octubre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’introduzione della macchina per servire pizza in Italia e la gente del posto non era contenta

Gli italiani possono apprezzare la pizza, ma sono comunque separati quando vendono pizze automatiche. Un nuovo distributore automatico di “Mr. Go Pizza” è stato installato a Roma, con le recensioni di cibo riscaldato rapidamente che sono “accettabili” per prime spaventose. Non c’è modo che questa macchina possa ottenere gli elogi di un ottimo ristorante in Italia, dove una persona si rifiuta di chiamare il prodotto della macchina “pizza”.

La macchina vende quattro diverse pizze, che vanno dai 4,50 ai 6 euro, circa da 20 5.20 a 20 7.20, note Reuters. La macchina ha anche una piccola finestra di vetro, così i clienti possono guardarla impastare e lanciare le sue cime durante la cottura. Un cliente, ha detto Claudio Zambika Reuters Pizza “Accettabile se si va di fretta.” Ha anche menzionato quanto sia piccola la pizza rispetto agli ingredienti che di solito ottieni in un ristorante.

(Foto: FILIPPO MONTEFORTE / AFP tramite Getty Images)

La pizza è nata a Napoli, quindi non sorprende che una persona che non è davvero ispirata dalla macchina per pizza sia Fabrice Buglisi di Napoli, che studia nella capitale italiana. Diceva “OK, ma non è pizza”. Buglisi la paragonava alla “piatina”, un sottile involucro di pane azzimo tipico del nord Italia. Gina, che non ha dato il suo cognome, ha definito “terribile” la pizza che è uscita dalla macchina e ha detto che la pizza “ha davvero bisogno di essere mangiata subito calda, per me non funziona”.

La nuova macchina “Mr. Go Pizza” non ha suscitato tanto scalpore. A Glasgow, in Scozia, il distributore automatico di pizza, noto semplicemente come macchina per pizza, è stato installato in Blackfriars Road a novembre e da allora è diventato popolare tra gli studenti. Questa macchina può contenere fino a 96 pizze surgelate, che vengono poi cotte e servite in tre minuti Glasgow in diretta.

L’unico problema ora è che è stato installato senza il permesso della città e gli urbanisti ora si rifiutano di consentirlo. Hanno citato il rumore e i fumi della cucina, che “avrebbero influenzato in modo inaccettabile il comfort residenziale delle proprietà vicine”. I proprietari del motore si sono opposti, dicendo che il motore era completamente elettrico e non generava scintille. Il piano del proprietario di impugnare la decisione.

READ  Rinnovo rendimenti obbligazionari 1 italiani fissati per la prima settimana di marzo

A gennaio, Pizzaforno, con sede a Toronto, ha annunciato l’intenzione di portare i suoi “forni automatici per pizza” negli Stati Uniti. Cucchiai. Le sue macchine possono contenere fino a 70 pizze preconfezionate in otto diverse varietà. Tecnologia API, Una società francese, sta cercando di portare la sua tecnologia di vendita della pizza negli Stati Uniti L’azienda francese prevede di vendere la sua tecnologia alle aziende alimentari e quindi immagazzinare le macchine con le pizze che vogliono vendere.