junio 23, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Mario Draghi aiuta ad aprire la strada alla fusione delle banche italiane

Quando Mario Tragi dirigeva la Banca centrale europea, non è riuscito a ripulire le deboli banche della regione.

Ora premier italiano, ci riprova, sperando di innescare un’ondata di coordinamento tra i complessi istituti di credito del Paese. Il settore bancario italiano, pieno di stretta creditizia e appesantito da costi elevati, è cresciuto da tempo come un anello debole tra i paesi che condividono l’euro.

La scorsa settimana Mr. Il governo di Tracy ha semplificato le procedure per consentire alle banche di beneficiare di agevolazioni fiscali durante la fusione e ha dato loro più tempo per accedere a questi benefici.

La mossa sta aumentando le aspettative tra i dirigenti delle banche italiane di trovare collegamenti. Aiuta anche: The Outbreak Economy e M&A Bank Senior Andrea Arcel il mese scorso Unicred UNCFF 1,20%

Spa è la seconda banca più grande del paese.

“Il contesto è molto favorevole, quindi penso che potremo vedere più transazioni nei prossimi 12 mesi”, ha dichiarato Alberto Nagal, CEO della banca d’affari Mediopanka Spa.

Il consolidamento è visto come un modo per le banche di ridurre i costi e aprire la strada a maggiori profitti. Rispetto agli Stati Uniti, la scena bancaria in Europa è molto più frammentata, con ogni paese che offre il proprio set di banche regionali. A differenza della forte crescita degli Stati Uniti, l’economia italiana è cresciuta a malapena per molti anni, creando un contesto difficile per le banche in cui operare.

Le banche italiane sono diventate un punto chiave durante la crisi del debito sovrano europeo all’inizio dell’ultimo decennio. È richiesto il salvataggio di più stati. Dopo la crisi, Mr. Le banche italiane hanno ignorato le richieste di fusione di Troki e altri regolatori. Roma ha avuto un ruolo da svolgere nel mantenere in vita banche complesse invece di esercitare pressioni sulle vendite o sul flusso di cassa, il che sarebbe dannoso per i depositanti e i risparmiatori che hanno investito in titoli bancari.

READ  Prodotto a Washington, DC, ha un sapore italiano

Per molti anni i corsi azionari delle banche italiane sono stati i peggiori a livello globale, ma quest’anno sono migliorati di nuovo con la ripresa dell’economia. Gli investitori sentono il cambiamento di tono quando si tratta della possibilità di fondersi.

“Le banche italiane hanno offerto un’opportunità irripetibile per risolvere i problemi che hanno avuto per anni”, ha affermato Antonio Amendola, portfolio manager di Ascoma SGR, asset manager.

Unicredit emergerà come acquirente. Indesa Sanpolo ha perso il suo posto come la più grande banca del paese dopo ISNBY lo scorso anno. 0,18%

UPI ha preso Banga Spa come spa. Sig. Che è stato recentemente l’amministratore delegato. In precedenza l’Arsenal era a capo dell’investment banking di UPS Group A.G.

E ha creato un’impresa che fa contratti bancari europei.

Target per Unicredit Banga Monte de Pacchi de Ciana PMPS 0,45%

Secondo chi conosce la materia, le terme sono una meta perenne del sistema bancario europeo.

Tuscan Bank è stata nazionalizzata nel 2017 dopo anni di quasi fallimento e appesantita da un cattivo credito e da negligenze legali. Roma ha concordato con le autorità europee di rimborsare la banca entro aprile 2022.

Unigredit Bango è anche interessata ad esplorare una relazione con BPM Bami 2,12%

Secondo chi conosce la materia, Spa è la terza banca italiana per patrimonio. BPM serve principalmente la ricca regione italiana della Lombardia,

Sig. Secondo Arcel Banks, possono essere prese entrambe le banche o PPM.

In un evento il mese scorso, l’amministratore delegato di BPM Giuseppe Costagna ha identificato di voler partecipare alle operazioni, ma non come acquirente. “Abbiamo bisogno di tre grandi banche nazionali in grado di competere a livello nazionale ed europeo”, ha affermato.

READ  Perché l'Italia non ha investito di più nel riscaldamento globale?

Bango BPM ha rifiutato di commentare ulteriormente. Unicredit e MBS hanno rifiutato di commentare.

L’Italia sta anche cercando di vendere un altro prestatore complesso, Banga Garris Spa, che sarà rimborsato nel 2019 dal fondo di protezione dei depositi del paese. Il fondo, che sarà erogato con i contributi delle banche, attualmente elenca potenziali candidati.

È improbabile che acquirenti stranieri partecipino a contratti italiani. I collegamenti transfrontalieri per costruire veri pesi massimi europei sono difficili da attuare a causa dell’opposizione delle autorità nazionali e della mancanza di un piano di assicurazione dei depositi a livello di zona euro. I collegamenti transfrontalieri offrono inoltre alle banche minori risparmi sui costi.

Copyright © 2020 Dow Jones & Company, Inc. Tutti i diritti riservati. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8