mayo 9, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Lo scioglimento del ghiaccio rivela i monumenti della prima guerra mondiale nelle Alpi italiane | Ghiacciai

D.Ha scavato dei tronchi in una grotta in cima al Monte Scorlusso, una vetta di 3.095 metri che domina il Passo dello Stelvio. Per i successivi tre anni e mezzo, quando combattevano contro le truppe italiane in quella che divenne nota come la Guerra Bianca, circa 20 uomini dell’esercito austro-ungarico rimasero in un luogo umido, un paesaggio alpino infido e severamente freddo durante la prima guerra mondiale

Combattuta principalmente nelle Alpi della Lombardia Italia E le Dolomiti del Trentino Aldo-Adiz, un periodo di gelida storia che risale agli anni ’90, quando il riscaldamento globale ha iniziato a rivelare una classificazione dei monumenti preservati: armi, slitte, lettere, diari e ritiri. I ghiacciai si precipitarono, corpi di soldati.

Si sa da tempo che lo sbarramento in vetta allo Scorluzo, ma solo nel 2015, quando il ghiaccio che lo ha ricoperto per quasi 100 anni completamente sciolto, è riuscito a entrare. Quando la guerra finì nel novembre 1918 il rifugio fu frettolosamente chiuso ei soldati abbandonarono la maggior parte dei loro beni. Dentro c’erano i dettagli della loro vita quotidiana: letti di paglia, vestiti, lampade, giornali, cartoline, monete, cibo di latta e ossa di animali che erano vuote nel midollo.

All’interno delle grotte del Monte Scorlusso. Foto: Parco Nazionale dello Stelvio

La grotta è stata ora scavata e il rifugio e tutti i suoi manufatti saranno esposti in un museo all’apertura nel 2022 nella città lombarda di Bormio.

Stefano Morosini, storico e coordinatore dei progetti per il patrimonio del Parco Nazionale dello Stelvio, ha dichiarato: “Le caserme sono la capsula temporale della Guerra Bianca”. La conoscenza che possiamo raccogliere oggi dai monumenti è un risultato positivo della realtà negativa del cambiamento climatico .

Si ritiene che molti più soldati siano stati uccisi da valanghe, montagne o basse temperature di quanti ne siano stati uccisi durante i combattimenti. Decine di cadaveri per lo scioglimento delle nevi dell’ultimo decennio, alcuni in divisa. La scorsa estate, un escursionista è inciampato Resti di un soldato Parte di una catena montuosa che attraversa la Lombardia e il Trentino è coperta dalla bandiera italiana sul ghiacciaio dell’Adamello. Nel 2017, i parenti di un soldato italiano sono riusciti a seppellirlo dopo che sul ghiacciaio Prasena sono stati trovati documenti che ne rivelavano l’identità con il suo corpo.

“Ogni due o tre anni viene ritrovato un cadavere, di solito nei luoghi dove c’è stata una lotta per il ghiacciaio”, ha detto Marco Kissoni, un membro dello staff del Museo della Guerra Bianca in Adamello, che ha collaborato allo scavo del Monte Scorlusso.

Straordinari resti umani furono trovati in un ghiacciaio in scioglimento prima che le tombe ghiacciate dei soldati venissero dissolte Nel 1991, due escursionisti tedeschi scoprirono il corpo di mummia di 5.300 anni fa di un cacciatore nelle vicine Alpi Etstal, in Italia. Confine con l’Austria. Il corpo di “Etsy The Iceman” pieno di bambole è in mostra in un museo di Bolzano.

“L’invenzione di Etsy è enorme”, ha detto Morozini. “Il monumento della preistoria era qui, e oggi troviamo i monumenti della prima guerra mondiale”.

Il ghiacciaio Glatzi ha aperto la strada all’archeologia. Una roccia che si ritiene abbia 3.500 anni è stata scoperta dal ghiacciaio Forney in ritirata, che fa parte del Parco Nazionale dello Stelvio.

Passo dello Stelvio, Alto Adige, Monte Scorlusso a destra.
Passo dello Stelvio, Alto Adige, Monte Scorlusso a destra. Foto: Parco Nazionale dello Stelvio

Gli effetti del cambiamento climatico sono visibili in tutte le Alpi italiane. Forney, uno dei ghiacciai più grandi d’Italia, si è ritirato di 800 metri negli ultimi 30 anni e di 2 km nel secolo scorso.. Nell’estate del 1987, una guardia del rifugio guardando verso Forney ha visto enormi iceberg da un ghiacciaio in mezzo a forti tempeste che alla fine hanno innescato una valanga vulcanica che ha ucciso 43 persone.

Luca Petrotti, coordinatore scientifico del Parco Nazionale dello Stelvio, afferma che lo scioglimento del ghiacciaio sta cambiando anche le dinamiche della vegetazione nella regione, mentre l’aumento delle temperature ha portato a un calo del numero di animali selvatici, tra cui samoiedo, cervo e crociere. “Alcune specie sono davvero vulnerabili perché sono così adattate al fresco ambiente alpino”, ha detto Petroddy. “Quindi devono andare sempre più in alto alla ricerca di temperature più fresche e di cibo di migliore qualità”.

Bottiglie e barattoli prelevati dalle rocce delle caverne.
Bottiglie e barattoli prelevati dalle rocce delle caverne. Foto: Parco Nazionale dello Stelvio

Petrotti ha detto che gli esseri umani sono responsabili del cambiamento climatico tanto quanto il paesaggio alpino alpino. Vicino a Storlio si trova il Ghiacciaio dello Stelvio, dove in estate si radunano i pattinatori estremi dagli anni ’50. “Siamo riusciti a coltivare da un giardino e siamo entrati in un ambiente con molto turismo – ha una forte impronta nel paesaggio”, ha detto Petroddy. “Abbiamo bisogno di turismo, ma abbiamo bisogno di sicurezza. Due cose non seguono sempre la stessa strada”.

Con previsioni meteorologiche avverse, lo scioglimento del ghiacciaio è solo una questione di tempo prima che lo sci sul ghiacciaio dello Stelvio si fermi.

In uno studio pubblicato lo scorso anno, i ghiacciai italiani si stavano sciogliendo, in particolare Marmolada, Il ghiacciaio più grande e simbolico delle dolomiti.

“Le dimensioni della Marmolada stanno diminuendo drasticamente e non abbiamo idea di come fermare questo processo”, ha detto Aldino Ponteson, professore di geofisica all’Università di Padova e membro dell’Italian Glacier Group, che supervisiona i 200 italiani. 900 ghiacciai.

Nel frattempo, i cambiamenti nel cambiamento permanente della montagna nelle Alpi comportano anche il rischio di innescare frane.

“Quando mi è stato chiesto 20 o 30 anni fa se sono d’accordo con il cambiamento climatico, la mia risposta non è stata così tagliente come la risposta che do oggi”, ha detto Pondeson. “I modelli climatici non sono così chiari … ma ora abbiamo più di un secolo di dati, e ogni volta che vai sulle Alpi vedi come stanno cambiando le cose”.

READ  L'introduzione della macchina per servire pizza in Italia e la gente del posto non era contenta