octubre 23, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’UE revoca il divieto ai viaggiatori statunitensi: NPR

Le persone si godono il sole di maggio dalle terrazze dei caffè della Grand Place di Bruxelles. Venerdì, l’Unione europea ha aggiunto gli Stati Uniti all’elenco dei paesi i cui cittadini e residenti devono poter viaggiare liberamente all’interno del blocco.

Francois Walcharts/AFP tramite Getty Images


Nascondi didascalia

Cambio didascalia

Francois Walcharts/AFP tramite Getty Images

Le persone si godono il sole di maggio dalle terrazze dei caffè della Grand Place di Bruxelles. Venerdì, l’Unione europea ha aggiunto gli Stati Uniti all’elenco dei paesi i cui cittadini e residenti devono poter viaggiare liberamente all’interno del blocco.

Francois Walcharts/AFP tramite Getty Images

Gli americani possono ora visitare di nuovo l’Unione europea, indipendentemente dal fatto che siano stati vaccinati o meno. Il Consiglio europeo ha Aggiorna il suo elenco di paesi I suoi cittadini e residenti dovrebbero poter viaggiare liberamente nei 27 stati membri del blocco e, infine, negli Stati Uniti.

Ma prima di salire su un aereo, sii consapevole della possibilità di una cattura. In effetti, ci possono essere 27 diverse combinazioni di essi. Mentre l’elenco aggiornato pubblicato venerdì è una raccomandazione su chi potrebbe essere autorizzato a entrare in base allo stato di salute del proprio paese d’origine, ogni governo dell’UE prende le proprie decisioni sulle frontiere. Ciò include quali nazionalità devono essere accettate, se all’arrivo sono richiesti test PCR o MERS-CoV rapidi e se la quarantena è obbligatoria. E mentre la Commissione europea, il ramo esecutivo dell’UE, esorta categoricamente i paesi a coordinare tali regole con i loro vicini per garantire la mobilità, questo appello è spesso caduto nel vuoto amministrativo.

READ  L'attacco virale alla lavastoviglie della nonna afferma di risolvere un problema secolare

C’è un altro fattore che i governi dell’UE possono prendere in considerazione quando decidono se concedere l’accesso ai viaggiatori statunitensi: la reciprocità. Il governo degli Stati Uniti non ha ancora revocato il divieto di viaggi non essenziali per gli europei. È un punto dolente. “Inutile dire che ci aspettiamo lo stesso dai paesi partner non UE per i cittadini dell’UE che viaggiano in quei paesi”, ha affermato il portavoce della Commissione europea, Adalbert Ganz.

Gli Stati Uniti e l’Unione Europea Martedì vertice Ha dato nuova speranza agli europei che speravano di dirigersi verso ovest.

“Abbiamo ricevuto assicurazioni che questa è una questione della massima priorità per l’amministrazione degli Stati Uniti”, ha detto Ganz, aggiungendo che un gruppo di lavoro congiunto si è riunito venerdì con l’obiettivo di “riprendere i viaggi sicuri e sostenibili tra l’Unione europea e il Stati Uniti.”

Alberto Alemanno, professore di diritto e politica dell’Unione europea presso la HEC Business School di Parigi, ritiene che la riluttanza degli Stati Uniti ad aprire le frontiere ai turisti europei sia in gran parte dovuta a “una percezione negativa della gestione della pandemia da parte dell’UE – in particolare i suoi lenti programmi di vaccinazione .” In altre parole, l’Europa non è vista come sicura [yet]. “

Ma Gans è ottimista sul fatto che questo stia cambiando. Ha osservato che “la situazione epidemiologica nell’Unione europea sta migliorando”. “E stiamo, ovviamente, mettendo in atto una solida infrastruttura per facilitare i viaggi sicuri grazie alla certificazione digitale COVID dell’UE, progettata per facilitare l’identificazione transfrontaliera dei casi di test o vaccinazione.

READ  Yun Lucy Lee e Oliver Carava sono stati arrestati per l'omicidio di Tyler Pratt a Hamilton, Canada

Ha aggiunto: “Quindi speriamo di trovare soluzioni praticabili anche per gli Stati Uniti”.

Nel frattempo, il settore del turismo europeo sta aspettando con impazienza il ritorno dei suoi clienti più redditizi al di fuori dell’Unione Europea. L’anno scorso è stato un “disastro”, afferma Jeroen Robb, portavoce di Visit.Br Brussels, l’agenzia di comunicazione turistica della capitale belga. Rob ha spiegato che l’80% dei visitatori di Bruxelles di solito proviene dall’estero, molti dei quali dagli Stati Uniti. “Siamo molto felici di vedere i turisti americani tornare nella nostra città”.

Anche Eduardo Santander, direttore esecutivo della European Travel Commission, l’organizzazione ombrello per le agenzie turistiche di tutto il continente, ha espresso ottimismo, ma ha affermato che rimangono importanti domande.

“Pensiamo che questo sia un ottimo inizio, ma dobbiamo ancora leggere le lettere minuscole”, ha detto, esortando i potenziali viaggiatori a fare lo stesso. “Probabilmente ci vorranno due settimane perché ci sia certezza su tutte le piccole cose che un viaggiatore deve considerare prima di venire in Europa, e in particolare, la questione del movimento all’interno dell’Unione europea” se i governi non coordinano le normative sulle frontiere.

Santander avverte che la mancanza di reciprocità per i viaggiatori europei che vogliono andare negli Stati Uniti potrebbe essere un problema anche per gli americani, perché le compagnie aeree avranno bisogno di persone che vadano in entrambe le direzioni per riprendere i loro itinerari. Ma crede che entro la metà di luglio le cose andranno lisce e che l’alta stagione turistica di quest’anno potrebbe durare fino all’autunno per soddisfare la domanda repressa.

READ  I giornalisti hanno bloccato le osservazioni di Kamala Harris alle truppe a Pearl Harbor senza spiegazioni