agosto 12, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

La Fed potrebbe utilizzare aumenti dei tassi di mezzo punto se necessario, afferma ufficiale

La Fed potrebbe sovradimensionare un aumento del tasso di mezzo punto percentuale se l’inflazione rimane ostinatamente alta, ha affermato un importante funzionario della banca centrale statunitense.

Raphael Bostic, presidente della filiale della Fed di Atlanta, ha mantenuto la sua richiesta di aumenti dei tassi di interesse di tre quarti di punto nel 2022, con il primo in arrivo a marzo, in un’intervista al Financial Times. Ma ha detto che un approccio più aggressivo è possibile se giustificato dai dati economici.

Ciò potrebbe significare aumenti dei tassi in ciascuna delle sette riunioni politiche rimanenti nel 2022, o anche la possibilità che la Fed aumenti il ​​tasso sui fondi federali di mezzo punto percentuale, il doppio del suo importo tipico e uno strumento che non utilizzava da circa due decenni.

«Ogni opzione è sul tavolo per ogni riunione», ha detto Bostic venerdì. “Se i dati dicono che le cose si sono evolute in modo tale da richiedere una mossa di 50 punti base o [would] essere appropriato, allora mi occuperò di questo. . . Se ha senso trasferirsi in riunioni successive, mi sentirò a mio agio.

«Penso che sia emersa l’idea che abbiamo alcuni incontri in cui ci limitiamo a farlo e che non c’è capacità di azione, e questa non è mai stata la mia mentalità».

Ha aggiunto che starebbe osservando da vicino una decelerazione degli aumenti mensili dei prezzi al consumo e un’ulteriore prova di ciò salari in aumento non stanno alimentando in modo significativo un aumento dell’inflazione quando si pensa alle sue previsioni sui tassi di interesse. Ha detto di essere stato incoraggiato dall’ultimo indice del costo del lavoro (ECI), che è stato pubblicato venerdì e tiene traccia di salari e benefici pagati dai datori di lavoro statunitensi, e prevede una moderazione della crescita salariale in futuro.

READ  ¿Qué sabes esta semana?

I commenti di Bostic fanno eco a quelli di Jay Powell, presidente della banca centrale, che rifiutato Questa settimana per escludere anche le risposte politiche più energiche per reprimere l’inflazione, che sta funzionando al ritmo più veloce in circa 40 anni.

Powell invece ha detto che la Fed sarebbe «umile e agileMentre cerca di «allontanarsi costantemente» dalla politica monetaria estremamente facile che ha messo in atto all’inizio del 2020 per proteggere l’economia dallo shock del Covid-19.

Di conseguenza, le aspettative del mercato sono cambiate, con i trader che ora stanno valutando un aumento del tasso di interesse di un quarto di punto in più quest’anno, per un totale di cinque.

L’abbraccio della Fed di molto di più posizione da falco ha sconvolto i mercati finanziari globali, provocando un’estrema volatilità questo mese e forti perdite per le azioni statunitensi.

Il capo della Fed di Atlanta ha espresso poca preoccupazione per le recenti rotazioni e ha affermato che è stata una risposta naturale a una Fed che stava iniziando a ritirare il suo sostegno.

«La riduzione degli alloggi dovrebbe tradursi in mercati finanziari più rigidi», ha affermato Bostic. «Gli sviluppi che abbiamo visto su questo fronte sono confortanti, nel senso che i mercati stanno ancora funzionando come dovrebbero e stanno rispondendo alle condizioni in modo razionale e appropriato».

Ha affermato, tuttavia, di essere stato monitorato da vicino sui mercati dei prestiti notturni, in particolare, per i segnali di stress simili all’episodio del 2018, quando i mercati finanziari si sono rialzisti quando la Fed ha ulteriormente inasprito la politica monetaria nonostante i timori di un rallentamento della crescita.

READ  Las acciones se recuperan cuando los mercados se detienen y los precios del petróleo caen

Bostic, che sostiene anche la Fed riducendo la sua Bilancio di 9 trilioni di dollari «Il più rapidamente» possibile senza compromettere il funzionamento del mercato, ha affermato di essere «ottimista» sull’andamento dell’economia nei prossimi mesi, nonostante l’elevata inflazione.

Ha anche respinto le affermazioni secondo cui la Fed avrebbe aumentato i tassi di interesse in modo troppo aggressivo e in un modo che si sarebbe rivelato dannoso.

“Il nostro percorso politico non è un percorso di restrizione. È un percorso meno accomodante”, ha detto. “Se facciamo i tre [interest rate increases] che ho in mente, lascerà comunque la nostra politica in uno spazio molto accomodante.

«Non credo che ci saranno molti vincoli alla crescita mentre eliminiamo queste azioni di emergenza».