septiembre 21, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Non testa di serie James Madison sconvolge la testa di serie in Oklahoma nella sua prima apparizione ai Campionati del mondo universitario femminile

Oklahoma City – James Madison ha dimostrato di avere un enorme vantaggio sul giocatore più offensivo e più offensivo nel softball universitario: il giocatore di bocce Odichi Alexander.

Dietro uno sforzo impressionante di Alexander e una vittoria in casa di Kate Gordon all’inizio dell’ottavo inning, James Madison ha scioccato i Sooners 4-3 giovedì pomeriggio nel primo debutto delle World Series College Women’s World Series nella storia del programma.

Da quando ha iniziato a seminare nel 2005, l’Oklahoma è diventata la seconda testa di serie numero 1 nazionale a perdere nella WCWS contro una squadra non classificata, unendosi alla Florida nel 2008.

Alexander ha lanciato un gioco completo con un six-hitter, vanificando i migliori battitori dell’Oklahoma e fermando i Sooners su tre punti bassi della stagione. Poi, con il ghiaccio sulla spalla destra durante le interviste video post-partita, Alexander ha detto che la chiave della sua esibizione era mantenere l’Oklahomas in equilibrio.

“Penso solo a mischiare i miei lanci, non a lanciare la palla nello stesso posto ogni volta”, ha detto Alexander. “Sto solo assicurandomi che si muovano. Perché sono grandi battitori. Stavo solo cercando di concentrarmi su ogni lancio, non di farli colpire oltre il recinto”.

L’Oklahoma ha superato la barriera solo una volta, quando Tire Jennings ha segnato una tripla nel terzo inning. Questa è stata una risposta di Sarah Jobas che ha licenziato Homer da tre corse nella parte superiore del terzo per dare a James Madison un vantaggio di 3-0. Da quel momento in poi, Alexander si è rivelato un problema per l’Oklahoma, la squadra che ha co-guidato la Divisione I in punteggio, media battuta, fuoricampo e percentuale di rallentamento. Ha una media di 2,81 calci in casa a partita, meglio del suo record della prima divisione di 2,39.

READ  Phillies vs. Braves: due interviste in due giorni equivalgono al secondo posto nella NL East

Ma il rovescio della medaglia, Alexander ha avuto la sua stagione stellare, entrando in gioco con un’ERA di 1.08 e classificandosi quinta in successi in tutti e sette i round.

Mentre Alexander ha fatto del suo meglio per mantenere l’equilibrio dell’Oklahomas, i Sooners hanno faticato ad adattarsi e hanno finito per avere un effetto cumulativo sui migliori battitori. Jocelyn Allo, giocatrice di softball dell’anno, ha ottenuto un 1 su 2 camminando due volte.

“Alexander è davvero bravo”, ha detto l’allenatore dell’Oklahoma Patti Gasso. “La palla ti colpisce molto, molto velocemente. La palla si rompe davvero forte. Cambia le sue velocità molto, molto bene. Quindi è meglio che tu abbia un buon piano.

“Penso che nel dipinto alcuni dei nostri piani si siano persi. Puoi vederlo dal modo in cui stavamo oscillando. Quindi dobbiamo sapere perché. Perché i nostri piani si sono persi? Le luci erano troppo grandi per te? Anche la velocità molto per te? Il video ci dirà esattamente quello che dobbiamo sapere, così possiamo lavorare per risolverlo mentre andiamo avanti. “

Con l’offensiva dell’Oklahoma sventata, James Madison si rese conto di avere una possibilità quando entrò in gioco in ruoli aggiuntivi. Dirigendosi verso l’ottavo posto, l’allenatore Lauren Laporte ha preso da parte Gordon e le ha detto di fare un respiro profondo e calmarsi. Gordon ha lottato durante il campionato NCAA e sapeva che se fosse riuscita almeno a rimanere in base, Jubas avrebbe avuto la possibilità di farcela.

Ma ha fatto meglio che restare alla base. Ha sbattuto la sua casa oltre il muro del campo sinistro per quella che si è rivelata la gara vincente. Questo è stato il suo primo successo nei suoi ultimi 14 ko.

READ  Bills conduce Packers 19-0 dopo tre

“Non credo che nessuno di loro sia uscito”, ha detto Gordon. “Corro davvero forte. Ero tipo, ‘Vai, palla, vai, palla, vai, palla.’ Sono grandi giocatori e so che amano rubare una corsa sul loro terreno. Quindi ero tipo, ‘Continua .'”

Alexander ha detto che ha quasi pianto nel bunker.

“Quel pipistrello, sapevo che stava arrivando”, ha detto Alexander. “Ho fatto un respiro profondo e ho detto che non volevo nessuno in questa scatola tranne Kate. Stavo pregando. Quando l’ho colpita, sapevo che era fuori. Ho detto, grazie, Gesù. Ho quasi pianto un po’. Non potrei essere più orgoglioso di Kate”.