septiembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

È morto Gino Strada, fondatore e chirurgo dell’associazione benefica italiana

Gino Strada, presidente e fondatore di Italian Medical Charity Emergency, interviene durante una manifestazione a Roma il 17 aprile 2010, contro l’arresto di tre soccorritori italiani nella provincia di Helmand in Afghanistan. L’ente sanitario italiano Emergency ha detto venerdì che forze straniere, in particolare l’esercito britannico, potrebbero essere dietro l’arresto di tre operatori umanitari italiani. REUTERS / Alessia Pierdomenico (ITALY – Tags: CIVIL UNREST CRIME LAW POLITICS) / File Photo

ROMA, 13 agosto – È morto all’età di 73 anni Gino Strada, fondatore della più importante associazione benefica italiana e costruttore di ospedali nei paesi dilaniati dalla guerra.

Chirurgo e attivista contro la guerra, Strada ha stabilito lo stato di emergenza nel 1994 per fornire assistenza sanitaria nelle zone di conflitto in tutto il mondo, inclusi Iraq e Afghanistan.

I media italiani hanno riferito che recentemente ha sofferto di problemi cardiaci.

Dal suo primo progetto in Rwanda nel 1994, l’emergenza ha curato circa 11 milioni di pazienti, racconta il sito web del gruppo, che lavorano in 19 paesi per allestire ospedali e strutture sanitarie.

Strada, noto personaggio pubblico in Italia, è stato talvolta definito un potenziale ministro, ma le sue intransigenti posizioni contro la guerra e contro il razzismo lo hanno reso un avversario politico, soprattutto a destra, impedendogli di ricoprire la carica.

“Ha passato la vita dalla parte dei deboli, lavorando con industria, coraggio e umanità nelle parti più difficili del mondo”, ha detto il premier Mario Draghi.

Criticando le politiche di immigrazione e sicurezza della maggior parte dei governi italiani, Strada si oppose al coinvolgimento militare di Roma in Iraq e Afghanistan e divenne un simbolo dei movimenti pacifisti del Paese.

READ  Euro 2020: Italia a tutto campo per l'annuncio della squadra

Albert Einstein è stato citato sul suo profilo Twitter: “La guerra non può essere umanizzata. Può solo essere sradicata”.

Strada ha anche condannato la politica sanitaria italiana, affermando che tutti volevano cliniche private a scapito di strutture pubbliche di qualità.

Strada ha pubblicato il suo ultimo articolo quotidiano su La Stampa venerdì, dove ha trascorso sette anni a parlare dei progressi dei ribelli talebani in Afghanistan, criticando duramente gli Stati Uniti e le potenze occidentali. leggi di più

“Abbiamo detto 20 anni fa che questa guerra sarebbe stata catastrofica per tutti. Oggi il risultato di quell’occupazione è davanti ai nostri occhi: un fallimento in ogni prospettiva”, ha scritto.

La figlia di Strada, Cecilia, l’ex presidente delle Emergenze, non era con il padre quando è morta perché era su una barca per soccorrere i migranti nel Mediterraneo.

“Non sono con lui, ma ovunque ho potuto… beh, sono stato qui… ho salvato vite. Me l’hanno insegnato mio padre e mia madre.”

Rapporto aggiuntivo di Gavin Jones A cura di Raisa Kasolovsky

I nostri standard: Politiche della Fondazione Thomson Reuters.