septiembre 21, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Cina ostacola gli sforzi per il cambiamento climatico dopo che i funzionari economici limitano la portata

Secondo le persone che hanno familiarità con la questione, per il momento, i principali pianificatori economici della Cina hanno messo un freno ai tentativi dei funzionari ambientali di frenare le emissioni di carbonio poiché guidare la crescita ha la priorità rispetto al raggiungimento degli obiettivi climatici.

I funzionari della principale agenzia di pianificazione economica cinese, la Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma, hanno delineato l’ambito iniziale di un sistema nazionale di scambio di carbonio, che dovrebbe diventare pienamente operativo alla fine di questo mese dopo progetti pilota in otto città cinesi.

Il Bureau of Economic Planning ha anche preso il sopravvento nei negoziati sulla formulazione di una tabella di marcia dettagliata per adempiere agli impegni del leader Xi Jinping di raggiungere un picco nelle emissioni di anidride carbonica prima del 2030 e emissioni nette zero entro il 2060diceva la gente.

Condividi i tuoi pensieri

La Cina dovrebbe cogliere la ripresa economica post-epidemia o dare priorità agli obiettivi climatici? Partecipa alla conversazione qui sotto.

Il Ministero dell’Ambiente ha occupato una posizione di rilievo nell’ultimo decennio e sembra esserlo stato negli ultimi mesi Nuovamente abilitato a esercitare più influenzaMa i recenti sviluppi mostrano che l’agenzia economica, che fissa gli obiettivi energetici e di emissioni della Cina, esercita ancora una maggiore influenza.

La dinamica delle priorità ambientali ed economiche in competizione non è esclusiva della Cina. I legislatori statunitensi hanno bloccato i tentativi di far passare un tetto di mercato nazionale sulle emissioni di carbonio a causa delle preoccupazioni sull’impatto sulle imprese e sull’economia, anche se la California e gli stati del nord-est hanno adottato le proprie normative.

READ  Pompeo afferma di non aver mai visto mancare il whisky, indizi sull'incompetenza del Dipartimento di Stato

Le azioni della Cina come il più grande emettitore di carbonio al mondo sono seguite da vicino. Xi ha affermato che la Cina raggiungerà il suo picco di emissioni di carbonio prima del 2030, ma non ha detto come il Paese raggiungerà tale obiettivo.

L’inviato americano per il clima John Kerry ha esortato il suo omologo Xie Jinhua Perseguire un’azione per il clima più ambiziosa a breve termine, Ma non l’ha detto nello specifico Cosa esorta a fare la Cina. I leader del G7 dovrebbero discutere le pressioni sulla Cina per ridimensionare to Finanziamento di progetti sul carbone All’estero quando si incontrano questo fine settimana nel Regno Unito

L’apparizione del presidente cinese Xi Jinping al vertice sul clima guidato dagli Stati Uniti è stata vista su uno schermo all’aperto a Pechino il 23 aprile.


immagine:

Greg Baker/AFP/Getty Images

Seguendo l’impegno del signor Xi a settembre, uno dei suoi principali aiutanti, il vice premier Han Zheng, a ottobre ha invitato i funzionari ambientali ad accelerare il lancio del mercato nazionale del carbonio e redigere una tabella di marcia del carbonio, segnalando agli osservatori della politica cinese che lo avrebbero fatto. Incaricato di formulare piani per raggiungere gli obiettivi.

Ma a marzo quando Gabinetto cinese Ho elencato gli organismi incaricati di redigere la tabella di marcia e l’Agenzia di pianificazione economica è stata elencata per prima, non i funzionari ambientali. Il mese scorso Pechino ha anche istituito un gruppo di membri di alto livello del partito per tagliare le strutture burocratiche e fornire linee guida e supervisione sulla tabella di marcia. Tre dei suoi cinque membri della direzione erano quadri economici di alto livello.

Separatamente, quando il dipartimento dell’ambiente ha pubblicato le regole iniziali per un sistema di scambio di emissioni a dicembre, erano più limitate di quanto inizialmente suggerito.

Lo schema, ad esempio, includerebbe solo circa 2.200 aziende del settore energetico, che è responsabile di circa il 30% delle emissioni totali della Cina, invece delle 6.000 aziende di otto settori che erano nella proposta iniziale.

Mentre ci sono tensioni tra Stati Uniti e Cina sul commercio e la tecnologia, il cambiamento climatico è un’area in cui la coppia può lavorare insieme. Gerald F. Seib del WSJ spiega perché questo potrebbe anche portare alla competizione per la leadership globale. Illustrazione fotografica: Ksenia Shekhutdinova

Invece di limiti assoluti alle emissioni suggeriti dai funzionari ambientali, le aziende cinesi inizieranno con un’allocazione proporzionale, utilizzando criteri basati sulle prestazioni degli anni precedenti, dando loro più margine di manovra.

Dietro le quinte, i pianificatori economici hanno indebolito i termini del piano, temendo il potenziale impatto sulla crescita, secondo le persone che hanno familiarità con la questione.

La Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma e il Ministero dell’ambiente e dell’ambiente non hanno risposto alle richieste di commento.

Si prevede che il programma cinese per le emissioni di carbonio si espanda a più settori e adotti limiti più severi in futuro, anche se i tempi e la portata devono ancora essere determinati, secondo persone che hanno familiarità con la questione. La Cina non sarà la prima ad adottare un approccio graduale al mercato delle emissioni di carbonio.

L’Unione europea ha lottato a lungo per rendere il suo schema di scambio di carbonio, lanciato nel 2005, un freno efficace contro le emissioni. Il mercato è stato per molti anni pieno di sovra-allocazioni di carbonio, che hanno abbassato i prezzi dei permessi di carbonio e lasciato pochi incentivi alle aziende a ridurre le proprie emissioni. Non è stato fino agli ultimi due anni I prezzi sono aumentati abbastanza Per influenzare la maggior parte delle decisioni di investimento.

L’inviato cinese per il clima Xie Zhenhua, di sinistra, ha parlato in pratica al vertice di aprile. Il signor Xie è stato in precedenza vice ministro dell’Ufficio di pianificazione economica di Pechino.


immagine:

Bilibi romana/EPA/Shutterstock

A dire il vero, l’Agenzia di pianificazione economica, lungi dall’essere un organismo omogeneo, comprende molti funzionari che vogliono un’azione climatica più aggressiva. Il signor Xie, che ha aiutato a negoziare l’ingresso di Pechino nell’accordo sul clima di Parigi, è stato per anni viceministro dell’Ufficio di pianificazione economica prima di passare al ministero dell’ambiente.

Ma piuttosto che dare la priorità alla riduzione del consumo di combustibili fossili ora, i funzionari dell’Ufficio per la pianificazione economica vogliono cogliere lo slancio della ripresa globale post-pandemia, anche se ciò significa un picco delle emissioni a breve termine, secondo persone che hanno familiarità con la questione . con questo problema.

Il 31 maggio, per volere dei pianificatori economici, il centro siderurgico cinese ha ordinato a Tangshan di allentare le restrizioni sulle emissioni per i produttori di acciaio, un’inversione di una direttiva di marzo che è arrivata dopo che gli ispettori del ministero dell’ambiente hanno scoperto che le aziende stavano violando le normative ambientali e hanno ordinato alle aziende di ridurre le emissioni. dal 30% al 50%.

Alcune province cinesi hanno mostrato resistenza ai tagli alle emissioni imposti da Pechino, avvertendo della carenza di approvvigionamento energetico. Nella provincia costiera del Guangdong, ad esempio, alle fabbriche è stato detto di limitare il consumo di energia e sospendere le operazioni per ore o in alcuni casi per giorni, riducendo produzione e ricavi.

“Il dibattito all’interno del governo cinese è in parte guidato da funzionari che vogliono garantire che gli obiettivi climatici siano raggiunti in modo da gestire l’impatto a breve termine sulle economie locali”, afferma Huo Slater, consulente senior a Pechino per la consulenza ICF. che ha lavorato con organizzazioni cinesi sulle politiche climatiche.

scrivere a Sha Hua a [email protected] e Keith Chai a [email protected]

Copyright © 2020 Dow Jones & Company, Inc. tutti i diritti sono salvi. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8