junio 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Italia introduce il credito d’imposta per gli studi sportivi

Il governo italiano ha annunciato l’introduzione di un credito d’imposta per gli sviluppatori di videogiochi.

Le aziende che producono giochi ricevono un credito d’imposta dall’1% al 25% sui costi di sviluppo. Per qualificarsi, l’azienda deve avere la propria sede nello Spazio Economico Europeo ed essere tassata in Italia.

Il credito d’imposta non è stato ancora approvato dall’Unione Europea prima di essere pienamente operativo.

Il ministro della Cultura Tario Francescini ha dichiarato: “I videogiochi, come il frutto di geni creativi, cinema e audiovisivi, hanno ragione a essere sostenuti se riconosciuti come opere di particolare valore culturale.

“In Italia il settore cresce in modo esponenziale, con numerose start up sotto i 30 anni capaci di realizzare prodotti di alta qualità e attrarre importanti prodotti internazionali e sviluppare giovani talenti.

Con questo annuncio, l’organizzazione di categoria IITEA ha pubblicato la sua annuale Italian Sports Career Survey, che mostra che attualmente 1.600 persone sono impiegate nello sport nel paese, rispetto alle 1.100 del 2018. Il 79% dei dipendenti ha meno di 36 anni.

Ci sono circa 160 studi di sviluppo di giochi nel paese. Il 26% di loro guadagna più di 000 500.000.

Un terzo di tutti gli studi italiani ha più di 10 dipendenti e un quinto ha più di 20 dipendenti. Il 73% degli sviluppatori è attivo da più di quattro anni. Puoi leggere l’intero censimento Su questa pagina.

I consumatori in Italia hanno speso $ 2,18 miliardi per i giochi lo scorso anno, in crescita del 21,9% rispetto agli $ 1,79 miliardi registrati nel 2019.

Anche l’Australia ha recentemente introdotto agevolazioni fiscali per gli studi sportivi.

READ  L'Italia vede la riapertura del Vista Palazzo Lago de Como