diciembre 9, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Australia vaccina i koala contro la clamidia negli studi clinici

La clamidia, una malattia a trasmissione sessuale riscontrata anche nell’uomo, si è diffusa ampiamente tra i koala australiani, colpendo metà degli animali in alcune aree.

«È una malattia grave che causa congiuntivite debilitante, infezioni della vescica e infertilità occasionale», ha dichiarato Amber Gillette, veterinaria dell’Australian Zoo Hospital e coordinatrice della ricerca, in una dichiarazione venerdì all’inizio del processo.

I ricercatori affermano che la malattia batterica, che può essere trasmessa dalle madri ai neonati, può anche causare cecità.

Ogni koala riceverà una singola dose del vaccino e sarà dotato di un microchip prima di essere rilasciato in natura.

«Mentre questa vaccinazione andrà a beneficio diretto di ogni animale, la sperimentazione si concentrerà anche sulla protezione offerta dalla vaccinazione», ha affermato Peter Tims, professore di microbiologia presso l’Università della Sunshine Coast, che sta conducendo la sperimentazione.

Sebbene in molti casi la clamidia possa essere trattata con antibiotici, i ricercatori hanno affermato di sperare che il vaccino aiuti a migliorare la sopravvivenza e la riproduzione degli animali.

Le stime dei numeri dei koala variano, poiché è difficile contare in natura. Uno studio dell’Università del Queensland del 2016 ha calcolato che in Australia sono rimasti circa 330.000 koala.

Uno studio commissionato dal World Wildlife Fund ha stimato che più di 60.000 koala sono stati uccisi, feriti o altrimenti colpiti da devastanti incendi boschivi in ​​Australia nel 2019 e all’inizio del 2020.

READ  Il primo lancio per la sicurezza nazionale del Falcon Heavy arriva a ottobre: ​​Spaceflight Now