junio 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

“So cosa faranno quando lo spettacolo finirà.”

Mentre i fan al Madison Square Garden si sono alzati in piedi per dare un ultimo applauso ai New York Knicks, la guardia degli Atlanta Hawks Porta la giovinezza Voleva mandare a casa la folla con un altro regalo d’addio.

Nell’ultimo minuto di gara cinque di mercoledì, Young è riuscito a guidare i Knicks Reggie Bullock, il suo compagno di squadra ha salutato John Collins Ed è andato a lavorare. Il cronometro è passato e Young ha preso alcuni dribbling alla sua sinistra. Una mossa tra le gambe dopo, sollevando da una distanza di 30 piedi e colpendo un triplo puntatore per calmare la folla.

Non appena il tiro è andato a segno, Young ha preso l’arco sul campo centrale e ha salutato la folla che lo aveva deriso durante la serie di playoff del primo turno.

“So dove siamo. So che ci sono un sacco di spettacoli in questa città”, ha detto Young dell’arco dopo la vittoria per 103-89 degli Hawks. “So cosa faranno quando lo spettacolo sarà finito.”

È stato Young a ridere per l’ultima volta mercoledì quando gli Hawks hanno eliminato i Knicks in cinque partite. La serie è iniziata con i fan dei Knicks che hanno cantato “F— Trae Young”, con un fan che ha persino sputato contro Young durante Gara 2.

Ma quando tutto è stato detto e fatto, Young e gli Hawks sono passati al secondo round, e Young ha cementato il suo posto come cattivo del Madison Square Garden.

“Ci si sente bene”, ha detto Young. “Come ho detto dall’inizio della stagione. Sento di aver lavorato tutta la mia vita per questo momento, per giocare i playoff sul palcoscenico più grande. Ho lavorato molto. Un sacco di i giocatori si sono inseriti. Ho fatto lo stesso qui. È bello vincerlo. È bello vincere la serie. Ora ci concentriamo sul secondo turno. “

READ  Lady Pirates dà all'Italia la possibilità di vincere 1-0 | Scuola superiore

Young ha aggiunto che sarebbe stata una grande vittoria se gli Hawks avessero vinto in casa o in trasferta, ma vincere a New York “con tutti i fan che continuavano a cantare le stesse canzoni” è stata anche una bella sensazione.

Collins, che è stato compagno di squadra di Young per tre stagioni con Atlanta, ha detto che Young è stufo delle chiacchiere del pubblico.

“Tray ama questa roba”, ha detto Collins. “È in palestra a macinare. Lo vedi accarezzare e giocare con la folla. Alcuni giocatori sono motivati ​​e trovano le proprie ragioni e motivazioni aggiuntive per giocare in base alla folla. La folla ti dà energia.

“Trae ama usare questa energia negativa e usarla come carburante. Per tutti i fan che vogliono continuare a inimicarsi questo ragazzo, per favore vai avanti. Non lo disturberà e abbiamo anche il suo supporto”.

Young ha sostenuto il suo discorso con un gioco. Ha chiuso con 36 punti e nove assist in gara 5, con una media di 29,2 punti e 9,8 assist a partita per la serie. Ha anche ottenuto il vincitore del primo gioco per iniziare la serie.

Young è diventato solo il secondo giocatore nella storia della NBA ad avere tre partite consecutive da 30 punti come visitatore MSG nei playoff, secondo ESPN Statistics and Information Research. Anche Michael Jordan.

Inoltre, dalla fusione nel 1976-77, Young ha concluso 146 punti nelle prime cinque partite di playoff della sua carriera, classificandosi settimo nella NBA dietro LeBron JamesGiordania Anthony DavisPaolo Pierce Luka Doncic E il Allen Iverson.

E mentre il ruolo di Young come cattivo principale per i fan dei Knicks era ovvio, Hawks è il centro Clint Chapel Martedì ha aggiunto altra benzina al fuoco. Capella ha criticato il gioco fisico dei Knicks e ha detto che anche gli Hawks potrebbero batterla

READ  Italian Petiol vince la 18a tappa del Giro d'Italia - sport

“Ora veniamo a casa tua per vincere di nuovo questa partita e mandarti una vacanza”, ha aggiunto.

Capella ha rafforzato il suo discorso con 14 punti, 15 rimbalzi e due muri. Era 5 su 5 da terra nel primo tempo, la prima volta in 66 playoff.

“Ho sicuramente creduto nel mio gruppo, in me e nella nostra squadra”, ha detto Capella. “E abbiamo fatto il lavoro. Siamo venuti qui pensando di non voler dare loro nulla. Abbiamo fatto il lavoro dall’inizio alla fine. Ce lo siamo meritato”.

Mentre l’allenatore degli Hawks Nate Macmillan ha detto di aver parlato con Capella di lasciare che il gioco di squadra parli per loro, ai suoi compagni di squadra è piaciuto quello che hanno sentito.

“L’ho adorato”, ha detto Collins. “Ovviamente, il grande discorso è sulla sua fine e in qualche modo ha messo in gioco la squadra in qualche modo, ma lo supportiamo e sapevamo che sarebbe uscito e avrebbe dato il 100%. Non ho avuto problemi con questo. Ho solo voleva uscire e fare quello che diceva, mandarli in vacanza e mandarli a casa”.

Dopo l’eliminazione dei Knicks, gli Hawks si sono concentrati sui Philadelphia 76ers testa di serie, che mercoledì hanno sconfitto i Washington Wizards in gara cinque per avanzare anche loro.

La prima partita di Atlanta e Philadelphia è prevista per domenica.