diciembre 9, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Maggiori informazioni su Brunello Cucinelli, Giorgio Armani e la lotta con il Covit-19 in Italia

Brunello Cucinelli nel suo ufficio.

Francesco Prijida

Beauty Park, il progetto di riqualificazione Edenic di 250 acri di Brunello Cucinelli, presenta un campo da calcio giovanile, marciapiedi, vigneti rigogliosi, campi di grano dorati e tappeti argentati di erba medica nella valle che circonda la sua sede di Solomio, in Italia. Con la scritta «Tributo alla dignità umana». Gestisce anche un sito di vaccinazione che ha offerto più di 30.000 corsi Pfizer questo aprile. “Bisogna essere creativi nei momenti difficili”, dice Cucinelli.

Quando il nord Italia è diventato il centro del Covit-19 nel febbraio 2020, è stato personalmente posizionato per aiutare la sua comunità locale. Il padre centenario di Cucinelli, Umberto, ha lavorato come agricoltore e poi come operaio in una fabbrica di cemento, trasformando il villaggio di Umbria in un vivace centro di produzione del Kashmir a due ore a nord di Roma negli ultimi quattro decenni. La maggior parte dei suoi residenti. «Papà, qual è il giorno più bello della tua vita?» Ricordo di aver sentito questo «ricordò Cusinelli.» Lo disse l’8 maggio 1945, quando annunciarono la fine della guerra. Ma devo dire che il 9 novembre 2020 è stato il giorno più bello della mia vita quando abbiamo appreso la notizia che Pfizer ha sviluppato un candidato vaccino di successo.

Poco prima che l’Italia entrasse in un blocco di due mesi nel marzo dello scorso anno, Cucinelli ha istituito la propria forza di ricerca e forense, che è andata nelle case del personale sintomatico e ha fatto irruzione a tutti i membri della famiglia e ha fornito loro cibo e provviste. Isolarsi. Secondo Cusinelli, l’azienda ha visto solo 26 positivi su 1.200 dipendenti locali. Ha donato gli articoli invenduti in tutto il mondo a enti di beneficenza attraverso il programma Brunello Cucinelli for Humanity e ha lavorato con contatti in Cina per fornire 600.000 mascherine e 11 ventilatori a un ospedale regionale di Perugia. “Ora è il momento di un nuovo contratto sociale”, dice Cucinelli. «Penso che dobbiamo riscoprire l’equilibrio tra profitto e rendimento. Questa epidemia ha riaffermato la nostra speranza che l’umanità non tornerà.

Cucinelli ha sempre restituito alla sua comunità. Ma la crisi del Covit-19 ha spinto l’intera industria della moda italiana a prendere provvedimenti urgenti, con case e aziende che utilizzano le loro risorse e connessioni per costruire DPI, fonti di ventilazione e centri di vaccinazione. Infatti, quasi due anni dopo l’epidemia, molti di loro si sono offerti volontari per continuare a fornire assistenza umanitaria e supporto ai ricercatori medici che combattono il virus.

«Sono un decisore e un uomo attivo», afferma Giorgio Armani, il primo stilista a trasmettere in streaming il suo spettacolo senza pubblico, il 23 febbraio 2020, due giorni dopo la scoperta di diversi casi del governo 19 in una piccola città vicino a Milano. . «Quando era chiaro che era necessario agire, non ho mai dedicato del tempo a parlare delle cose. Quindi, quando ho visto cosa stava succedendo, non potevo stare fermo, dovevo fare qualcosa. E in fretta».

Cartelloni Giorgio Armani via Proleto a Milano - disegno di Franco Rivley

Cartellone Giorgio Armani a Milano, grazie al servizio degli operatori sanitari.

Per gentile concessione di Giorgio Armani

Poco dopo la chiusura dell’Italia, Armani ha donato € 2.000.000 ($ 2.200.000) agli ospedali di Milano, Roma, Bergamo, Piacenza e Versailles, consentendo di acquistare in fretta ventilatori e DPI. Il Gruppo Armani ha mantenuto aperti i suoi stabilimenti produttivi italiani durante la serrata del Paese, producendo oltre 30.000 aggregati medici da distribuire a ospedali e strutture sanitarie.

Le luci erano accese in una delle fabbriche domestiche di Prada; Ha prodotto 80.000 totali medici e 110.000 maschere. I co-CEO Miuccia Prada e Patrizio Bertelli e l’allora presidente Carlo Massi hanno donato per aggiungere sei unità di terapia intensiva a tre ospedali di Milano. Lo scorso ottobre, la maison ha raccolto più di 500.000 dollari per l’UNESCO Covit-19 Global Education Alliance mettendo all’asta le sfilate Epimera, come le sculture di Rem Coolhass e il look da passerella indossato da Gigi Hadid. Bottega Veneta, nel frattempo, ha scelto di finanziare direttamente la ricerca scientifica, mettendo a disposizione 300.000 (320.000 $) per creare tre borse di studio biennali presso le università di Roma, Padova e Napoli. «Riconosciamo che sostenere i professionisti medici che salvano la vita degli altri dovrebbe essere la nostra priorità in questo momento», ha affermato Daniel Lee, Direttore di Creativity. Ha assegnato borse di studio per la ricerca sui vaccini allo Jenner Institute dell’Università di Oxford, in Bulgaria e alla Rockefeller University di New York.

READ  Anteprima mondiale IIHF: Canada vs Italia

«In tempi come questi, è importante essere uniti e solidali, ma chi è in prima linea sta lottando per salvare centinaia di vite ogni giorno», ha detto Donadella Versace, che ha donato மகள் 200.000 ($ 220.000) per finanziare l’unità di terapia intensiva a Milano Ospedale con sua figlia Alegra.

Partner del fondo bulgaro per la scienza delle donne alla Rockefeller University, Sandra Nakandakari

Sandra Nakandakari, una donna bulgara e collega di scienze, lavora nel suo laboratorio alla Rockefeller University.

Per gentile concessione della Bulgaria

Foto di rilievo del governo di Prada

Un dipendente della fabbrica Prada cuce mascherine.

Per gentile concessione di Anna Catalano

Gucci ha donato € 2.000.000 ($ 2.200.000) a sostegno di due campagne di crowdfunding per l’Organizzazione Mondiale della Sanità e il Dipartimento della Protezione Civile italiano. Valentino ha donato € 1.000.000 ($ 1.100.000) a un ospedale di Roma come parte della sua campagna #ValentinoEmpathy. (Ad agosto, il direttore creativo di Valentino Pierpaolo Piccioli ha scritto su Instagram: «Il vaccino non è una scelta. È una responsabilità civile. Non puoi essere libero di rispettare gli altri.)) Allo stesso modo, Mankler ha contribuito a creare un gigantesco centro di vaccinazione a Milano. Giardino quadrato generale.

La scorsa primavera, lo spazio della sfilata Armani, l’Armani / Detro disegnato da Tadao Ando, ​​era pieno di infermiere che tenevano i colpi nelle loro mani invece di colpire i modelli sulla passerella. «Devo dire che la risposta dell’industria della moda a questa situazione è stata rapida e razionale», risponde Armani. “Ognuno ha fatto il proprio lavoro per aiutare. E questo è fantastico da guardare. Il fashion system a volte è pieno di ego. Questa volta abbiamo agito in unità. Questa, credo, è la lezione più importante: dobbiamo essere forti e uniti. Perché solo restando uniti possiamo superare questo momento terribilmente difficile.

READ  Lezioni dalla Campagna Vaccinazione Italia

Questo articolo è apparso per la prima volta nel numero di ottobre 2021 di Harper’s BAZAAR, disponibile in edicola dal 5 ottobre.

Scarica l’ultimo numero di Bazaar