junio 25, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La lotta COVID potrebbe tornare al punto di partenza: gli esperti lanciano l’allarme sui vaccini

Gli operatori sanitari hanno affermato, giovedì, che il divieto dell’India di esportare filmati COVID-19 minaccia di ritardare la lotta contro la pandemia “al punto di partenza” a meno che i paesi ricchi non intervengano per colmare una lacuna nel programma globale di condivisione dei vaccini COVAX.

COVAX, che è fondamentale per i paesi poveri, si basa sugli scatti di AstraZeneca realizzati dal Serum Institute in India, il più grande produttore di vaccini al mondo. Erano già circa 100 milioni di dosi inferiori al previsto quando l’India ha interrotto le esportazioni un mese fa a causa di un picco di infezioni.

Esperti globali hanno affermato che i paesi ricchi con ampie scorte di vaccini COVID-19 dovrebbero ora essere condivisi immediatamente, su larga scala, altrimenti la pandemia potrebbe prolungarsi mentre il mondo lotta per contenere un virus che continua a diffondersi e mutare.

“È una grande preoccupazione”, ha detto Anna Marriott, direttore della politica sanitaria presso l’ente benefico globale Oxfam. Lei e altri hanno affermato che è imperativo che i paesi e le regioni ricchi si attengano alla retorica e condividano ora l’aumento dei vaccini.

“L’attuale approccio che si basa su alcuni monopoli farmaceutici e un po ‘di filantropia attraverso COVAX ha fallito – e le persone stanno morendo di conseguenza”.

Reuters ha riferito martedì che l’India sta estendendo il suo embargo, il che significa che ora è improbabile che riprenderà le principali esportazioni prima di ottobre.

Will Hall, direttore della politica globale presso il Wellcome Trust for Global Health, ha affermato che la forte dipendenza di COVAX dall’istituto del siero lo rendeva vulnerabile. Ha detto che l’estensione dell’India del divieto di esportazione aveva reso più importante per i paesi ricchi partecipare alla dose attraverso il programma, “non in sei mesi, non in un mese, ma ora”.

READ  Donna ferma il ladro di scoiattoli che usa la vaselina per nutrire gli uccelli: "Sono troppo avidi"

“Non riusciremo a sconfiggere questo virus a meno che non pensiamo e agiamo a livello globale”, ha aggiunto. “Dovremmo tutti essere preoccupati per questo: più a lungo il virus continua a diffondersi, maggiore è il rischio che muti in una fase in cui i nostri vaccini e trattamenti non sono più efficaci. Se ciò accade, torneremo al punto di partenza “.

Un nuovo tipo trasmissibile di nuovo coronavirus identificato per la prima volta in India si è diffuso in diversi paesi in tutto il mondo.

“Troppe poche scelte”

COVAX mira a ottenere vaccini per almeno il 20% dei residenti di oltre 90 paesi a basso e medio reddito che si sono iscritti per i vaccini come donazione. Finora ha distribuito circa 65 milioni di dosi del vaccino AstraZeneca COVID-19 principalmente, molte delle quali in Africa.

Una portavoce della GAVI Vaccine Alliance, che co-guida il COVAX, ha detto che la struttura sta lavorando duramente per ricostituire le scorte.

“Stiamo cercando di trovare modi diversi per assicurarci che quei paesi che hanno ricevuto la prima dose possano ricevere anche una seconda dose e che le vaccinazioni possano continuare”, ha detto a Reuters. “Ciò di cui abbiamo bisogno ora, per soddisfare le esigenze immediate, è la condivisione della dose”.

Gli Stati Uniti hanno dichiarato mercoledì che condivideranno un totale di 20 milioni di dosi di Pfizer (PFE.N), Moderna e Johnson & Johnson (JNJ.N) Vaccini entro la fine di giugno, con una cospicua donazione tramite COVAX, oltre ai 60 milioni di iniezioni di AstraZeneca che aveva già pianificato di offrire ad altri paesi. Leggi di più

Il commissario europeo per il commercio Valdes Dombrowskis ha dichiarato questa settimana che il blocco sta lavorando per aumentare in modo significativo le donazioni di vaccini attraverso COVAX nella seconda metà del 2021. Ha affermato che la partecipazione alla vaccinazione annunciata dagli Stati membri dell’UE ha finora raggiunto 11,1 milioni di vaccini, tra cui 9 milioni sono condivisi tramite COVAX.

READ  La moglie del figlio di un miliardario è stata trasferita in una prigione del Belize dopo essere stata accusata della morte di un anziano poliziotto

Nel frattempo, la Gran Bretagna avrà abbastanza dosi in eccesso per vaccinare almeno 50 milioni di persone nei paesi poveri una volta che ogni persona adulta sarà vaccinata a casa, secondo un’analisi condotta dall’ufficio dell’UNICEF nel Regno Unito la scorsa settimana.

Una portavoce della GAVI Alliance ha affermato che la dipendenza di COVAX dal Serum Institute dipende fortemente dalla sua massiccia capacità di produzione, dalla sua capacità di fornire a basso costo e dalle garanzie che sarà in grado di produrre rapidamente milioni di dosi richieste.

“Il piano di COVAX è sempre stato quello di aumentare e diversificare il proprio portafoglio a 10-12 vaccini, ma all’inizio dell’anno, quando i vaccini approvati stavano lentamente emergendo online, avevamo pochissime opzioni a nostra disposizione”, ha detto.