octubre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Le troupe di produzione di Hollywood votano per autorizzare il primo sciopero | Notizie dagli Stati Uniti

La produzione cinematografica e televisiva in Nord America rischia di fermarsi dopo che i lavoratori dietro le quinte hanno votato in modo schiacciante per consentire uno sciopero per la prima volta nei suoi 128 anni di storia.

L’International Alliance of Theatre Employees ha dichiarato che il 99% dei membri registrati che hanno partecipato, ovvero 52.706 persone, ha votato per sostenere uno sciopero durante il fine settimana.

Il contratto è stato sospeso a causa delle richieste di condizioni più ragionevoli per artigiani, tecnici e lavoratori che lavorano per società di streaming come Netflix, Apple e Amazon, inclusi salari migliori, pause ragionevoli, orari più sicuri e pause pranzo garantite.

“Spero che tu veda gli studi e comprenda il design dei nostri membri”, ha affermato il presidente dell’Alleanza Matthew Loeb. “La palla è nel loro campo. Se vogliono evitare lo sciopero, torneranno al tavolo delle trattative e ci faranno un’offerta ragionevole”.

L’ultimo contratto di tre anni è scaduto a luglio, portando a quattro mesi di trattative con l’Alliance of Motion Picture and Television Producers (AMPTP), che rappresenta studi e società di streaming nelle trattative.

Ma il 20 settembre, un giorno dopo la messa in onda di spettacoli tra cui The Crown, Ted Lasso e The Queen’s Gambit, Emmy Awards spazzatiE le conversazioni si sono fermate.

Loeb ha affermato che il suo obiettivo era raggiungere un accordo, ma ha osservato che il voto riguardava “la qualità della vita, nonché la salute e la sicurezza di coloro che lavorano nell’industria cinematografica e televisiva”.

L’International Alliance of Theatrical Operatives ha affermato che è “incomprensibile che l’AMPTP, un conglomerato che comprende enormi società di media per un valore combinato di trilioni di dollari, affermi di non poter fornire alle troupe dietro le quinte le necessità umane di base come sonno adeguato, pasti, pause e un salario di sussistenza”.

READ  L'attrice Emmy Rossum ha reso la vergognosa star di Emma Kinney "preoccupata" sul set

Il sindacato ha aggiunto che i suoi membri hanno lavorato durante la pandemia di coronavirus per garantire che le loro attività appaiano intatte. “Ora, non possiamo e non accetteremo un accordo che ci lascia con un risultato insostenibile”, ha detto.

La Motion Picture and Television Producers Alliance ha affermato di rimanere impegnata a raggiungere un accordo che manterrà il settore in funzione, in particolare mentre continua a riprendersi dalle ricadute economiche della pandemia di Covid.

“Un accordo può essere raggiunto al tavolo dei negoziati, ma richiederà che entrambe le parti collaborino in buona fede con la volontà di scendere a compromessi ed esplorare nuove soluzioni per risolvere i problemi aperti”, ha affermato.

Mentre i sindacati come la Writers Guild of America erano spesso sull’orlo dello sciopero, Nel 2007-2008 ho scioperato per 100 giorniE le troupe di Hollywood e l’Alleanza internazionale dei dipendenti del palcoscenico teatrale non hanno una storia di scioperi importanti.

L’unica disputa precedente era quando gli interior designer si ritirarono per sei mesi nel 1945, portando a disordini alle porte dello studio Warner Bros. che divenne noto come Bloody Friday. Se questa volta lo stallo sfocerà in uno sciopero, sarà il primo movimento nazionale nella storia del gruppo operaio teatrale.

Diversi nomi di spicco di Hollywood hanno espresso sostegno pubblico alle richieste della troupe, tra cui l’attrice e produttrice Octavia Spencer, che ha twittato: “Spero che l’AMPTP faccia la cosa giusta e si sieda. Non stanno chiedendo nulla di irragionevole”.