junio 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Le città più vivibili del mondo sono Auckland, Osaka e Adelaide

Una vista notturna generale dello skyline di Auckland vista dal nuovo hotel Park Hyatt nel Viaduct Basin della città il 16 maggio 2021 ad Auckland, in Nuova Zelanda.

James De Morgan | Getty Images Notizie | Getty Images

Mentre il mondo continua ad essere alle prese con la pandemia di coronavirus, la città metropolitana di Auckland in Nuova Zelanda è stata nominata la città più vivibile del mondo da… Unità di informazione economica (EIU).

Ciò è in gran parte dovuto al successo della gestione del Covid-19 da parte del paese che ha consentito a scuole, teatri, ristoranti e altre attrazioni culturali di rimanere aperti durante il periodo di indagine dal 22 febbraio al 21 marzo 2021, secondo l’EIU.

La Nuova Zelanda ha implementato un rigoroso blocco a livello nazionale per diverse settimane l’anno scorso per rallentare la diffusione del virus. Ha anche chiuso i suoi confini internazionali alla maggior parte dei viaggiatori.

Le città dell’Asia del Pacifico hanno dominato la top 10 quest’anno, anche se la pandemia ha ridotto la vivibilità in tutto il mondo.

Le 10 città più vivibili al mondo, e i loro risultati secondo il Global Wellbeing Index 2021, sono:

  • Auckland, Nuova Zelanda (96,0)
  • Osaka, Giappone (94,2)
  • Adelaide, Australia (94.0)
  • Wellington, Nuova Zelanda (93,7)
  • Tokyo, Giappone (93,7)
  • Perth, Australia (93,3)
  • Zurigo, Svizzera (92.8)
  • Ginevra, Svizzera (92.5)
  • Melbourne, Australia (92.5)
  • Brisbane, Australia (92,4)

L’indice di vivibilità classifica le città in base a più di 30 fattori qualitativi e quantitativi in ​​cinque grandi categorie: stabilità, sanità, cultura, ambiente, istruzione e infrastrutture.

A causa della pandemia, l’EIU ha aggiunto nuovi indicatori come la pressione sulle risorse sanitarie e le restrizioni su eventi sportivi locali, teatri, concerti, ristoranti e scuole.

READ  L'"insabbiamento" di Scotland Yard sull'omicidio di Daniel Morgan legato a Rupert Murdoch si è rivelato "corruzione"

“Grande cambiamento” in classifica

L’impatto di Covid-19 è stato in qualche modo evidente nella valutazione, secondo Simon Baptiste, capo economista globale dell’EIU.

“C’è stato un cambiamento molto significativo in termini di definitivamente i primi dieci, ma anche in tutta la classifica, in base alla situazione di Covid-19”, ha detto alla CNBC.

Baptiste ha spiegato che le città che erano in isolamento o stavano vivendo un aumento del numero di casi durante il periodo di indagine hanno visto i loro punteggi diminuire in base a diversi criteri, portando molte città europee a scendere di grado.

Ciò include la città austriaca di Vienna, che negli ultimi anni si è costantemente classificata tra i primi. Ma quest’anno non è riuscito a entrare nella top ten e ha preso il dodicesimo posto.

L’Asia ha alcune delle città più vivibili del mondo e ha anche alcune delle città meno vivibili.

D’altra parte, le città in Australia, Nuova Zelanda e Giappone sono rimaste relativamente aperte, con una buona disponibilità di servizi, mentre i loro sistemi sanitari sono resilienti a causa del numero relativamente basso di casi.

Honolulu, la capitale delle Hawaii, è stata la più grande vincitrice dell’indice, poiché è salita di 46 posizioni fino al 14° posto grazie ai suoi sforzi per contenere la diffusione del virus Corona e il rapido rilascio del vaccino. Tra le altre città, Taipei si è classificata 33 mentre Singapore si è classificata 34.

Asia vs Europa

Secondo l’EIU, in media regionale, l’Asia è significativamente più bassa del Nord America e dell’Europa occidentale. Damasco in Siria è rimasta la città meno vivibile del mondo: quest’anno la Siria ha festeggiato dieci anni di guerra civile.

“L’Asia ha alcune delle città più vivibili del mondo, e ha anche alcune delle città meno vivibili”, ha detto Baptiste. Ha aggiunto che mentre città in Australia, Nuova Zelanda e Giappone dominavano la top 10, luoghi come Dhaka, Bangladesh, Karachi, Pakistan e Port Moresby, la capitale della Papua Nuova Guinea, scivolavano vicino al fondo e lo facevano da un po’, ha aggiunto.

Il Battista ha detto che l’elenco viene aggiornato due volte l’anno.

Da quando il primo periodo di indagine si è concluso quest’anno, alcune grandi città dell’Asia e del Pacifico hanno visto un aumento dei casi di Covid-19, tra cui Melbourne E il Tokyo. D’altra parte, le città europee e nordamericane hanno avviato i loro programmi di vaccinazione in modo aggressivo e sono in procinto di aprirsi.

Australia e Nuova Zelanda devono ancora riaprire i loro confini alla maggior parte dei viaggiatori, un fattore che secondo Baptiste potrebbe influenzare le valutazioni future delle loro città.

“Sarebbe interessante vedere lì, se le cose in Europa e negli Stati Uniti dovessero aprirsi di più, specialmente in termini di viaggi internazionali. Ma (se) le cose in Australia e Nuova Zelanda non fossero così, potremmo trovare un accordo che le città australiane e neozelandesi stanno soffrendo un po'”, ha detto Baptiste, aggiungendo che si aspetta che le città europee mostrino un miglioramento significativo entro il prossimo periodo di indagine.