septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Uno studio ha scoperto che il colesterolo cerebrale può portare al morbo di Alzheimer

Il colesterolo è stato a lungo collegato alle arterie ostruite e alle malattie cardiache, ma una nuova ricerca suggerisce che può colpire anche il cervello.

Scienziati della University of Virginia School of Medicine hanno scoperto che il colesterolo prodotto nel cervello sembra svolgere un ruolo chiave nello sviluppo di Il morbo di Alzheimer.

Le nuove scoperte dimostrano che il colesterolo prodotto da cellule chiamate astrociti è essenziale per controllare la produzione di amiloide-beta, una proteina appiccicosa che si accumula nel cervello dei malati di Alzheimer. La ricerca fornisce importanti spunti su come e perché si formano le placche e può spiegare perché i geni correlati al colesterolo sono collegati a un aumentato rischio di malattia di Alzheimer.

I risultati forniscono anche agli scienziati una guida importante mentre cercano di prevenire l’Alzheimer ed evidenziano come prevenire la sovrapproduzione di beta-amiloide come un modo per combattere la malattia, che attualmente uccide più persone anziane del cancro al seno e alla prostata messi insieme.

“Questo studio ci aiuta a capire perché i geni correlati al colesterolo sono importanti per lo sviluppo dell’Alzheimer”, ha detto la ricercatrice Heather Ferris, della Divisione di Endocrinologia e Metabolismo dell’Uva Health.

“I nostri dati indicano l’importanza di concentrarsi sulla produzione di colesterolo negli astrociti e sulla trasmissione ai neuroni come un modo per ridurre la beta-amiloide e prevenire la formazione di placche”.

READ  La nuova aggiunta della Russia alla stazione spaziale: quando guardarla

Betty Stein, 92 (a sinistra) e Eli Boyer, 91, sopravvissuti all’Olocausto, giocano a ping pong in un programma per persone con malattia di Alzheimer e demenza all’Arthur Gilbert Table Tennis Center di Los Angeles.

“Una volta che le persone iniziano ad avere problemi di memoria a causa dell’Alzheimer, innumerevoli neuroni muoiono. Si spera che prendere di mira il colesterolo eviti che questa morte si verifichi in primo luogo”, ha detto.

All’inizio di questo mese, anche i ricercatori dell’Università di Tel Aviv (TAU) Scoperta pionieristica nello studio delle proteine ​​beta-amiloidi. Per la prima volta, uno studio clinico non farmaceutico ha dimostrato l’efficacia nell’invertire i principali stimolanti per il morbo di Alzheimer, secondo il professor Shai Efrati dell’Università di Washington, il cui studio sull’uso dell’ossigenoterapia iperbarica per migliorare la funzione cerebrale è stato pubblicato su una rivista medica recensione. invecchiamento.