septiembre 21, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Perché il “mondo della farmacia” indiano così pochi colpi

New Delhi (AFP) – L’anno scorso, il primo ministro indiano Narendra Modi ha detto alle Nazioni Unite che il suo paese avrebbe prodotto abbastanza vaccini COVID-19 “per aiutare tutta l’umanità”. Ondata di infezioni.

In qualità di più grande produttore di vaccini al mondo, si è sempre pensato che l’India avrebbe svolto un ruolo fondamentale nello sforzo globale di immunizzazione contro COVID-19. Ma una combinazione di eccessiva sicurezza, scarsa pianificazione e sfortuna ha impedito che ciò accadesse.

Ecco uno sguardo a cosa è andato storto:

Inconsapevoli

I funzionari in India sembrano essere sorpresi da molte cose, inclusa la velocità con cui i vaccini sono stati approvati per l’uso in tutto il mondo. L’India, come molti altri paesi, lavorava partendo dal presupposto che i vaccini non sarebbero stati pronti per l’uso fino alla metà del 2021.

Invece, hanno iniziato a ottenere il via libera in alcuni paesi a dicembre, aumentando la pressione non solo per produrre gli scatti promessi, ma per consegnarli il prima possibile. L’India, che ha approvato due vaccini a gennaio, si è rivelata non pronta per la domanda finale né in patria né all’estero.

Il piano del governo era di vaccinare 300 milioni di 1,4 miliardi di persone in India entro agosto. Ma in realtà non ha prenotato nemmeno scatti abbastanza ravvicinati per farlo. Si presumeva, in parte basato sulle previsioni dei produttori di vaccini della nazione, che ci sarebbero state dosi sufficienti per vaccinare le persone a casa e adempiere agli ordini promessi all’estero.

C’era anche poca urgenza locale poiché le infezioni in India erano in costante diminuzione da diversi mesi. Infatti, a gennaio, pochi giorni dopo che l’India ha lanciato una campagna di vaccinazione interna e ha iniziato anche ad esportare proiettili, Modi ha dichiarato la vittoria sull’epidemia in un raduno virtuale del Forum economico mondiale.

READ  La musica vietata sull'isola greca di Mykonos nelle nuove restrizioni COVID-19

Il governo di Modi sembra godere dei primi successi della cosiddetta “diplomazia dei vaccini” e il Dipartimento di Stato ha ripetutamente affermato che le esportazioni sono state calibrate in base alle esigenze del programma di immunizzazione nazionale.

Gli esperti dicono che questo è stato un grave errore di calcolo perché un’esplosione di questioni interne era dietro l’angolo.

La dottoressa Veneta Pal, che studia i sistemi immunitari presso l’Indian Institute of Science Education and Research di Pune, ha detto che il governo avrebbe dovuto pianificare il futuro piuttosto che celebrare la sua “vittoria” sul virus.

“Non ho idea del motivo per cui le persone non ci pensano”, ha detto. “Nessuno ha calcolato … quante dosi sono necessarie in India?”

Problemi di produzione

L’India ha due principali produttori del vaccino COVID-19: l’India’s Serum Institute, che produce AstraZeneca, e Bharat Biotech, che produce il suo vaccino autoctono.

L’India ha permesso alle aziende di iniziare a produrre i loro filmati l’anno scorso in attesa dell’approvazione formale da parte degli organizzatori. Sia il governo che le aziende credevano che nel momento in cui i colpi fossero stati approvati, avrebbero avuto più scorte di vaccini di quante ne avessero.

L’espansione della produzione si è rivelata un problema per entrambe le società.

Il CEO del Serum Institute, che gestisce Poonawala, ha dichiarato all’Associated Press a dicembre che l’obiettivo era quello di realizzare fino a 100 milioni di round al mese entro gennaio e dividerli equamente tra l’India e il mondo. Ma il mese scorso il governo federale ha detto agli stati che la società produceva solo 60 milioni di colpi al mese.

READ  Il peruviano Fujimori guida la protesta per annullare i voti mentre Castillo si avvicina alla vittoria

Lo ha detto l’azienda fuoco Nelle sue strutture a gennaio e a Il divieto statunitense all’esportazione di materie prime Necessario fare punzoni hanno ostacolato la produzione. Bunawala Ha detto all’AP di andarsene Dei fornitori negli Stati Uniti può comportare un ritardo fino a sei mesi.

Krishna Ella, presidente di Bharat Biotech, ha detto ai giornalisti a gennaio che la società mirava a produrre 700 milioni di round nel 2021. Ma il governo federale indiano ha informato gli Stati il ​​mese scorso che la società produceva solo 10 milioni di round al mese.

Il governo ha detto il mese scorso di aver fornito all’azienda milioni di dollari in sovvenzioni per cercare di aiutarla ad aumentare la produzione.

Né l’azienda né il ministero della Salute indiano hanno risposto alle richieste di commento.

Qual è il prossimo?

Con l’India che registra centinaia di migliaia di nuove infezioni ogni giorno, il 1 ° maggio il governo ha aperto la vaccinazione a tutti gli adulti. Ciò ha causato un aumento della domanda, che ha rivelato l’entità della carenza.

L’India ha ricevuto finora solo 196 milioni di iniezioni, di cui 10 milioni nell’ambito di COVAX, un’iniziativa globale volta a fornire un accesso equo ai vaccini. Solo 41 milioni di persone sono state completamente vaccinate, mentre altre 104 milioni hanno ricevuto il primo vaccino.

Ma il numero di scatti effettuati è diminuito da una media di 3,6 milioni al giorno il 10 aprile a circa 1,4 milioni al giorno il 20 maggio.

Per contribuire a colmare la carenza, l’India ha dato il via libera al vaccino russo Sputnik V, raggiungendo le 200.000 dosi la scorsa settimana.

READ  La Russia afferma che la Siria ha abbattuto 22 missili israeliani su 24 durante un attacco aereo

Secondo il dott. K. Paul, consigliere del governo. Ciò includerà 750 milioni di round prodotti da Serum, 550 milioni di round da Bharat Biotech e 156 milioni di round dalla Russia.

Ci sono anche piani per cinque aziende indiane di produrre il vaccino russo a livello nazionale e per l’istituto del siero di produrre una versione del vaccino Novavax e vaccini da altre cinque aziende indiane i cui colpi sono ancora in fase di sperimentazione.

Ma gli esperti avvertono che tali stime sono ancora una volta eccessivamente ottimistiche.

“Queste sono stime ottimistiche”, ha detto Pal. “Ci sono molte cose che si dovrebbero prendere in considerazione”.

___

Il Dipartimento di Salute e Scienza dell’Associated Press è supportato dalla Divisione di educazione scientifica dell’Howard Hughes Medical Institute. AP è l’unico responsabile di tutti i contenuti.