noviembre 30, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Lo studio ha scoperto che anche un lieve COVID nei giovani spesso porta a sintomi a lungo termine

Ingrandisci / Un assistente medico UNLV amministra il vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 per uno studente di infermieristica UNLV.

Anche i casi lievi di COVID-19 nei giovani adulti spesso portano a sintomi a lungo termine e complicazioni di salute che durano per sei mesi o più, secondo il Un piccolo studio norvegese pubblicato questa settimana su Nature Medicine.

I ricercatori dell’Università di Bergen hanno seguito attentamente 312 persone con casi confermati di COVID-19 per almeno sei mesi. Di questi, 247 avevano una malattia da lieve a moderata e sono stati isolati a casa, senza mai ammalarsi abbastanza da essere ricoverati in ospedale. Sei mesi dopo un risultato positivo del test, 136 su 247 (55 percento) avevano ancora sintomi cronici. E quei 136 non sono solo nei gruppi di età più avanzata. Infatti, in tutte le fasce di età tra i 16 e gli over 60, tra il 50% e il 60% dei pazienti COVID riporta sintomi persistenti.

Ad esempio, tra le persone di età compresa tra 16 e 30 anni, il 52 percento (32 su 61) aveva ancora sintomi di COVID-19 dopo sei mesi. I sintomi più comuni erano disturbi del gusto e/o dell’olfatto, affaticamento, difficoltà di respirazione, difficoltà di concentrazione e problemi di memoria.

Lo studio è piccolo e le percentuali esatte potrebbero non reggere in studi più ampi. Tuttavia, si aggiunge a un numero crescente di dati che hanno riscontrato che i sintomi a lungo termine di COVID-19 sono comuni, anche nei giovani adulti e/o nelle persone con malattie lievi o addirittura asintomatiche.

a Studio preliminare non sottoposto a revisione paritaria pubblicato a marzoNello studio, i ricercatori hanno scoperto che un terzo dei pazienti identificati attraverso le cartelle cliniche come affetti dal cosiddetto COVID-19 «a lungo termine» inizialmente riportava casi asintomatici. Gli autori dello studio, guidati da ricercatori in California, hanno tracciato le cartelle cliniche elettroniche di 1.407 pazienti risultati positivi al coronavirus, ma quegli individui non erano abbastanza malati da essere ricoverati in ospedale quando sono stati infettati. Dei 1.407, circa il 27% – 382 persone – ha sviluppato sintomi a lungo termine e un terzo inizialmente era asintomatico.

READ  Nuova variante COVID trovata in Francia: motivo di panico o non ancora?

Allo stesso modo, in Un altro studio è stato pubblicato questo meseI ricercatori hanno monitorato i record di assicurazione sanitaria di quasi due milioni di persone che sono risultate positive al coronavirus. I ricercatori hanno scoperto che circa il 23% dei pazienti ha cercato assistenza per una nuova condizione medica dopo il COVID dopo un mese o più. Tra le persone che hanno avuto casi da lievi a moderati di COVID-19 che non hanno richiesto il ricovero in ospedale, il 27% ha manifestato sintomi persistenti, così come il 19% delle persone che inizialmente hanno riportato casi asintomatici.

Gli autori dello studio norvegese hanno espresso preoccupazione per la ricerca di casi lievi nei giovani che portano a problemi a lungo termine. «È allarmante che i giovani adulti che non sono stati ricoverati in ospedale (di età compresa tra 16 e 30 anni) abbiano avuto sintomi potenzialmente gravi, come problemi di concentrazione e memoria, mancanza di respiro e affaticamento, sei mesi dopo l’infezione», hanno scritto gli autori. “Soprattutto per gli studenti, questi sintomi possono interferire con i loro progressi nell’apprendimento e nello studio… Dato che milioni di giovani sono stati infettati durante la pandemia in corso, i nostri risultati sono un potente motivatore per il controllo completo delle infezioni e la vaccinazione di massa della popolazione. «