diciembre 8, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

«L’Italia è uno dei miei paesi preferiti»

Intervenuto a Sky Sport durante la finale ATP di Torino, Roger Federer ha parlato del suo rapporto con l’Italia e della possibilità di giocare nei prossimi anni nel Master di fine anno. Il maestro svizzero ha dichiarato: «Sono stato in Italia di recente? Una volta, in un weekend romantico a Milano.

L’ho adorato, vogliamo tornare: la moda, per le persone che voglio essere lì. Purtroppo il tempo spesso non lo permette a causa della cala, e sono ottimista per il futuro perché l’Italia è uno dei miei paesi preferiti.

Mi sono divertito su tutte le superfici e sicuramente sarei stato meglio se fossi stato a Torino. Non vedo l’ora di giocare in futuro e il prossimo anno sarà difficile perché tornerò nella seconda metà della stagione. Guardo belle partite, il DNA italiano aggiunge valore allo spettacolo e all’organizzazione di questa partita.

Peccato per Fertini, ma Janick Sinner lo ha cambiato in meglio», ha concluso Federer.

Roger Season

Roger FedererL’ ultima stagione purtroppo ha continuato a soffrire di problemi al ginocchio.

Lo svizzero, dopo un’importante operazione, è tornato in campo per l’ATP 250 di Doha e successivamente ha preso parte a due eventi su terra battuta. Nel primo caso ha deciso di giocare una partita casalinga a Ginevra; Secondo ha vinto tre partite al Roland Garros, prima di ritirarsi poche ore dopo il match con Matteo Bertini.

Durante la stagione Bull, Federer ha poi gareggiato ad Halle e Wimbledon, dove ha raggiunto i quarti di finale e ha perso contro Hubert Hurcocks in tre set. Alla fine del Grande Slam di Londra, l’ex numero uno del mondo ha ammesso di avere ancora dolore al ginocchio, quindi ha deciso di sottoporsi nuovamente a un intervento chirurgico. La mossa gli ha fatto perdere l’intera stagione, in particolare le Olimpiadi di Tokyo e gli US Open.

READ  Vince il sindaco di centrosinistra italiano; Il declino della popolazione