agosto 6, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Mostri o necessario? Spedizione Scontri Venezia | Italia

Dal suo stand di fronte alla stazione della gondola in Piazza San Marco, il fotografo Maricio Torreson è testimone del flusso e del flusso delle onde alte di Venezia, proprio come i turisti di Venezia.

Ha fotografato per l’ultima volta una piazza affollata il 21 febbraio 2020, due giorni prima che l’annuale Festival di Venezia venisse bruscamente ridotto a causa di un’epidemia di virus corona.

Come molti residenti veneziani, Torreson ha lottato con la mancanza di turisti. Ha tirato un sospiro di sollievo quando ha visto una grande nave pattinare in Piazza San Marco dal 3 giugno al novembre 2019, quando Venezia è stata colpita dalle peggiori onde alte degli ultimi 55 anni.

“Ho pensato” finalmente “”, ha detto. “Per l’economia di Venezia servono grandi navi”.

Il ritorno delle navi, che ha sorpreso molti in seguito all’annuncio del governo italiano a marzo che sarebbe stato bandito dal centro storico, ha rianimato vecchie spaccature a Venezia. La banda MSC da 92.000 tonnellate è stata spedita con successo dai lavoratori portuali mentre usciva dalla piscina dopo aver preso i passeggeri diretti in Grecia, riempiendola di due dozzine di navi. Ma è stato portato via da una nave di piccole imbarcazioni con la propaganda delle navi da crociera.

Quando la banda di MSC è arrivata è stata accolta in egual modo da sostenitori e avversari. Foto: Giacomo Mosquito / Narpoto / REX / Shutterstock

L’economia ha sostenuto questa argomentazione contro l’ambiente in una città in cui il turismo epidemico è un forte promemoria per i residenti di quanto i mezzi di sussistenza dipendono.

Per le 5.000 persone che lavorano nel porto di Venezia, siano essi addetti ai bagagli, rimorchiatori, addetti alle pulizie navali o addetti alla sicurezza, la visione di oltre 18 mesi senza lavoro della Msc band è stata un segno di speranza per il futuro.

“Dopo le inondazioni, il nostro lavoro si è completamente fermato”, ha affermato il capo di Venice 1937, un servizio di movimentazione merci e un gruppo di azione che rappresenta la Task Force di Venezia, i lavoratori portuali e altri interessati dall’industria navale. “Ha creato tensioni e problemi sociali significativi per le famiglie senza alcun sostegno”.

Per gli appassionati antinave che da oltre un decennio si battono per bandire tali navi dal centro storico, l’arrivo della banda MSC ricorda un periodo in cui credevano di essere stati espulsi nel passato. In particolare, è durato il ricordo del 2 giugno 2019, che una nave di 13 ponti operata dalla stessa compagnia si è scontrata con una banchina e una nave da crociera sull’emozionante Canale di Quito, ferendo quattro persone.

La gente protesta contro la crociera dopo che SMC Opera si è scontrata con un molo e una nave da crociera nel 2019
Le persone stanno protestando contro la spedizione dopo che l’SMC Opera si è scontrata con un molo e una nave da crociera nel 2019. Foto: Andrea Merola / EPA

“Oltre a questioni come l’inquinamento e i danni al lago e alle fondamenta degli edifici, ci sono cittadini che vedono le navi come un simbolo del turismo di massa che ha devastato Venezia”, ​​ha affermato la portavoce di Nova, Marta Sotoriva. Gruppo di attivisti per le grandi navi.

La mancata risoluzione del problema delle navi da crociera è stata in parte il risultato di una gerarchia politica. Tutto ciò che accade a Venezia, che si tratti di chiudere il numero dei visitatori o di regolamentare le festività, deve essere riconosciuto a livello nazionale. La notizia ha fatto scalpore internazionale quando il governo ha annunciato che le navi da crociera sarebbero state bandite dal lago e dirottate temporaneamente verso il porto industriale di Margherita, che ha organizzato un “call for ideas” a lungo termine per una soluzione marittima. Infatti, la Marquera, che attualmente serve navi mercantili, avrà bisogno di almeno sei mesi per adattarsi alla linea di crociera.

“Questo è un annuncio vuoto”, ha detto Simone Venturini, assessore al Turismo di Venezia. “Se il governo vuole davvero affrontare questo problema senza rimandare una decisione al prossimo governo, adotterà il piano raccomandato dalle autorità di Venezia sei anni fa”.

Quella proposta è sostanzialmente una soluzione provvisoria nel porto della Margherita, l’unica che i vertici veneziani stanno sostenendo. “Il progetto marittimo durerà dai 10 ai 15 anni, il che sarà logicamente difficile per viaggiatori e lavoratori portuali”, ha affermato Venturini, aggiungendo che alla città dovrebbero essere conferiti poteri speciali per prendere le proprie decisioni.

Le navi da crociera hanno iniziato ad arrivare a Venezia alla fine degli anni ’90, inizialmente scaricando e raccogliendo passeggeri presso la Riva de Seth Mart மாரr, una cascata vicino al sito della Pioneer Art Exhibition. Le prime proteste sono state scatenate dai residenti del quartiere che si sono lamentati del fatto che le navi avevano interrotto i loro segnali televisivi prima di prendere velocità dopo il gennaio 2012 quando la Costa Concordia si è schiantata al largo dell’isola toscana di Kiglio, uccidendo 32 persone.

Centinaia di proteste contro il ritorno a Venezia di gigantesche navi da crociera - video
Centinaia di proteste contro il ritorno a Venezia di gigantesche navi da crociera – video

Ma ci sono personaggi di una lotta di classe con tensioni risorgenti. “È” estremo chic “a cui non piacciono le grandi navi”, ha detto Dorsen. Tomasini sosteneva che gli anti-costruttori “vogliono trasformare Venezia in un museo o in un set cinematografico per essere ammirato da pochi”.

Ha indicato una serie di navi, tra cui taxi d’acqua e navi da carico che inquinano la piscina. “Le navi da crociera sono considerate mostri, ma dietro di loro c’è un’intera realtà sociale”, ha detto.

Toto Bergamo Rossi, capo della Venice Heritage Foundation, ha recentemente ricevuto il sostegno di amici, tra cui il leader dei Rolling Stones, Mick Jagger, e l’attore Tilda Swindon. Venezia, compreso il divieto alle navi da crociera dal lago.

“Molte di queste persone vengono qui, hanno sostenuto l’appello perché conoscono il problema, non perché sono star milionarie”, ha detto Bergamo Rosie. “Servono regole. Adesso c’è l’anarchia.”

Quando le restrizioni ai viaggi sono state revocate a metà maggio, i turisti hanno iniziato a riempire le strette vie di Venezia, che aveva una popolazione fino a 30 metri l’anno prima dell’epidemia. Ma questo non basta per sostenere tutti.

“Offriamo un prezzo scontato, ma niente lavoro”, ha detto Michael, uno di un gruppo di condomini in attesa di clienti in Piazza San Marco.

Caterina, che possiede una gioielleria sotto il portico intorno alla piazza, ha detto: “Ho qualche opzione di drop. Non vediamo turisti, abbiamo bisogno di navi da crociera, ma Venezia è così gentile, dobbiamo raggiungere un equilibrio. “

READ  L'Italia favorita per raggiungere i quarti