diciembre 6, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La scomparsa dell’Apple Daily infligge un altro colpo alla reputazione malconcia di Hong Kongة

Le autorità di Hong Kong hanno cercato di allontanare la chiusura del giornale da quello che ha definito «normale lavoro giornalistico» e hanno affermato che la pubblicazione ribelle pro-democrazia minaccia la sicurezza nazionale.

Pechino ha risposto venerdì che i commenti di Biden erano «infondati» e ha esortato gli Stati Uniti a non interferire negli «affari interni» della Cina.

Tara Joseph, presidente della Camera di commercio americana di Hong Kong, ha affermato che la mossa è stata «un colpo al fronte e un promemoria della vaghezza della legge sulla sicurezza nazionale». La legge proibisce qualsiasi attività che Pechino ritenga come sedizione, secessione e sabotaggio e consente alla sicurezza dello stato cinese di operare nel territorio.

«Non si tratta solo di chiudere Apple Daily», ha detto alla CNN Business. «È la nuova normalità, il cambiamento che Hong Kong sta subendo dalla sua era di colonia post-britannica a un’era in cui è, sempre più, parte integrante della Cina».

Il governo ha ritirato queste preoccupazioni. In risposta a una richiesta di commento, un rappresentante del ministro del Commercio di Hong Kong Edward Yao ha fatto riferimento alla CNN Business all’ex Appunti dal capo della città, Carrie Lam.

«Non cercare di accusare le autorità di Hong Kong di utilizzare la legge sulla sicurezza nazionale come strumento per sopprimere i media o soffocare la libertà di espressione», ha detto Lam in una conferenza stampa martedì.

momento delicato

Hong Kong è sempre stato un importante hub per le aziende straniere che cercano di fare affari con la Cina. Mentre Pechino è ampiamente regolamentata Come operano le aziende all’estero? Sulla terraferma, Hong Kong ha dato loro la possibilità di operare senza severe restrizioni sugli investimenti e altre operazioni.

Le organizzazioni dei media hanno tradizionalmente goduto di una maggiore libertà ad Hong Kong Che nel continente, dove le pubblicazioni statali di Pechino sono onnipresenti e le testate straniere hanno regole rigide per seguire il modo in cui assumono i giornalisti.
Anche le aziende tecnologiche in faccia Principali blocchi stradali nella Cina continentale, con aziende come Google in modo abbastanza efficace.
Ma Pechino si sta muovendo in modo aggressivo per riportare Hong Kong in prima linea dal 2019, quando massicce manifestazioni a favore della democrazia sono scoppiate in tutta la città. La legge sulla sicurezza nazionale è stata il simbolo più visibile di quell’inasprimento, sollevando interrogativi sul futuro della città Come un centro d’affari internazionale Soprattutto per le società di media o tecnologia che trattano informazioni sensibili o controverse.

«Se disponi di dati sensibili e prima o poi non li vuoi, la polizia di Hong Kong sarà alla tua porta, prenderà i tuoi dati sensibili da Hong Kong», ha affermato Stefan Schmierer, socio amministratore di Ravenscroft & Schmierer. , uno studio legale con sede a Hong Kong che fornisce consulenza a società internazionali.

Alcune aziende hanno già ridimensionato la loro presenza a Hong Kong a causa delle turbolenze politiche. L’estate scorsa, il New York Times Lui si è spostato La sua operazione di notizie digitali in Asia da Hong Kong a Seoul, citando il potenziale impatto della legge sulla sicurezza. sito di consulenza sugli investimenti variopinto E anche TikTok Ritirato.
Anche i giocatori di Big Tech hanno espresso riserve. lo scorso luglio, Sito di social network Facebook (FB)E il Il Google (Il Google) E il Twitter (TWTR) Egli ha detto Smetteranno temporaneamente di esaminare le richieste di dati degli utenti da parte del governo della città.
aziendale & # 39;  più ansioso & # 39 ;  Ora sulla legge sulla sicurezza a Hong Kong

Facebook, Twitter e Google hanno confermato venerdì che non c’è stato alcun cambiamento nella loro posizione.

READ  Vulcano La Palma, aggiornamenti in tempo reale oggi: eruzione, allerta tsunami e ultime notizie | isole Canarie

Anche l’autocensura sta diventando sempre più evidente. L’anno scorso, la Camera di commercio tedesca voleva ospitare un simposio a Hong Kong sulla legge sulla sicurezza nazionale, ma secondo Schmerer non ha trovato studi legali disposti a partecipare. La camera non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Kevin Lai, capo economista per l’Asia escluso il Giappone presso Daiwa Capital Markets, ha affermato di aver notato anche un cambiamento tra colleghi analisti ed economisti, aggiungendo che molti erano «È più silenzioso di prima.»

«Forse c’è stata un po’ di autocensura», ha detto.

Sicurezza per alcuni, disagio per altri

Schmerer ha detto che non si aspettava che l’aumento della repressione colpisse tutti, aggiungendo che «non è come se Pechino uccidesse gli affari di Hong Kong».

“Se compri delle macchine in Cina e le vendi negli Stati Uniti, dov’è il problema? [the] Legge sulla sicurezza nazionale? «

Frederic Gollop, presidente della Camera di commercio europea di Hong Kong, ha fatto eco a questo sentimento.

«In alcuni settori è diventato più politico… non credo si possa dire questo a tutte le industrie e settori», ha detto.

Tuttavia, la preoccupazione del pubblico non si è limitata ai media e alla tecnologia. Negli ultimi mesi, sensazione Le preoccupazioni sono ricadute sulla città, poiché diverse istituzioni si trovano sotto i riflettori.

lo scorso dicembre, HSBC (HBCYF) Ha affrontato il controllo dopo che la polizia di Hong Kong ha congelato i conti bancari dell’ex deputato democratico Ted Hoy e della sua famiglia dopo che Hoy ha annunciato che sarebbe andato in esilio.

La polizia ha affermato che Hoy ha sottratto fondi raccolti attraverso una campagna di crowdfunding, sostenendo di aver violato la legge sulla sicurezza nazionale colludendo con potenze straniere per minare la sicurezza nazionale.

READ  La Germania pagherà alla Namibia 1,3 miliardi di dollari per il riconoscimento ufficiale del genocidio dell'era coloniale

HSBC ha detto all’epoca che doveva «rispettare le leggi della giurisdizione in cui operiamo».

HSBC sta premendo più forte in Cina e India
Ma l’incidente ha causato un tumulto tra i politici stranieri e l’amministratore delegato di HSBC, Noel Quinn, è stato chiamato a comparire davanti ai legislatori britannici. per l’interrogatorio a gennaio.

La banca ha continuato ad affrontare tensioni a Hong Kong, il suo mercato più grande. Questa settimana, ad esempio, la banca ha dovuto scusarsi con i clienti in città dopo la confusione su una modifica segnalata ai suoi termini di servizio.

Avviso pubblicato dal prestatore, che Da quando è stato recensito, ha affermato che «potrebbe non essere autorizzato» a fornire ai clienti di Hong Kong l’accesso all’online o mobile banking al di fuori della città, suscitando una protesta pubblica su come limita i clienti e danneggia il suo status di centro finanziario internazionale.

HSBC ha successivamente chiarito che «non esiste alcun piano per alcuna modifica dei servizi».

I clienti di HSBC Hong Kong possono continuare ad accedere ai servizi bancari tramite servizi di online banking e mobile banking all’esterno [the city]»Ci scusiamo per gli eventuali disagi causati», ha detto in una nota.

‘Tempesta perfetta’

«Abbiamo avuto una tempesta perfetta negli ultimi anni», ha detto in qualche modo Joseph, presidente della Camera di commercio americana al Cairo.

Schmerer ha affermato che Hong Kong soffre di un «triplo smacco» di problemi storici proteste di massa Nel 2019 a pandemia di coronavirus E ora le implicazioni per la legge sulla sicurezza nazionale.
Hong Kong ha un solo vero concorrente per le aziende che stanno pensando di andarsene

Il governo ha anche affrontato crescenti critiche sui limiti della città in gran parte chiusi e sulle rigide regole di quarantena, che hanno reso i viaggi internazionali quasi impossibili per molte persone.

READ  Morto a 84 anni Abdelaziz Bouteflika, il presidente più alto d'Algeria

Ciò ha aumentato i timori di una «fuga di cervelli», secondo Golub.

«Sono preoccupato per le aziende e le persone che partono in numero maggiore e forse non tornano perché non possono muoversi liberamente», ha detto.

In alcune società, la questione è diventata più pressante. Secondo il gruppo, oltre il 40% degli espatriati intervistati dalla Camera di commercio americana di Hong Kong ha dichiarato di considerare l’idea di allontanarsi dalla città. Egli ha detto Lo scorso mese.

Golub si è detto più interessato alla riapertura della città che alle tensioni politiche.

In alcune aree della comunità imprenditoriale, [the mood] È decisamente vicino alla disperazione».

«Abbiamo un grande compito davanti a noi per riportare l’immagine di Hong Kong dove pensiamo che dovrebbe essere, e penso che sia, al momento, un compito molto difficile da fare».

Eric Cheung, Jaden Sham, Nikita Koirala, Jenny Marsh e CNN Beijing Bureau hanno contribuito a questo rapporto.