enero 18, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La polizia di Hong Kong fa irruzione nel notiziario pro-democrazia, arresta 6

HONG KONG (AFP) – La polizia di Hong Kong ha fatto irruzione mercoledì nell’ufficio di una testata giornalistica online a favore della democrazia dopo aver arrestato sei persone per aver complottato per pubblicare una pubblicazione sediziosa, l’ultimo passo nella repressione del dissenso in città.

I detenuti erano affiliati a Stand News, una delle testate giornalistiche a favore della democrazia più acclamate della città dopo che l’Apple Daily a favore della democrazia aveva interrotto le operazioni all’inizio di quest’anno.

La polizia ha detto che più di 200 agenti hanno preso parte alla ricerca. Avevano un ordine di sequestrare i relativi materiali di stampa ai sensi del National Security Act emanato l’anno scorso.

La polizia ha detto che i sei sono stati arrestati nelle prime ore di mercoledì mattina ai sensi del Colonial Era Crimes Act con l’accusa di aver cospirato per pubblicare un opuscolo incendiario e che erano in corso perquisizioni nelle loro residenze. I condannati rischiano fino a due anni di carcere e una multa fino a 5.000 HK$ (640 USD).

Secondo il quotidiano locale, il South China Morning Post, la polizia ha arrestato un attuale ed ex redattore di Stand News, nonché quattro ex membri del consiglio tra cui la cantante e attivista Denise Ho e l’ex deputata Margaret Ng.

La polizia non ha specificato chi fosse stato arrestato.

Un post di Facebook mercoledì mattina presto sull’account di Ho ha confermato che era stata arrestata. Un successivo messaggio pubblicato a suo nome ha detto che stava bene e ha esortato amici e sostenitori a non preoccuparsi per lei.

Questo post ha attirato quasi 40.000 Mi piace e 2.700 commenti, principalmente da sostenitori.

READ  Il 2020 è stato un anno record per lo stress, colpendo più duramente le mamme con i bambini a casa

All’inizio di mercoledì, Stand News ha pubblicato un video su Facebook di agenti di polizia a casa del suo vicedirettore, Ronson Chan, mentre stavano indagando sul presunto crimine. In una dichiarazione, l’organizzazione ha confermato che Chan, che è anche presidente dell’Associazione dei giornalisti di Hong Kong, è stato interrogato.

Chan, che è stato poi rilasciato, ha detto ai media che la polizia ha sequestrato i suoi dispositivi elettronici, le carte bancarie e la carta stampa.

Gli arresti arrivano mentre le autorità reprimono il dissenso nella città cinese semi-autonoma. La polizia di Hong Kong aveva precedentemente fatto irruzione negli uffici dell’ormai defunto Apple Daily, confiscando scatole di materiali e dischi rigidi per aiutare le loro indagini e congelando milioni di beni che in seguito hanno costretto il giornale a cessare le operazioni.

Martedì la polizia ha accusato di sedizione l’ex editore dell’Apple Daily Jimmy Lay.

Stand News ha dichiarato all’inizio di quest’anno che avrebbe sospeso gli abbonamenti e rimosso la maggior parte degli articoli e delle colonne di opinione dal suo sito Web a causa della legge sulla sicurezza nazionale. Anche sei membri del consiglio si sono dimessi dalla società.

Il Sindacato dei giornalisti di Hong Kong ha esortato il governo della città a proteggere la libertà di stampa in conformità con la mini-costituzione di Hong Kong, la Legge fondamentale.

«L’Associazione dei giornalisti di Hong Kong (HKJA) è profondamente preoccupata per il fatto che la polizia abbia ripetutamente arrestato membri di spicco dei media e perquisito gli uffici di organizzazioni di notizie contenenti grandi quantità di materiale di stampa entro un anno», si legge in una nota.

READ  La Giordania è stata attaccata da droni iraniani - King Abdullah

Benedict Rogers, cofondatore e amministratore delegato dell’organizzazione non governativa Hong Kong Watch, ha affermato che gli arresti sono stati «a dir poco un attacco totale alla libertà di stampa a Hong Kong».

«Quando la stampa libera garantita dalla Legge fondamentale di Hong Kong è classificata come ‘sediosa’, è emblematico della velocità con cui questa città internazionale un tempo grande e aperta è divenuta poco più di uno stato di polizia», ​​ha affermato.

Gli arresti di mercoledì hanno seguito la rimozione di sculture e altre opere d’arte dai campus universitari la scorsa settimana. Democratic Actions ha sostenuto e commemorato le vittime della repressione cinese dei manifestanti democratici in Piazza Tiananmen a Pechino nel 1989.