junio 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Le morti per Covid-19 in America Latina superano 1 milione con il peggioramento dell’epidemia

Il bilancio delle vittime del COVID-19 in America Latina e nei Caraibi ha superato il milione di persone venerdì, secondo un conteggio Reuters, poiché la pandemia è peggiorata in una parte del mondo con il più alto tasso di mortalità pro capite.

Dagli altipiani polverosi della Bolivia alla città brasiliana di San Paolo, la pandemia ha attraversato sistemi sanitari sottofinanziati dopo che si è rapidamente diffusa in paesi in cui così tante persone vivono per via orale e non sono state in grado di entrare in isolamento.

In Perù, uno dei paesi più colpiti della regione, i malati di Covid-19 sono morti negli affollati corridoi degli ospedali della capitale Lima. Nel profondo dell’Amazzonia brasiliana, molti residenti di Manaus sono morti nelle loro case senza ossigeno per riempire i polmoni danneggiati, dopo che le scorte si sono esaurite quest’anno.

Con casi in calo in Europa, Asia e Nord America e stabilizzazione in Africa, il Sud America è l’unica regione in cui le nuove infezioni stanno aumentando rapidamente su base pro capite, secondo Our World in Data. Sebbene l’India sia attualmente alle prese con una delle peggiori epidemie al mondo. Leggi di più

In media a maggio, il 31% delle morti mondiali per COVID-19 è avvenuta in America Latina e nei Caraibi, dove vive solo l’8,4% della popolazione mondiale.

Medici ed epidemiologi affermano che la pandemia di coronavirus ha sorpreso i governi impreparati l’anno scorso e ha esacerbato il suo impatto a causa dei leader che hanno minimizzato il rischio della sua diffusione e non sono riusciti a garantire forniture tempestive di vaccini.

I primi otto paesi con il maggior numero di morti per COVID-19 per persona nell’ultima settimana sono stati in America Latina.

READ  La Germania pagherà alla Namibia 1,3 miliardi di dollari per il riconoscimento ufficiale del genocidio dell'era coloniale

“Invece di prepararci per una pandemia, abbiamo minimizzato la malattia, dicendo che il caldo tropicale annullerà il virus”, ha detto il dottor Francisco Moreno Sanchez, capo del programma COVID-19 in un importante ospedale in Messico e critico del governo vaccino. Piano.

“Purtroppo siamo tra le zone più colpite, dove affrontare l’epidemia è stato il più sbagliato, e ora ne subiamo le conseguenze”, ha detto a Reuters l’epidemiologo.

Il Brasile ha colpito in modo crudele

Con il bilancio delle vittime in costante aumento, i cercatori di tombe in molti paesi hanno dovuto espandere i cimiteri con fila dopo fila di nuove tombe. In una rottura con la cultura tradizionale prevalentemente cattolica della regione, i morti vengono spesso sepolti con pochi o nessun parente che li saluti.

La maggior parte dei decessi – più di 446.000 – si sono verificati in Brasile, che quest’anno è diventato l’epicentro del Coronavirus con il secondo focolaio più mortale al di fuori degli Stati Uniti, anche se l’India probabilmente lo supererà presto.

Il ministero della Salute brasiliano ha dichiarato venerdì che il Brasile ha registrato 2.215 nuovi decessi per Covid-19 entro 24 ore, portando il numero totale di decessi in America Latina a oltre un milione di morti per Covid-19.

Il governo del presidente brasiliano di estrema destra Jair Bolsonaro, scettico sui vaccini e oppositore del blocco, è indagato da una commissione parlamentare per non aver pianificato una campagna nazionale contro il COVID-19 e non aver acquistato i vaccini in tempo. Leggi di più

Il Brasile rimane il terzo paese più colpito al mondo in termini di casi confermati di COVID-19, dietro solo a India e Stati Uniti. Ha il maggior numero di morti nella regione, seguita da Messico e Colombia, che insieme rappresentano circa il 74% di tutti i decessi in America Latina.

READ  Sinovac: l'OMS approva il vaccino cinese Covid-19 CoronaVac per uso di emergenza emergency

Il bilancio delle vittime giornaliere in Sud America è rallentato a maggio a 3.872, da 4.558 persone in media ad aprile, secondo un’analisi Reuters. Ma i casi stanno di nuovo aumentando e le morti sono un segno tardivo e di solito aumentano settimane dopo l’aumento delle nuove infezioni.

Le vaccinazioni in Sud America sono in ritardo rispetto alla maggior parte del mondo in Sud America, con solo il 15% delle persone che riceve almeno una dose rispetto al 28% in Europa e al 34% in Nord America. Solo l’Asia e l’Africa sono in calo rispettivamente del 5% e dell’1%, secondo il rapporto Our World nei dati fino al 19 maggio.

L’Organizzazione Panamericana della Sanità (OPS) ha criticato “le forti lacune” nell’accesso ai vaccini COVID-19 in America Latina, rispetto agli Stati Uniti, che avevano la parte del leone dei 400 milioni di dosi somministrate finora nelle Americhe.

“Solo il tre per cento dei latinoamericani è stato completamente vaccinato contro COVID-19. Abbiamo urgente bisogno di più vaccinazioni”, ha detto ai giornalisti questa settimana la direttrice dell’APHO Carissa Etienne.

Le forniture di vaccini hanno tardato ad arrivare nella maggior parte dei paesi e in alcuni i programmi di vaccinazione sono stati disorganizzati.

“La vaccinazione manca di una pianificazione strategica”, ha detto il chirurgo pediatrico Kurt Poulsen, che gestisce un sito di vaccinazione in Bolivia. “All’inizio, hanno portato molti vaccini diversi senza alcuna informazione per mostrare alla gente con cosa veniva iniettato”.

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.