junio 23, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Muore a 84 anni Carla Frozi, ballerina espressa italiana

Giovedì è scomparsa Carla Fracci, una delle più grandi ballerine italiane e una delle più grandi ballerine del XX secolo, acclamata per la sua naturalezza e onestà emotiva. Nella sua casa di Milano. Ha 84 anni.

Suo marito, Pepe Menakatti, ha detto che la causa era il cancro.

Durante i suoi cinque decenni di carriera, sia i critici che il pubblico sono rimasti sbalorditi dalla capacità della signora Frassey di trascendere la tecnica e integrarsi completamente con i suoi personaggi. Come scrisse Clive Barnes del The New York Times nel 1977, in Italia veniva chiamata la “Dose of Dance”, riferendosi alla migliore attrice italiana del XX secolo, Eleonora Doose.

Ha continuato: “C’è una forte corrente isterica nella sua recitazione, così che la sua morbidezza, la sua bellezza essenziale, a volte possono essere lacerate dalla scena di emozioni inaspettatamente vulcaniche”.

Mikhail Parishnikov, che ha ballato con lui negli anni ’70, ha detto in un’intervista telefonica, la sig. Frassey ha detto che cambierà sottilmente la descrizione di un personaggio dalla performance alla performance. “Non l’ha mai fatto, motivo per cui era davvero viva e piena sul palco”, ha detto.

Ha fatto il suo debutto professionale al Detro Alla Scala nel 1955, molto prima che diventasse un nome familiare in Italia, dove Gandhi ha portato il balletto italiano dopo decenni di declino. Orgoglioso di essere il primo ballerino italiano ad avere un’importante carriera internazionale dall’inizio del XX secolo, si è esibito frequentemente con l’American Ballet Theatre, il Royal Ballet e lo Stuttgart Ballet.

All’inizio degli anni ’70, la Sig. Frozi ha co-fondato la Cambodia Italiana de Baletto con suo marito. Apparendo in piccole città, palcoscenici d’opera e arene all’aperto, ha portato la consapevolezza del balletto in angoli lontani d’Italia e ha ispirato una nuova generazione di ballerini, tra cui Alessandra Ferry e Roberto Bolle, entrambi diventati star internazionali.

READ  "Undertarks" non può scrivere il Galles contro l'Italia - James

Inoltre è apparso frequentemente in speciali televisivi italiani e nel 1982 ha interpretato un ruolo drammatico nella popolare miniserie “Verdi” sul compositore Giuseppe Verdi sull’emittente statale italiana Roy. Ha interpretato la seconda moglie del compositore, il cantante Giuseppe Streponi.

Signora nella vita di tutti i giorni. Frozi ha attaccato una figura elegante, spesso vestita in abiti bianchi e morbidi in generale, con i capelli scuri divisi nel mezzo. “Era come un uomo all’inizio del secolo scorso”, Mr. Parishnikov ha detto.

Dopo aver scoperto il tradimento del suo ragazzo, è diventato strettamente associato al personaggio del titolo “Giselle”, una giovane donna impazzita e morta. In The Times, Anna Kisselkoff ha scritto della performance della signora Frassey del 1991 in “Kisselle” (aveva 55 anni all’epoca), in cui “il suo piede non sembrava toccare il suolo”.

“Questa è un’immagine che non si adatta agli altri”, ha aggiunto la signora Kiselkoff, “la rabbia aerea che sembrava volare da una litografia”.

Sig.ra. Frozi ha interpretato questo ruolo per più di 30 anni nei suoi 50 anni, e include Eric Brun, Rudolf Nureyev, Vladimir Vasiliev, Ivan Nagy, Paul Salmer, Mr. Barishnikov e Julio Boka, 31 anni, j.

A gennaio è stato invitato dalla Scala a tenere una master class al “Kisselle”. (Classe filmata ed è Disponibile su YouTube.) Ballerini partecipanti, Nicoletta Manny E Martina Arduino, Basato su una produzione teatrale americana di Ms. Frassey e Mr. I due sono cresciuti guardando la versione cinematografica del 1969 di “Giselle” con Brown.

Quel film La signora Frassey mostra tutte le qualità che vengono ricordate: la leggerezza dei suoi piedi, la tecnica delicata, l’onestà e la naturalezza della danza sembrano respirare. Proprio come la bellezza finale del suo viso è avvincente, usa il massimo effetto.

“Ho letto quel video più e più volte, dall’inizio alla fine”, ha detto al telefono la signora Arduino da Milano. “Dove guardavano i suoi occhi, come muoveva le mani. Quando è venuta per tenere la master class, mi ha detto: “Devi dire con i tuoi occhi quello che pensi”.

READ  Naturalmente, l'Italia ha le piastrelle per pavimenti più trasparenti e strabilianti ovunque

Sig. Parishnikov ha ricordato una qualità simile. “Aveva questi enormi occhi scuri”, ha detto. “Ha ballato con loro. Poi c’era la straordinaria bellezza del suo viso. Ballare con lei è stata un’esperienza davvero incantevole. “

Carla Frozi nasce il 20 agosto 1936 a Milano, figlia di Luigi Fracci, tramista, e Santina Rocca, operaia della Innocent Machinery. Carla voleva ballare in casa e quando aveva 9 anni, gli amici di famiglia le suggerirono che poteva essere adatta al balletto.

Nonostante fosse piccolo e debole, fu accettato nella scuola di ballo associata alla Scala, dove una delle sue insegnanti, Vera Volkova, era una studentessa. Agrippina Vaganova, Fondatore della moderna tecnica del balletto russo.

La giovane signora Fracci non è andata al balletto in questo momento. Disse al Times nel 1981: “La scuola era un disastro e un lavoro terribile. Poi un giorno mi vide sul palco nel ruolo di un bambino.

“Ho interpretato una ragazza con Mandalin in ‘La bella addormentata'”, ha detto. “Una volta sul palco accanto a Margot Fontaine, ho improvvisamente cambiato idea. Per il pubblico, ballare è qualcosa di completamente diverso dal ballare a scuola. “

Dopo essersi diplomato all’Accademia, è entrato all’istituto di danza alla Scala.

Sig.ra. Friesy ha ottenuto la sua prima grande occasione nel 1956, essendo stato invitato a sostituire la ballerina francese Violet Verdi nella produzione della serata “Cenerentola”. Due anni dopo è diventata una ballerina leader. Nello stesso anno, il 1958, il coreografo John Cranco creò un personaggio femminile nella sua nuova produzione “Romeo e Giulietta”. Ha svolto questo ruolo più volte nella sua carriera.

READ  "I frutti di bosco stanno diventando molto popolari in Italia"

Ben presto iniziò a ballare all’estero, apparendo per la prima volta nel 1959 con il balletto del festival londinese “Kisselle”. Nel 1962, ha recitato con Schilf in uno dei suoi ruoli più venduti, “La Silfide”. . Marrone. Entrambi erano partner regolari durante gli anni della signora Frassey come membro dell’American Ballet Theatre dal 1972 al 1976.

Tuttavia, non tutti i suoi personaggi sono tragici: nel balletto comico “Copilia” è anche celebrato per la sua stravagante malizia.

Nel Ballet Theatre, la signora Jose suona il balletto drammatico di Limon, come “The Moors Bhavane”, “Lilac Garden” e “Media” di John Butler. Nel 1991, ha ballato con Lizzie Borden in “Fall River Legend” di Agnes de Mille. La signora Kisselkoff ha descritto la performance come “freneticamente dolorosa”.

Quando la sua carriera di ballerino si è conclusa negli anni ’90, la Sig. Frasi ha lavorato come regista in diverse compagnie di balletto, tra cui il Teatro Detro de San Carlo di Napoli (1990-91), l’Arena de Verona (1995-97) e l’Opera de Roma (2000-10). Si è occupato di politica, ricoprendo l’incarico di Assessore alla Cultura della Provincia di Firenze dal 2009 al 2014.

La 56enne è morta prima del marito, un regista teatrale che un tempo era assistente di Luccino Viscondi. Fatta eccezione per Menakatti, la Sig. Fraci fu preceduto nella morte dal figlio, Francesco Menakatti, architetto; Sua sorella, Marisa Fracci, ballerina; E due nipoti.

“Per noi, come italiani, ha rappresentato l’importanza della danza”, ha detto la signora Arduino, la ballerina. “Non solo i gradini, ma la purezza dell’arte. Qualcosa di prezioso. “