione e la struttura del ghiaccio varia con la profondità, portando a una migliore comprensione di come si forma la crosta di ghiaccio e dei processi in corso che galleggiano sul ghiaccio nel tempo”.

Juno è stata varata da Cape Canaveral nel 2011 e frenata in orbita attorno al pianeta Giove 4 luglio 2016. Ancora forte alla fine della sua missione iniziale di due anni, la NASA ha ora approvato due estensioni, l’ultima delle quali va da questa estate alla metà del 2025.

Progettato per studiare l’interno profondo, l’atmosfera, il campo magnetico e le aurore di Giove, Giunone ha effettuato frequenti passaggi ravvicinati sulle regioni polari nord del pianeta, offrendo viste mozzafiato di tempeste polari mai viste prima, scoprendo segni di nuclei abbastanza diffusi e raccogliendo gigabyte. di dati per comprendere meglio il comportamento generale del pianeta.

L’orbita polare della sonda è fissata per 53 giorni per spostare lentamente il suo massimo avvicinamento verso nord man mano che il volo procede. Dall’altra parte dell’orbita, la navicella spaziale inizialmente ha attraversato il piano equatoriale lontano dall’orbita di Ganimede.

Ma il punto di massimo avvicinamento si è spostato nell’entroterra durante la missione e quest’ultima estensione ha fornito un’opportunità d’oro per effettuare voli vicino a Ganimede, Europa e al vulcanico Io.

060821-ganymede2.jpg
Una vista a risoluzione leggermente più alta del lato opposto di Ganimede, illuminato dalla luce solare diffusa dall’atmosfera di Giove, mostra le “rughe” della superficie in modo più dettagliato.

NASA/JPL-Caltech/SwRI


“Attraverseremo il piano orbitale vicino a Ganimede e mentre l’orbita continua ad avanzare sempre più verso nord, l’attraversamento (equatoriale) si sta spostando sempre più lontano”, ha detto Bolton in una precedente intervista. “Quindi attraversiamo prima vicino a Ganimede e poi continuiamo a muoverci e attraversiamo vicino all’Europa. Infine attraversiamo vicino a Io, e poi anche dentro Io.”

L’incontro di Ganimede lunedì prevede di utilizzare la gravità della luna per piegare un po’ il percorso, accorciando il periodo orbitale di Giunone di circa 10 giorni. Questo, a sua volta, stabilisce un volo sul ghiacciaio Europa il 29 settembre 2022 e due voli vicino a Io il 30 dicembre 2023 e il 3 febbraio 2024.

“Abbiamo questi sorvoli ravvicinati del satellite che ora ci permetteranno di puntare i nostri strumenti verso il satellite, ottenere la prima analisi ravvicinata e cercare cambiamenti dai tempi di Galileo e Voyager”, ha detto Bolton.

Giunone non è dotata di telescopio per osservazioni ravvicinate e ad angolo stretto. Invece, il suo dispositivo di imaging “Junocam” era principalmente destinato alle osservazioni contestuali grandangolari e alla comunicazione con il pubblico, fornendo viste superbe dell’emisfero per l’atmosfera turbolenta di Giove.

Bolton si aspetta viste altrettanto straordinarie di Ganimede, Europa e Io.

“Quando siamo molto lontani, non possiamo fare uno scatto ad alta risoluzione”, ha detto. “Ma quando siamo vicini, otteniamo un ampio campo visivo in alta definizione”. Ha detto che questo ampio campo visivo fa una grande differenza quando lo guardi, dicendo Capisco il contesto?

JunoCam ha catturato quasi un intero lato di Ganimede durante il sorvolo della sonda lunedì. Gli scatti che utilizzano filtri diversi verranno successivamente combinati per fornire viste colorate, risolvendo le caratteristiche della superficie fino a sei decimi di miglio di larghezza.

La telecamera di navigazione di Giunone ha catturato una vista molto più ampia del lato oscuro di Ganimede, illuminato dalla luce del sole che si riflette su Giove. Ulteriori immagini memorizzate a bordo della navicella verranno inviate in un secondo momento.

READ  Un singolo vaccino contro il coronavirus può fornire un'ampia immunità contro altri coronavirus