octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Etiopia espelle sette funzionari Onu, accusandoli di “interferenza”

Un carro armato danneggiato durante i combattimenti tra le forze di difesa nazionali etiopiche (ENDF) e le forze speciali del Tigray si trova alla periferia della città di Humera in Etiopia, 1 luglio 2021. REUTERS/Stringer/File Photo

ADDIS ABEBA (Reuters) – L’Etiopia sta espellendo sette alti funzionari delle Nazioni Unite, ha detto giovedì il ministero degli Esteri etiope, due giorni dopo che il commissario per gli aiuti delle Nazioni Unite ha avvertito che centinaia di migliaia di persone nella regione settentrionale del Tigray rischiano di soffrire la fame . blocco degli aiuti da parte del governo.

Questo passo avviene tra le crescenti critiche internazionali sulla situazione nel Tigray e tutte le parti coinvolte nei combattimenti nel nord dell’Etiopia Di fronte alla possibilità di sanzioni dal governo degli Stati Uniti.

Molti paesi temono che una ricaduta del conflitto in Etiopia – il secondo paese più popoloso dell’Africa e un peso diplomatico regionale – possa ulteriormente destabilizzare una regione già fragile.

Tra i sette espulsi c’erano i capi di Stato del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF) e il capo dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA). Il ministero ha detto in un comunicato che i sette avevano 72 ore per andarsene, accusandoli di “interferire” negli affari interni.

Una dichiarazione del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres si è detto “scioccato” dalle espulsioni e ha aggiunto: “Stiamo comunicando con il governo dell’Etiopia nella speranza di consentire al personale competente delle Nazioni Unite di continuare il loro importante lavoro”. Per saperne di più

Il Dipartimento di Stato non ha risposto immediatamente alle richieste di commento.

READ  Almeno 9 chiese canadesi sono state incendiate tra la rabbia degli indigeni nei collegi

Il conflitto tra le forze federali e quelle alleate con il Tigray People’s Liberation Front, il partito politico che controlla la regione, è scoppiato a novembre.

Le forze del Tigrayan hanno riconquistato gran parte dell’area alla fine di giugno, per poi spostarsi nelle regioni limitrofe di Afar e Amhara, costringendo centinaia di migliaia di persone a fuggire dalle proprie case.

Martedì, il funzionario per gli aiuti delle Nazioni Unite Martin Griffiths – il capo dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari – ha affermato che quasi tre mesi sono stati un “blocco di fatto” del confine con il Tigray. Ha limitato l’accesso agli aiuti 10% di quanto richiesto.

“Questo è causato dall’uomo e può essere risolto attraverso azioni del governo”, ha detto Griffiths, osservando che quasi un quarto dei bambini nel Tigray soffre di malnutrizione.

Cinque dei sette espulsi lavorano per l’Ufficio per il coordinamento degli affari umanitari; Un sesto serve per l’UNICEF e il settimo è per l’Ufficio dell’Alto Commissario per i diritti umani, che sta conducendo un’indagine congiunta con la Commissione per i diritti umani nominata dallo stato dell’Etiopia sulle denunce di uccisioni di massa di civili, stupri di gruppo e altri abusi nel Tigray.

Le autorità etiopi hanno precedentemente accusato gli operatori umanitari di favorire e persino armare le forze del Tigray, sebbene non abbiano presentato alcuna prova a sostegno delle loro accuse.

Ad agosto, l’Etiopia ha sospeso le operazioni della branca olandese delle associazioni di beneficenza mediche di Medici senza frontiere e del Consiglio norvegese per i rifugiati, accusandoli di armare “gruppi ribelli”. Per saperne di più

READ  Christchurch attacca: il produttore abbandona "They Are Us" mentre le critiche crescono | tiro a Christchurchrch

Finora, 23 operatori umanitari uccidere nel Tigray.

(copertina) di Dawit Endshaw e Inat Morsi; Segnalazioni aggiuntive di Julia Paravicini, montaggio di Kathryn Hureld, Allison Williams, Emilia Sithole Mataris, William MacLean

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.