septiembre 21, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Gli Stati Uniti annunciano nuove tariffe ritardate contro sei paesi in risposta alle tasse che colpiscono le grandi aziende tecnologiche

I sei paesi soggetti a dazi, fissati al 25% su merci per un valore di circa 2 miliardi di dollari, includono Austria, India, Italia, Spagna, Turchia e Regno Unito. L’ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti ha affermato che i dazi aggiuntivi saranno esclusi dall’operatività per un massimo di 180 giorni mentre gli Stati Uniti continuano a negoziare una proposta di sistema fiscale globale attraverso l’OCSE e il processo del G-20.

I governi stranieri si sono a lungo lamentati del fatto che le grandi aziende tecnologiche come Apple, Facebook e Google dovrebbero pagarle di più in tasse. Alcuni hanno recentemente emesso tasse mirate specificamente alle entrate generate da tali società, comprese società con sede negli Stati Uniti come Facebook, Google e Amazon.

Il Regno Unito, ad esempio, ha imposto una tassa del 2% sulle entrate provenienti da piattaforme di social media, motori di ricerca e mercati online, sostenendo che poiché queste società traggono profitto dagli utenti con sede nel Regno Unito, il Regno Unito merita una quota di tali guadagni.

“L’applicazione delle attuali norme sull’imposta sulle società alle società che operano nell’economia digitale ha portato a una discrepanza tra il luogo in cui vengono tassati i profitti e il luogo in cui viene creato il valore”, Il governo del Regno Unito ha detto.

La risposta degli Stati Uniti alle tasse sui servizi digitali riflette la sua opposizione a quelle che vedono come politiche discriminatorie rivolte alle grandi aziende di successo della Silicon Valley con una portata globale. A marzo, l’ufficio del rappresentante commerciale degli Stati Uniti ha proposto una stima di 880 milioni di dollari in nuove tariffe combinate contro i sei paesi, nel corso di un’indagine sulle tasse estere ai sensi della Sezione 301 del Trade Act del 1974.

READ  Il "punto meridionale" dell'oceano caldo ha causato una massiccia siccità a migliaia di chilometri di distanza in Cile

La cifra tariffaria finale che colpisce più di $ 2 miliardi di beni copre prodotti importati tra cui gamberetti, tappeti, cosmetici, abbigliamento e console per videogiochi, tra le altre cose.

“Gli Stati Uniti rimangono impegnati a costruire un consenso sulle questioni fiscali internazionali attraverso i processi dell’OCSE e del G20”, ha affermato in una nota la rappresentante per il commercio degli Stati Uniti Catherine Taye. “Le azioni di oggi forniscono il tempo affinché questi negoziati continuino a fare progressi preservando l’opzione di imporre tariffe ai sensi dell’articolo 301 se giustificato in futuro”.