agosto 5, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’acquisizione di Arm di Nvidia ottiene il supporto di Broadcom, MediaTek e Marvell

Jin-Hsun Huang, Presidente e CEO di Nvidia Corp. , parla durante l’evento aziendale al Mobile World Congress Americas di Los Angeles il 21 ottobre 2019.

Patrick T. Fallon | Bloomberg | Getty Images

Gigante americano delle patatine di Broadcom è uscito per supportare nvidia L’acquisizione da 40 miliardi di dollari del progettista di chip britannico Arm dopo che altre società hanno sollevato preoccupazioni sull’accordo.

accordo che era È stato annunciato lo scorso settembre, è oggetto di indagine da parte delle autorità di regolamentazione antitrust negli Stati Uniti, in Europa, in Cina e nel Regno Unito Qualcomm ha detto Che Nvidia potrebbe limitare la fornitura di tecnologia Arm ai suoi concorrenti o aumentare i prezzi. Il Google E il Microsoft Hanno sollevato le stesse preoccupazioni con i regolatori, Secondo Bloomberg.

Ma Hook Tan, presidente e CEO di Broadcom, ha dichiarato in una dichiarazione congiunta con CNBC che la sua azienda sostiene l’accordo dopo aver ricevuto le necessarie assicurazioni.

“Arm è un partner chiave di Broadcom e l’accesso alla sua tecnologia è fondamentale per il nostro successo attuale e futuro”, ha affermato Tan.

“Broadcom supporta la proposta di acquisizione di Arm da parte di Nvidia perché Nvidia ha assicurato al settore che aumenterà gli investimenti complessivi nella tecnologia Arm e che continuerà a rendere questa tecnologia disponibile per l’industria su base equa, ragionevole e non discriminatoria”.

in un altro luogo, Tecnologia multimediale E il meraviglia Hanno anche espresso il loro sostegno, secondo rapporto Dal Sunday Times nel fine settimana.

L’industria dei semiconduttori “trarrà vantaggio dalla combinazione di Nvidia e Arm”, ha affermato Rick Tsai, presidente di MediaTek di Taiwan, il più grande sviluppatore al mondo di chip mobili, secondo il rapporto.

READ  I rivenditori di Singapore si stanno riprendendo dalle misure di Covid mentre le vendite diminuiscono fino al 70%

“Riteniamo che la fusione consentirà a MediaTek e ad altri operatori del settore di portare sul mercato prodotti più competitivi e completi”, ha affermato Tsai.

Il CEO della Marvell Matt Murphy ha dichiarato al Sunday Times di non aver visto “nessuna riluttanza da parte di Nvidia ad affrontare” le preoccupazioni sollevate da Qualcomm e altri.

MediaTek e Marvell non hanno risposto immediatamente alla richiesta di commento della CNBC.

in rari casi intervista congiunta Il 17 giugno, il CEO di Nvidia Jensen Huang e il CEO di Arm Simon Segars hanno tentato di spiegare perché l’accordo è stato autorizzato. Hanno tentato di affrontare le preoccupazioni sulla perdita di indipendenza di Arm, nonché le questioni relative al controllo delle esportazioni e alla sovranità digitale.

Segars ha affermato che Arm sta attualmente lottando per soddisfare la domanda perché ha risorse limitate da sfruttare. “In questo momento, stiamo esaminando tutto ciò che possiamo fare in un giorno”, ha detto. “Abbiamo molto più da fare di quanto non facciano le persone. È sempre stato così, ma in questo momento lo è più che mai”.

“La gamma di prodotti che i nostri licenziatari vogliono costruire sta crescendo e crescendo”, ha aggiunto Segars. “Quello che ci chiedono sta aumentando sempre di più a causa della crescente complessità. Non c’è modo di farlo da soli”.

È importante notare che “l’indipendenza non significa forza”, ha detto Huang.

Ripercussioni geopolitiche?

Broadcom, MediaTek e Marvell sono tra le prime società di chip a sostenere l’accordo, che arriva in mezzo La carenza globale di chip colui il quale Può durare fino al 2023.

Il CEO di Graphcore Nigel Tone ha dichiarato alla CNBC a dicembre che la sua azienda considera l’accordo come anticoncorrenziale. “Rischia di chiudere o limitare l’accesso di altre aziende ai progetti di processori CPU all’avanguardia che sono così importanti in tutto il mondo tecnologico, dai data center ai dispositivi mobili, automobili e dispositivi embedded di ogni tipo”, ha affermato.

I produttori cinesi di chip, tra cui Huawei, hanno esortato Pechino a cercare di bloccare l’accordo per il timore che potrebbe essere svantaggiato se Arm dovesse finire nelle mani di una società statunitense.

Arm è attualmente di proprietà di SoftBank dopo che il colosso tecnologico giapponese ha pagato 24 miliardi di sterline (33 miliardi di dollari) alla società nel 2016.