enero 28, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Iran presenta bozze di sanzioni e questioni nucleari alle parti dell’accordo nucleare europeo

La bandiera iraniana è issata di fronte alla sede dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica a Vienna, Austria, 23 maggio 2021. REUTERS/Leonard Voyager // Foto d’archivio

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

VIENNA (Reuters) – Il principale negoziatore nucleare iraniano ha dichiarato giovedì che l’Iran ha fornito bozze alle potenze europee che partecipano al suo logoro accordo nucleare sulla revoca delle sanzioni e degli impegni nucleari, mentre le potenze mondiali e Teheran cercano di ripristinare l’accordo.

L’annuncio è arrivato il quarto giorno di colloqui indiretti tra Iran e Stati Uniti per il pieno ritorno dell’accordo. I colloqui sono ripresi dopo un’interruzione di cinque mesi sull’elezione da parte dell’Iran di un estremista anti-occidentale a presidente.

«Abbiamo consegnato loro due proposte di bozza… ovviamente devono verificare i testi che abbiamo fornito loro. Se sono pronti a continuare i colloqui, siamo a Vienna per continuare i colloqui», ha affermato Ali Bagheri Kani, un Iraniano. ai giornalisti.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

Un diplomatico europeo a Vienna ha confermato la consegna delle bozze di documenti.

In base all’accordo, Teheran ha limitato il suo programma di arricchimento dell’uranio, un potenziale percorso verso le armi nucleari, sebbene l’Iran affermi di cercare solo energia atomica civile in cambio di sollievo dalle sanzioni economiche imposte da Stati Uniti, Unione Europea e Nazioni Unite.

Ma nel 2018, l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha abbandonato l’accordo, definendolo troppo morbido con l’Iran, e ha reintrodotto dure sanzioni statunitensi, spingendo Teheran a violare le restrizioni nucleari sancite dall’accordo.

«Vogliamo revocare tutte le sanzioni in una volta», ha detto Bagheri ai giornalisti. Ha detto che una proposta iraniana su come verificare la revoca delle sanzioni – la massima priorità di Teheran nei colloqui – sarà consegnata alle parti europee in un secondo momento.

READ  National Geographic svela la lista dei viaggi "World's Best 2022"

Un alto diplomatico europeo ha stimato martedì che il 70-80% di una bozza di accordo per salvare l’accordo del 2015 è stato completato quando l’Iran e le potenze mondiali si sono incontrati l’ultima volta a giugno, anche se non era chiaro se Teheran avrebbe ripreso i colloqui da dove si erano interrotti.

Mentre Bagheri Kani ha affermato che tutto ciò che è stato negoziato durante i sei round di colloqui tra aprile e giugno è aperto alla discussione, un membro della delegazione iraniana ha affermato che «gli elementi della precedente bozza non approvata che erano incompatibili con l’accordo nucleare erano stati rivisti e le scappatoie sono stati riempiti». Bozze presentate dall’Iran.

Israele, che si è opposto all’accordo originale del 2015 in quanto troppo limitato per portata e durata, giovedì ha esortato le potenze mondiali Per interrompere immediatamente i colloqui con l’arcinemico. Ha citato un rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica secondo cui Teheran aveva iniziato a raffinare l’uranio con centrifughe più avanzate presso l’impianto di Fordow perforato in una montagna dove era vietato qualsiasi arricchimento in base all’accordo.

Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica Ha detto mercoledì L’Iran ha iniziato il processo di raffinazione dell’uranio fino al 20% di purezza con una serie, o gruppo, di 166 macchine IR-6 avanzate a Fordow.

Bagheri Kani ha in programma di incontrare il direttore generale dell’AIEA Rafael Grossi giovedì prossimo a Vienna, dove ha sede l’agenzia.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

(Copertina) di Parisa Hafezi Montaggio di Peter Graf e Mark Heinrich

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  La polizia di Hong Kong fa irruzione nel notiziario pro-democrazia, arresta 6