diciembre 9, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’ufficio del sindaco è occupato da Roma e da altri flussi italiani

ROMA (AP) – Gli elettori italiani hanno in gran parte eliminato i candidati popolari, compreso il sindaco della capitale italiana, nelle elezioni di domenica a sindaco a Roma, Torino, Trieste e in diverse città minori.

In tutto, sono state decise circa 65 gare di sindaco in una votazione che proseguirà lunedì, con risultati attesi per quella sera.

I ballottaggi si svolgono nelle città in cui nessun candidato ha ricevuto più del 50% dei voti al primo turno due settimane fa.

Dopo la sconfitta del sindaco operativo a 5 stelle Virginia Rocky, si è candidata alla presidenza della candidata democratica e candidata eletta dai Fratelli in Italia. Ha un forte sostegno nella capitale.

Al primo turno, il candidato di centrodestra Enrico Michetti ha superato la coalizione di 22 membri con il 30% dei voti, seguito da Roberto Gualteri, che è stato ministro dell’Economia nel precedente governo nazionale di centrosinistra guidato da Giuseppe Conte. Il 27% ha vinto.

Durante la campagna, Michetti, un avvocato nuovo in politica, è stato ostacolato da accuse antisemite a seguito di commenti scritti sull’Olocausto. Michetti ha affermato che altri genocidi non erano così mirati come l’Olocausto perché non erano legati ai poteri bancari. Dopo le proteste della piccola comunità ebraica in Italia e di altri, Mysetti si è scusato per aver ferito i sentimenti degli ebrei.

Nel primo turno del voto del sindaco, il popolo italiano è stato sconfitto. Oltre a Roma, il 5 stelle ha perso anche il municipio di Torino, una delle principali città del nord. Uno dei volti più importanti del movimento, il sindaco di Torino Sierra Appendino, ha rifiutato di candidarsi per un secondo mandato, e il candidato 5 stelle questa volta non ha fallito.

READ  L'Italia vuole processare quattro agenti egiziani per uccidere uno studente italiano

Le vittorie a 5 stelle nelle elezioni del sindaco del 2016 hanno contribuito a dare slancio alle elezioni nazionali del 2018, rendendolo il più grande partito in parlamento. Le prossime elezioni nazionali in Italia sono fissate per il 2023.