octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’ex presidente Sarkozy condannato al carcere per violazioni della spesa elettorale

PARIGI – Lo ha deciso giovedì un tribunale francese Nicolas Sarkozy, l’ex presidente, a un anno di carcere per finanziamento illecito Rielezione 2012 fallita campagna aggirando i rigidi limiti di spesa elettorale della Francia.

Il signor Sarkozy, 66 anni, è stato presidente dal 2007 al 2012. Anche se non è più attivo in politica e rimane tale Soffre di molteplici intrighi legaliRimane una voce influente nella destra francese. Poco dopo l’emissione del verdetto, il suo avvocato ha annunciato che Sarkozy avrebbe impugnato il verdetto.

Questa è la seconda volta che il signor Sarkozy è stato condannato al carcere. A marzo, è diventato il primo ex presidente nella storia moderna della Francia ad essere condannato alla reclusione reale dopo essere stato condannato È accusato di corruzione e abuso di potere per aver tentato di ottenere illegalmente informazioni da un giudice in una causa legale contro di lui.

Il sig. Sarkozy ha presentato ricorso contro tale condanna, ritardando la sentenza. Tuttavia, lo ha reso il secondo ex presidente nella storia moderna della Francia ad essere condannato per un crimine… Jacques Chirac È stato condannato nel 2011 per appropriazione indebita e uso improprio di fondi pubblici mentre era sindaco di Parigi.

Il verdetto di giovedì contro Sarkozy ha seguito un’indagine e un processo lunghi anni a maggio e giugno, entrambi incentrati sulla sua campagna per la rielezione del 2012 e sulle rigide regole elettorali della Francia.

Secondo la legge francese, i limiti di spesa della campagna sono fissati per garantire che i candidati competano in condizioni di parità. Nel 2012, il limite della campagna presidenziale, per candidato, era di ca 16,8 milioni di dollari, ovvero circa 19,7 milioni di dollari, al primo turno elettorale, e circa 5,7 milioni, pari a circa 6,7 ​​milioni di dollari, peraltro nel secondo turno dei due maggiori votanti, tra i quali Sarkozy.

READ  Pneumatici Dubai in attesa di pioggia

Ma i sospetti che la sua campagna abbia oltrepassato quei limiti sono sorti dopo le elezioni. I pm hanno avviato le indagini nel 2014 Causa tumulto dentro Il partito politico del signor Sarkozy.

Alla fine, i pubblici ministeri hanno deciso che la campagna era almeno stata spazzata via 42 milioni, o circa $ 50 milioni, quasi il doppio del limite legale.

Il caso divenne noto come l’affare Bygmalion, dal nome della società di pubbliche relazioni e gestione di eventi sospettata di aver emesso fatture false al partito politico di Sarkozy in occasione di manifestazioni che in realtà erano per la campagna presidenziale di Sarkozy. I querelanti hanno sostenuto che la frode aveva lo scopo di nascondere la spesa in eccesso da parte delle autorità elettorali.

Il sig. Sarkozy ha negato la conoscenza di fatture false e non è stato accusato di alcun illecito in merito. Invece, le accuse di finanziamento illegale della campagna riguardano solo spese eccessive Chi ha già pagato una multa.

Durante il processo, Sarkozy ha rifiutato la rappresentazione dell’accusa di una campagna generosa, affermando che banconote false erano state invece utilizzate per arricchire Pigmalione, guidata all’epoca da amici intimi di Jean-François Kobe, il capo del partito di Sarkozy. Uno dei rivali politici dell’ex leader.

Il signor Sarkozy ha anche affermato che nel 2012 era troppo impegnato con i suoi doveri presidenziali e a malapena coinvolto nel budget e nella logistica della campagna.

“Ero presidente, presidente del G20 e nella campagna dirigevo la strategia politica”, il sig. Sarkozy Ha detto alla corte a giugno. “Organizzazione di raduni, sistemi audio e luci: avevo di meglio da fare”.

READ  Medici indonesiani malati nonostante il vaccino cinese Sinovac: aggiornamenti COVID

Ma i pubblici ministeri affermano che il signor Sarkozy ha trascurato gli avvertimenti dei suoi aiutanti, in particolare riguardo ai numerosi eventi della campagna, alcuni dei quali costosi, e alle riunioni su larga scala. I pubblici ministeri, in quanto politico veterano con anni di esperienza, hanno affermato che non avrebbe potuto ignorare i segnali che la sua spesa per la campagna elettorale era fuori controllo.

Altre 13 persone sono state anche accusate di coinvolgimento nella frode, inclusi ex membri della campagna elettorale, funzionari del partito, stretti collaboratori di Sarkozy ed ex dirigenti di Bygmalion. Ma i pubblici ministeri hanno concluso che non c’erano prove sufficienti per determinare chi avesse ideato il falso schema di fatturazione in primo luogo.

Il signor Sarkozy ha ripetutamente negato qualsiasi illecito nella rete di casi legali che lo ha tormentato da quando ha lasciato l’incarico. Alcuni di loro erano Proiezione, compreso quello in cui è stato accusato Manipolazione dell’erede della fortuna dei cosmetici L’Oreal nel finanziamento della sua carriera presidenziale del 2007.

Ma Sarkozy resta con lui Accuse che la sua campagna ha ricevuto finanziamenti illeciti Dal governo del presidente libico colonnello Muammar Gheddafi, morto nel 2011. E l’inchiesta su quelle accuse, che finora sono le accuse più gravi contro di lui, ancora in corso.

nonostante ritorno fallito Nel 2016, Sarkozy rimane popolare con la sua base di partito conservatore, Les Républicains, che non ha ancora trovato un candidato per le elezioni presidenziali del 2022. L’approvazione di Sarkozy è ambita da molti dei contendenti per la posizione.

Costante Mihot Contribuire alla redazione dei report.

READ  Sasha Johnson: l'attivista del BLM Sasha Johnson è stato chiamato uomini che entrano nel partito, secondo la polizia di Londra, mentre i sostenitori chiedono responsabilità