junio 23, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’Agenzia spaziale europea fa piani per 30 anni di esplorazione dello spazio استكشاف

L'immaginazione di un artista della superficie ghiacciata della luna di Saturno Encelado.

L’immaginazione di un artista della superficie ghiacciata della luna di Saturno Encelado.
Una precisazione: ESA/Ufficio scientifico

Il futuro dell’esplorazione spaziale sembra molto eccitante, poiché l’Agenzia spaziale europea ha rivelato i suoi piani di ricerca a lungo termine che sperano di identificare i pianeti che potrebbero ospitare la vita al di fuori del nostro sistema solare ed esaminare le prime strutture dell’universo.

All’inizio di questa settimana, l’Agenzia spaziale europea European confermato è Prevede di lanciare l’orbiter EnVision su Venere, pochi giorni dopo la NASA Ha annunciato la sua missione Per visitare la terra di un pianeta in fiamme. Ma l’agenzia ora guarda più al futuro, fissando le sue ambizioni al 2050.

Le missioni sono programmate per essere eseguite dal 2035 al 2050 e saranno tutte di grandi dimensioni, o Classe L, le missioni principali dell’agenzia, in genere lanciate una volta ogni decennio. L’Agenzia spaziale europea si riferisce a ciascuno dei suoi cicli di pianificazione della missione episodica come “Visione cosmica” e il segno di mezzo secolo come “Volo 2050”.

“Il Piano Voyage 2050 è il risultato di uno sforzo significativo della comunità scientifica, dei team specializzati e del Comitato Supremo che hanno contribuito a una discussione così vivace e fruttuosa per arrivare a questa eccezionale proposta”, ha affermato Fabio Fabio Favata, Presidente del Consiglio di Amministrazione, Fabio Favata. agenzie pubblicazione. “Il volo 2050 sta navigando e manterrà l’Europa in prima linea nella scienza spaziale per i decenni a venire”.

All’incontro di questa settimana, il comitato del programma scientifico dell’Agenzia spaziale europea (ESA) ha annunciato i tre argomenti selezionati per le future missioni di classe L: ulteriore esplorazione delle lune giganti del nostro sistema solare; osservando esopianeti temperati nella nostra galassia; Lo studio dell’evoluzione delle prime strutture nell’universo primordiale.

Il primo di questi temi continua la direzione dell’esplorazione lunare come delineato nelle proposte di missione come Il Tridente della NASA e JUpiter ICy Explorer dell’Agenzia spaziale europea (ESA), o JUICE, una missione di classe L in programma per il lancio L’anno prossimo. JUICE guiderà il lavoro sulle lune di Giove, ma sembra che l’ESA raddoppierà nei prossimi decenni, forse dirigendosi oltre Giove verso le lune di Nettuno o Saturno. Speriamo che questi piani includano anche un mezzo da sbarco o un drone بدون Libellula dalla NASA, che si dirigerà verso la luna di Saturno Titano tra circa cinque anni, come proposto dall’Agenzia spaziale europea pubblicazione. Poiché alcune di queste lune hanno oceani sotterranei, gli astrobiologi pensano che probabilmente ospitino la vita.

L’agenzia si è anche impegnata a rendere gli esopianeti temperati un punto focale della sua missione entro il 2050. Gli esopianeti, in particolare i pianeti rocciosi super-terrestri, possono aiutarci a comprendere meglio l’evoluzione planetaria e le possibilità di vita altrove. È qui che entra in gioco la parte “moderata” del focus di questa missione, riferendosi alle temperature favorevoli alla vita come la conosciamo. L’Agenzia spaziale europea ha già sonde per la ricerca sugli esopianeti –Khufu (lanciato nel 2019), Platone (Previsto per il rilascio nel 2026), e Ariel (previsto per il 2029), ma ulteriori missioni potrebbero concentrarsi sul miglioramento delle osservazioni in regione del medio infrarosso dello spettro elettromagnetico, che fornirebbe dati migliori sulle atmosfere degli esopianeti attraverso osservazioni dirette e, se diretto oltre gli esopianeti, potrebbe rivelare dischi protoplanetari e altre strutture di formazione galattica. (Il telescopio spaziale James Webb della NASA, il cui lancio è previsto entro la fine dell’anno, cercherà oggetti in stessa lunghezza d’onda.) Quando la missione Next Generation dell’ESA prenderà il via, speriamo che avrà una solida base di scoperte su cui costruire.

Il piano di missione finale di classe L, per studiare le strutture originali dell’universo e come sono apparse, affronterà una situazione cosmica di vecchia data. È anche il più aperto in termini di come cercare risposte. La missione potrebbe assomigliare agli osservatori spaziali di Planck e LISA, Secondo una dichiarazione dell’agenzia; Il primo studia il fondo cosmico a microonde e il secondo è l’osservatorio delle onde gravitazionali.

È un momento emozionante per lo spazio. Lanci e atterraggi possono essere gli elementi più entusiasmanti per alcune persone, ma sono queste fasi di pianificazione che definiscono dove saremo tra decenni.

Di più: Diavolo sì, un’altra missione su Venere ha appena ottenuto il via libera

READ  Il computer principale di Hubble è offline e la NASA sta cercando disperatamente di ripararlo