septiembre 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’ex ministro afghano Syed Saadat sta ora consegnando cibo in Germania

Syed Sadat è uno delle migliaia di afgani che hanno trovato casa in Germania.

Lipsia:

Una volta era un ministro in Afghanistan, ma si è dimesso ed era stufo della corruzione. Ora in Germania, Syed Sadat si guadagna da vivere consegnando pasti come corriere in bicicletta.

Per sei ore nei giorni feriali e da mezzogiorno alle 22:00 il sabato e la domenica, Sadat indossa il suo caratteristico cappotto arancione e il grande zaino quadrato, la pizza a navetta o altri ordini dei clienti.

“Non c’è assolutamente niente di sbagliato nel lavorare. Il lavoro è lavoro”, ha detto all’AFP.

“Se c’è un lavoro, significa che c’è una domanda pubblica.. qualcuno deve farlo”, ha detto.

Sadat è uno delle migliaia di afgani che hanno trovato casa in Germania negli ultimi anni.

Dal 2015, quando l’Europa ha visto un massiccio afflusso di persone in fuga dalle guerre principalmente dalla Siria e dall’Iraq, circa 210.000 afgani hanno chiesto asilo in Germania.

Questo li rende il secondo gruppo più numeroso di persone in cerca di protezione nel paese più popoloso d’Europa dopo i siriani.

Con il ritorno dei talebani al potere all’inizio di questo mese, la Germania ha anche evacuato circa 4.000 afgani, compresi quelli che hanno lavorato con le forze della NATO e altri bisognosi di protezione.

“a vantaggio privato”

Il viaggio di Sadat in Germania fu molto meno difficile.

È stato ministro delle comunicazioni dell’Afghanistan dal 2016 al 2018.

Ma il 50enne ha detto di essersi dimesso perché stanco della corruzione nel governo.

“Quando faccio questo lavoro come ministro, c’era una differenza tra me e la cerchia ristretta del presidente”, ha spiegato.

READ  Ecco cosa devi sapere su una variabile lambda

“Le loro richieste erano per vantaggi privati ​​e volevo che i soldi per i progetti del governo fossero implementati correttamente.

Quindi non ho potuto soddisfare le loro richieste e poi hanno cercato di fare pressione su di me e su di me da parte del presidente.

Ha svolto un lavoro di consulenza nel settore delle telecomunicazioni in Afghanistan.

Ma entro il 2020 la situazione della sicurezza è peggiorata, ha affermato.

“Così ho deciso di andarmene”, ha detto all’AFP.

Essendo un doppio cittadino afgano-britannico, ha deciso di trasferirsi in Germania alla fine del 2020 prima che la Brexit rendesse impossibile ai britannici ottenere la residenza nell’UE senza condizioni come un’offerta di lavoro.

Avrebbe potuto assicurarsi un lavoro in Gran Bretagna, ma ha detto di aver visto più opportunità per il suo settore in Germania.

Ma senza il tedesco, Sadat, che è venuto da solo e si rifiuta di parlare della sua famiglia, ha detto che trova difficile trovare un lavoro.

Consigliare il governo?

La pandemia di coronavirus ha ritardato i suoi piani per imparare a parlare tedesco.

Ma ora prende lezioni di lingua quattro ore al giorno, prima di andare in bicicletta per l’azienda di consegna cibo Lieferando.

Il lavoro paga fino a € 15 (18 $) l’ora, che è sufficiente per coprire le sue spese di soggiorno, inclusi € 420 al mese di affitto.

Sadat ha detto di non pentirsi della sua decisione di trasferirsi in Germania.

“So che questa sfida dura un po’, quindi posso trovare un altro lavoro”, ha detto, notando i benefici fisici di pedalare per 1.200 chilometri (745 miglia) ogni mese.

READ  Una misteriosa donna con amnesia viene trovata a Krk, in Croazia, confessata dalla coppia a Los Angeles

Con i talebani tornati al potere e le forze della NATO che si ritirano dalla sua patria, vede un’altra potenziale opportunità per se stesso in Germania.

“Posso consigliare il governo tedesco sull’Afghanistan in modo che il popolo afghano ne tragga beneficio perché rifletto il quadro reale lì”, ha detto.

Ma ammette che le autorità tedesche non sono ancora state contattate su questo tema.

Per quanto riguarda i talebani, crede che possano aver “imparato dagli errori del passato” per quanto riguarda i diritti umani e delle donne.

Ma ha invitato la comunità internazionale a non voltare le spalle all’Afghanistan ea continuare a fornire sostegno economico.

Quando inizia il suo turno di mezzogiorno, tocca il telefono.

“Ora devo andare”, dice, guidando sotto la pioggia durante la sua prima consegna della giornata.

(Questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)