octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Lituania vs Cina: i pesci baltici sfidano una superpotenza in ascesa

VILNIUS, Lituania – Non è un segreto che la Cina controlli strettamente ciò che la sua gente può leggere e scrivere sui propri telefoni cellulari. Ma è stato uno shock per i funzionari in Lituania quando hanno scoperto che un popolare dispositivo cinese venduto nello stato baltico aveva una caratteristica nascosta, anche se dormiente: un registro di censura di 449 termini vietati dal Partito comunista cinese.

Il governo della Lituania ha prontamente consigliato ai funzionari che usano i telefoni di sbarazzarsene, facendo arrabbiare la Cina, e non per la prima volta. La Lituania ha anche abbracciato Taiwan, una vibrante democrazia che Pechino vede come una provincia rinnegata, e si è ritirata da un forum regionale guidato dalla Cina e l’ha disprezzata come divisione nell’Unione Europea.

Indignata, Pechino ha richiamato il suo ambasciatore, interrompendo i voli di un treno merci cinese nel Paese e rendendo quasi impossibile per molti esportatori lituani vendere le loro merci in Cina. I media statali cinesi hanno attaccato la Lituania, deridendo le sue piccole dimensioni e accusandola di essere “l’avanguardia anti-cinese” in Europa.

Sul campo di battaglia della geopolitica, la Lituania contro la Cina non è una lotta leale: una piccola nazione baltica di meno di 3 milioni di persone contro una crescente superpotenza di 1,4 miliardi. L’esercito della Lituania non dispone di carri armati o aerei da combattimento e la sua economia è 270 volte più piccola di quella cinese.

Ma sorprendentemente, la Lituania ha dimostrato che anche i piccoli stati possono creare grattacapi per una grande potenza, specialmente una come la Cina i cui diplomatici sembrano intenzionati a far sì che altre nazioni seguano l’esempio. In effetti, la Lituania, che non commercia molto con la Cina, ha causato un fetore tale che gli altri membri dell’UE dovrebbero discutere la situazione in una riunione la prossima settimana. Niente potrebbe essere peggio per Pechino che se altri paesi seguissero l’esempio della Lituania.

Per la Lituania, le minacce e le bizze di Pechino non hanno indebolito la determinazione del governo, in parte perché la Cina ha poca influenza su di essa. In un’intervista, il ministro degli Esteri Gabrieleus Landsbergis ha affermato che il Paese ha una “politica estera basata sui valori” di “sostegno alle persone che sostengono i movimenti democratici”.

Altri paesi europei che hanno professato lealtà ai valori democratici hanno agito raramente nelle loro relazioni con la Cina. Eppure il partito di Landsberg ha fatto della misura parte del suo appello agli elettori locali: il suo manifesto pre-elettorale dello scorso anno includeva la promessa di “mantenere la spina dorsale del valore” in politica estera “con paesi come la Cina”.

READ  L'ungherese Orban accusa l'Unione europea e gli Stati Uniti di ingerenza mentre si scalda la corsa alle elezioni del 2022

Il ministro degli Esteri ha detto che le piccole dimensioni della Lituania, “ci hanno reso un facile bersaglio” per la Cina perché “i loro calcoli sono che è bene scegliere i nemici in un modo e modo e molto meno della tua taglia, attirarli sul ring e poi colpirli al cuore».

Desideroso di evitare di essere attaccato, Landsbergis ha visitato Washington questo mese e ha incontrato il Segretario di Stato Anthony Blinken, Ha promesso “un fermo sostegno americano alla Lituania di fronte al tentativo di coercizione da parte della Repubblica popolare cinese”.

Wu Qiang, un analista politico a Pechino, ha affermato che, nonostante le sue dimensioni ridotte, la Lituania ha sorprendentemente incombente sui conti cinesi, in parte grazie al suo ruolo di corridoio di transito per i treni che trasportano merci dalla Cina all’Europa.

Attira anche l’attenzione della Cina per il suo ruolo smisurato nel crollo dell’Unione Sovietica, un dramma che la Cina ha studiato nella speranza di mantenere in casa forze centrifughe simili. Nel 1990, la Lituania è stata la prima repubblica sovietica a dichiarare la propria indipendenza da Mosca, una causa guidata dal nonno del ministro degli Esteri Vitutas Landsbergis.

“La Cina considera la Lituania un museo per salvarsi da un crollo come il crollo dell’Unione Sovietica”, ha detto Wu.

La frattura tra i due paesi deriva da diverse fonti, compresi gli sforzi di Taiwan per mobilitare il sostegno politico, così come le elezioni lituane dello scorso anno che hanno portato al potere un nuovo governo di coalizione dominato dal partito conservatore e filoamericano di Landsberg e dal clamore dei liberali. Sulla difesa dei diritti umani.

Ma riflette anche un diffuso contraccolpo contro la diplomazia aggressiva del “guerriero lupo” in tutta Europa e la disillusione per l’aumento delle esportazioni cinesi che ha lasciato molto indietro le importazioni dall’Europa.

Negli ultimi anni, la Cina ha creato risentimento attraverso comportamenti umilianti che ricordano a molti in Lituania il bullismo di Mosca in passato. Nel 2019, i diplomatici cinesi hanno organizzato una protesta ostile per contrastare una marcia di cittadini lituani a sostegno del movimento democratico di Hong Kong. L’intervento cinese ha portato a scontri in piazza del Duomo nella capitale, Vilnius.

“Questo approccio non rende amici la Cina”, ha affermato Gintaras Steponavicius, un ex legislatore che ha contribuito a creare un gruppo di pressione, il Forum di Taiwan. “Non siamo abituati a sentirci dire come agire, nemmeno da una grande potenza”.

READ  Hero Cat aiuta a salvare una donna di 83 anni caduta in un burrone in Inghilterra: NPR

Stanchi della pressione di Pechino, politici di spicco si sono uniti a un gruppo di amici taiwanesi in parlamento e hanno partecipato a una celebrazione della Giornata nazionale di Taiwan a Vilnius lo scorso ottobre.

Alcuni dubitano dell’idea. Linas Linkevicius, un ex ministro degli esteri, sottolinea che la Lituania ha già pugnalate la Russia e la vicina Bielorussia, la cui leader dell’opposizione in esilio, Svetlana Tikanovskaya, lavora da Vilnius.

Ha detto: “Siamo esposti su molti fronti”.

Sondaggi di opinione di Consiglio europeo per le relazioni estere Suggerisce che la maggior parte degli europei non vuole una nuova guerra fredda tra Stati Uniti e Cina. Ma stanno anche mostrando una maggiore diffidenza nei confronti della Cina.

Frank Juris, ricercatore presso l’Estonian Foreign Policy Institute, ha dichiarato: Tiene traccia delle attività cinesi in Europa. “Le promesse non sono state mantenute e i paesi sono stanchi della costante minaccia di una frusta”.

Quella frusta ora viene lanciata duramente sulla Lituania, che è anche membro dell’Unione Europea e della NATO.

Con particolare sgomento di Pechino, a luglio la Lituania ha annunciato di aver accettato la richiesta di Taiwan di aprire un “ufficio di rappresentanza taiwanese” a Vilnius.

Il ministero degli Esteri cinese ha accusato la Lituania di aver attraversato una “linea rossa”, esortandola a “correggere immediatamente la sua decisione sbagliata” e “a non procedere sulla strada sbagliata”.

Diversi paesi, tra cui le vicine Germania e Lettonia, hanno uffici taiwanesi simili, ma per evitare di far arrabbiare Pechino, rappresentano Taipei, la capitale di Taiwan, non Taiwan stessa.

E a maggio, la Lituania si è ritirata da un forum diplomatico che coinvolgeva la Cina e 17 paesi dell’Europa centrale e orientale per promuovere la Belt and Road Initiative di Xi, un programma infrastrutturale multimiliardario.

Dal punto di vista della Cina, la scorsa settimana ha pubblicato un rapporto sui telefoni cellulari di fabbricazione cinese Dal Cyber ​​Security Center del Ministero della Difesa lituano Era un’altra provocazione. Il record nascosto trovato dal centro consente l’esposizione e la censura di frasi come “movimento studentesco”, “indipendenza di Taiwan” e “dittatura”.

La lista nera, che viene aggiornata automaticamente per riflettere le preoccupazioni in evoluzione del Partito Comunista, rimane dormiente nei telefoni esportati in Europa, ma secondo l’hub online, il censore disabilitato può essere attivato con un clic in Cina.

READ  Con la legislatura dell'Alaska e il suo governatore fermi, il piano di bilancio 2021 sarà rinviato

Margres Apokevisios, il viceministro della difesa responsabile della sicurezza informatica, ha affermato che il record è “estremamente scioccante e inquietante”.

Xiaomi, il produttore di telefoni cinese coinvolto, afferma che i suoi dispositivi “non censurano le comunicazioni”.

Oltre a dire agli uffici governativi di rinunciare ai telefoni, Apockifisius ha affermato in un’intervista che gli utenti ordinari devono decidere la loro “disponibilità a correre il rischio”.

Il Global Times, una testata giornalistica nazionalista controllata dal Partito Comunista Cinese, ha ridicolizzato il rapporto lituano come una “nuova bufala” da una piccola “pedina” nell’agenda anti-cinese di Washington.

La Cina ha intensificato la sua pressione sulla Lituania il mese scorso, richiamando il mese scorso il suo ambasciatore da Vilnius e sollecitando l’inviato lituano a Pechino a tornare a casa, cosa che ha fatto. Un treno merci regolare per la Lituania è stato fermato, sebbene altri treni possano ancora attraversare la nazione baltica carichi di merci cinesi dirette in Germania.

Sebbene non abbia annunciato alcuna sanzione ufficiale, la Cina ha aggiunto burocrazia per impedire agli esportatori lituani di vendere merci in Cina.

Il ministro dell’Economia lituano, Usrin Armonite, ha minimizzato i danni, osservando che le esportazioni lituane verso la Cina hanno rappresentato solo l’1% delle esportazioni totali. Perderlo “non è molto dannoso”, ha detto.

Il colpo più grande, secondo i leader aziendali, è stato l’interruzione della fornitura di vetro di fabbricazione cinese, componenti elettronici e altri articoli necessari ai produttori lituani. Circa una dozzina di aziende dipendenti dalle merci dalla Cina la scorsa settimana hanno ricevuto lettere quasi identiche da fornitori cinesi che affermavano che le interruzioni di corrente hanno reso difficile l’evasione degli ordini.

“Sono molto creativi”, ha affermato Vidmantas Janolivicius, presidente della Federazione lituana degli industriali, osservando che i ritardi sono stati “mirati in modo molto preciso”.

Lorinas Kassionas, presidente del Comitato per la sicurezza e la difesa nazionale, ha affermato che la Lituania ha preso una “chiara decisione geopolitica” per allinearsi in modo decisivo con gli Stati Uniti, un alleato di lunga data, e altre democrazie. Tutti qui sono d’accordo su questo. Siamo tutti cinesi anticomunisti. È nel nostro DNA».

Thomas Dapkus a Vilnius, Monica Brunchuk a Bruxelles e Claire Vo hanno contribuito a questo rapporto.