septiembre 21, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Australia trova nuovi mercati per carbone e orzo in mezzo al conflitto commerciale con la Cina

Una macchina per il riciclaggio di draghe si trova accanto a pile di carbone al Newcastle Coal Port, a Newcastle, Nuovo Galles del Sud, Australia, il 12 ottobre 2020.

David Gray | Bloomberg | Getty Images

Le ampie restrizioni imposte dalla Cina alle esportazioni australiane non sono così dannose come si temeva, perché l’Australia sta trovando nuovi mercati per le sue merci.

Le tensioni tra i paesi sono aumentate negli ultimi mesi e sono peggiorate drasticamente dopo che l’Australia ha sostenuto la richiesta di Indagine globale sulla gestione precoce del Covid-19 da parte della Cina China.

Da allora Pechino ha adottato diverse misure per limitare le importazioni australiane, dall’imposizione di dazi all’imposizione di altre restrizioni e restrizioni. che ha Merci australiane colpite Compreso orzo, vino, manzo, cotone e carbone.

In totale, le esportazioni target valevano circa $ 25 miliardi nel 2019, o l’1,3% del prodotto interno lordo australiano, secondo il Lowy Institute con sede in Australia.

L’Australia è uno dei pochi paesi sviluppati al mondo che ha goduto di un avanzo commerciale con la Cina. Poiché la Cina è il principale partner commerciale dell’Australia, gli analisti si aspettavano che l’Australia sarebbe stata duramente colpita dalle restrizioni.

Ma questi analisti ora dicono che l’Australia è riuscita a contenere i danni deviando molte delle sue esportazioni verso altri paesi.

Gli esportatori di carbone australiani sembrano essere riusciti a spostarsi su altri mercati.

Roland Raga

Economista, Istituto Lowy

“Le esportazioni verso la Cina sono prevedibilmente crollate nelle aree colpite dalle sanzioni, ma la maggior parte di questo commercio perso sembra aver trovato altri mercati”, ha affermato Roland Raga, capo economista del Lowy Institute.

Le esportazioni australiane interessate verso la Cina, escluso il carbone, sono rimaste sostanzialmente invariate per la maggior parte del 2020, ha affermato Raja, ammontando a poco più di 9 miliardi di dollari. Ha aggiunto che alla fine sono scesi a circa la metà di tale importo con l’intensificarsi delle restrizioni alla fine del 2020.

READ  L'ex ministro afghano Syed Saadat sta ora consegnando cibo in Germania

Dopo le restrizioni, quelle stesse merci hanno trovato altri mercati di esportazione e il commercio è aumentato di circa 4,2 miliardi di dollari anno su anno per quelle merci, compensando la maggior parte delle perdite dalla Cina, secondo Rajeh.

Settori in forte espansione: carbone, legname, prodotti ittici

Il carbone è una merce che ha prosperato nonostante il divieto della Cina.

“Sembra che gli esportatori di carbone australiani siano riusciti a passare ad altri mercati”, ha affermato Raja in una nota recente. “Le esportazioni verso altri mercati sono inizialmente aumentate poiché la Cina ha inizialmente ridotto le sue importazioni complessive di carbone a partire dalla metà dell’anno. La tendenza ha successivamente accelerato poiché la Cina ha preso di mira specificamente il carbone australiano a partire da ottobre 2020. “

A gennaio 2021, le esportazioni di carbone australiano nel resto del mondo sono aumentate di 9,5 miliardi di dollari anno su anno rispetto a quanto erano prima del divieto.

In particolare, secondo Rajeh, il carbone australiano in India sta guadagnando quote di mercato.

Marcel Thilliant, capo economista per Australia e Nuova Zelanda, è d’accordo.

Ha affermato che mentre le esportazioni australiane di minerale di ferro verso la Cina sono diminuite del 40% nell’ultimo anno, “i minatori di carbone sono stati in grado di deviare le loro spedizioni verso altri paesi”. “Il risultato è che il conflitto non ha danneggiato l’economia australiana come molti credono”.

Siamo inoltre sempre alla ricerca di altre opportunità da perseguire, sia attraverso i nostri partner commerciali esistenti sia aprendo nuove strade da esplorare.

Dan Teh

Ministro del Commercio australiano

Non è solo carbone. Raga ha affermato che altre esportazioni australiane colpite dalle restrizioni mostrano “indicazioni più chiare di una significativa diversione commerciale”.

Ha registrato orzo, cotone, frutti di mare e legname che sono riusciti a trovare nuovi mercati.

“Le vendite di questi prodotti ad altri mercati sono aumentate notevolmente, ma solo dopo l’intensificarsi delle sanzioni cinesi alla fine del 2020, con la netta inversione di tendenza che questo è stato in realtà il risultato della diversione del commercio”.

Settori nocivi: carne bovina e vino

Gli analisti, tuttavia, hanno notato che l’Australia ha avuto difficoltà a spedire carne bovina e vino.

“L’industria vinicola australiana ha faticato a compensare la perdita del mercato premium cinese”, ha osservato Raga. All’inizio di quest’anno, la Cina ha imposto dazi antidumping su alcuni vini australiani, sostenendo che l’Australia stava praticando il dumping e sovvenzionando le sue esportazioni di vino, danneggiando di conseguenza il settore vinicolo nazionale cinese.

Maggiori informazioni sulla Cina da CNBC Pro

Anche la carne bovina è stata colpita quando la Cina ha sospeso le importazioni da alcuni fornitori australiani di carne bovina.

Ma sia Raja che Thelliant affermano che il rallentamento delle esportazioni potrebbe non essere dovuto solo alle tensioni commerciali con la Cina, ma potrebbe essere in gran parte dovuto anche a problemi di approvvigionamento dopo la recente siccità.

“È anche sorprendente che le esportazioni di rame non siano aumentate molto anche con il prezzo del rame aumentato di un terzo rispetto ai livelli pre-virus”, ha detto Telant alla CNBC. Ciò indica anche che l’Australia ha avuto difficoltà a spedire il rame in altri luoghi.

Ma l’Australia non si tira indietro. È sulla buona strada per trovare nuovi mercati poiché le relazioni tese con la Cina non mostrano segni di cedimento.

Il vice primo ministro Michael McCormack ha dichiarato alla CNBC a maggio che il paese sta cercando di diversificare i suoi mercati.

Ad esempio, ha detto, l’Australia aveva appena inviato la sua prima spedizione di orzo in Messico.

L’anno scorso Pechino ha imposto dazi antidumping e sovvenzioni sull’orzo australiano, una mossa che ha di fatto cacciato i produttori di orzo del paese dal mercato cinese.

La scorsa settimana, il ministro del commercio australiano ha dichiarato che chiederà all’Organizzazione mondiale del commercio di istituire un pannello di risoluzione delle controversie per risolvere le preoccupazioni su tali restrizioni imposte dalla Cina all’orzo australiano.

Il ministro del Commercio australiano Dan Tehan ha detto mercoledì alla CNBC Il suo Paese sta anche valutando se entrare nell’Organizzazione mondiale del commercio nella disputa sul vino in corso con la Cina.

Tehan ha fatto eco al messaggio che l’Australia sta cercando modi per trovare nuovi mercati per i suoi prodotti. Attualmente sta negoziando un accordo di libero scambio con Regno Unito e il Unione europea.

“Siamo sempre alla ricerca di altre opportunità da perseguire, sia attraverso i nostri partner commerciali esistenti sia aprendo nuove strade da esplorare”, ha aggiunto.