diciembre 2, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Isole Salomone: questo è oltre il tumulto

MELBOURNE, Australia – I manifestanti nelle Isole Salomone hanno tentato venerdì di prendere d’assalto la residenza personale del primo ministro Manasseh Sogavari, incendiando un edificio alle sue spalle. La polizia ha usato gas lacrimogeni per disperdere la folla mentre i disordini hanno scosso la capitale per il terzo giorno consecutivo.

La polizia ha anche sparato colpi in altre parti della capitale Honiara per disperdere i manifestanti, secondo i giornalisti locali, mentre i manifestanti anti-governativi che chiedevano le dimissioni del signor Sugavari hanno sfidato il coprifuoco di 36 ore e sono scesi in piazza.

Gli agenti di polizia australiani sono arrivati ​​nella capitale giovedì notte, dopo che il signor Sugavari ha richiesto assistenza alla sicurezza. La Papua Nuova Guinea, venerdì, si è impegnata a inviare forze di pace, secondo un rapporto media locali.

Ecco cosa sappiamo della turbolenza.

Molti dei manifestanti hanno viaggiato da Malaita a Guadalcanal, che ospita la capitale del paese, secondo funzionari e notizie locali.

Gli esperti dicono che decenni di risentimento stanno ribollendo tra le due isole, in particolare a causa della distribuzione ineguale delle risorse e della mancanza di sostegno economico che ha reso Malaita una delle province meno sviluppate dell’isola.

C’era anche un persistente malcontento a Malaita per la decisione del governo centrale nel 2019 Cambia le alleanze diplomatiche in Pechino da Taipei, Taiwan, l’isola autonoma che la Cina rivendica come suo territorio.

Il ministero degli Esteri di Taiwan ha accusato Pechino di aver corrotto i politici Salomone abbandonare Taipei Alla vigilia del settantesimo anniversario della fondazione della Repubblica Popolare Cinese sotto il Partito Comunista.

Le Isole Salomone sono un arcipelago composto da quasi mille isole nell’Oceano Pacifico, a circa 1.000 miglia a nord-est dell’Australia. La popolazione della catena di isole è di 710mila, la maggior parte dei quali sono agricoltori e pescatori.

Malaita È la più popolosa delle isole, con una popolazione di 160.500 persone l’anno scorso. Densamente boscosa, montuosa e vulcanica, situata a 30 miglia a nord-est di Valle del canale, l’isola più grande, attraverso l’indispensabile stretto.

La nazione insulare si è trovata in un conflitto geopolitico crescente per la decisione del 2019, che ha inferto un duro colpo alla posizione globale di Taipei e alla diplomazia regionale di Washington.

READ  I risultati delle elezioni tedesche indicano la politica di Messier e la leadership più debole dopo la Merkel

Gli Stati Uniti considerano le Isole Salomone e altre nazioni del Pacifico cruciali per impedire alla Cina di affermare la propria influenza nella regione.

La Cina ha investito pesantemente nel Pacifico, il che ha allarmato i funzionari statunitensi. Nel 2019 una società cinese ha firmato un accordo per Affitta una delle isoleL’accordo è stato successivamente dichiarato illegale dal procuratore generale delle Isole Salomone.

Non è la prima volta che la presenza della Cina nelle isole è motivo di contesa. Nel 2006, sono scoppiate rivolte tra le voci secondo cui l’elezione di un primo ministro impopolare era stata influenzata dal denaro cinese o taiwanese.

Alcuni esperti hanno tracciato una linea retta dalla risoluzione del 2019 alle turbolenze di questa settimana.

Dietro le rivolte c’era «una grande infelicità per questa svolta», ha affermato Sinclair Dennin, professore associato presso il Dipartimento degli affari del Pacifico presso l’Australian National University.

Mihai Sora, ricercatore presso il ministero degli Esteri, ha affermato che il primo ministro di Malaita, Daniel Suidani, è stato un forte critico della decisione del primo ministro di prendere questa decisione, e Malaita continua a mantenere relazioni e a ricevere sostegno da Taiwan, in violazione di la posizione del governo centrale. Il Lowy Institute è un ex diplomatico australiano di stanza nelle Isole Salomone.

con gli Stati Uniti Fornire a Malaita aiuti esteri diretti Ha detto che mentre la Cina sostiene il governo centrale, le divisioni esistenti nel paese si sono approfondite.

“La competizione geostrategica di per sé non porta a sommosse, ma piuttosto alle azioni di questi grandi Stati poiché simpatizzano con gli attori locali – e preferiscono alcuni rispetto ad altri per perseguire i loro obiettivi strategici senza soffermarsi a considerare ciò che già esiste nelle profonde correnti sociali e politiche nel paese”, ha affermato Seurat, che hanno un effetto destabilizzante sulla coesione sociale”.

Entro venerdì, molti edifici sono stati bruciati e i negozi distrutti. Non è chiaro lo stato della residenza del presidente del Consiglio a Lunga, alla periferia della capitale. I residenti hanno subito carenze alimentari in aggiunta alle proteste in corso, poiché i pochi negozi rimasti aperti hanno imposto severe restrizioni agli acquisti.

READ  L'esercito danese scopre navi militari iraniane nel Mar Baltico | Iran

Mercoledì, i manifestanti hanno preso d’assalto il palazzo del parlamento nazionale a Honiara e hanno istituito una stazione di polizia Gli edifici a Chinatown stanno bruciandoSecondo le autorità e le notizie locali. La polizia ha risposto con gas lacrimogeni e proiettili di gomma. Giovedì i manifestanti hanno dato fuoco ad altri edifici e saccheggiato negozi.

Swedani ei parlamentari dell’opposizione hanno ribadito il loro invito a dimettersi da Sogavari.

«Negli ultimi 20 anni Manaseh Sogavari è stato al potere, la situazione degli abitanti delle Isole Salomone è peggiorata, mentre allo stesso tempo gli stranieri hanno raccolto le migliori risorse del paese», ha affermato Swedani. Raccontare Giovedì notiziario locale. «Le persone non sono cieche di fronte a questo e non vogliono più essere imbrogliate».

Mr. Sugavari ha resistito alle richieste di dimissioni. dire«Se vengo rimosso dalla mia posizione di Primo Ministro, sarà in Parlamento».

Ha accusato i manifestanti di essere politicamente motivati ​​e ha promesso che le autorità avrebbero trovato gli organizzatori delle proteste e li avrebbero consegnati alla giustizia.

in un intervistare Con l’Australian Broadcasting Corporation, Sugavari ha anche accusato «altre forze» di incoraggiare le proteste e ha affermato che l’unica fonte di conflitto è stato uno spostamento diplomatico a Pechino, respingendo altre preoccupazioni sul suo governo.

READ  Testimone dell'accusa nel processo Netanyahu ucciso in un incidente aereo in Grecia

Nel frattempo, l’ambasciata cinese a Honiara ha consigliato a Dichiarazione pubblicata sui social media Mercoledì, i residenti cinesi nelle «aree ad alto rischio» dovrebbero chiudere le loro attività e assumere guardie di sicurezza.

Zhao Lijian, portavoce del ministero degli Esteri cinese, ha dichiarato: Lei disse Giovedì, la Cina si è detta «profondamente preoccupata per gli attacchi ai cittadini e alle imprese cinesi e ha invitato il governo locale a prendere tutte le misure necessarie per proteggere la sicurezza dei cittadini e delle imprese cinesi».

Negli ultimi due anni, ha affermato, le relazioni tra i due Paesi hanno goduto di «un sano sviluppo e di risultati fruttuosi». Ha aggiunto: «Tutti i tentativi di interrompere il normale sviluppo delle relazioni tra la Cina e le Isole Salomone sono inutili».

Le tensioni tra le isole hanno portato a conflitti civili tra le milizie sulle due isole principali dal 1998 al 2003, durante un periodo noto come «Tensioni». Ciò ha portato alla pubblicazione di Una forza di pace guidata da Australia e Nuova Zelanda Dal 2003 al 2017.

Il primo ministro australiano Scott Morrison ha annunciato giovedì pomeriggio che il suo Paese invierà più di 100 agenti di polizia e forze militari alle Isole Salomone «per fornire stabilità e sicurezza». Immediatamente arriveranno 23 agenti di polizia (altri fino a 50 potrebbero fare il viaggio), e seguiranno 43 militari.

a quel tempo, Più di una dozzina di edifici hanno preso fuoco o sono bruciati a Chinatown, così come una dozzina di altri in una zona industriale vicina, secondo Nathan Rosser, ricercatore presso l’Australian Strategic Policy Institute. Ha rivisto video e foto a terra con mappe della zona per stimare il numero.

Video I social media, pubblicati sui social media, hanno mostrato grandi folle che si radunavano a Chinatown mentre pennacchi di fumo si alzavano dagli edifici.

ha detto il dottor. Dineen Altri individui e gruppi sono stati coinvolti nelle proteste per vari motivi. Ha detto che le macchinazioni dell’opposizione politica per rovesciare il governo ei rivoltosi opportunisti hanno contribuito all’aumento delle dimensioni delle masse.

Elizabeth Osivelo ha contribuito al reportage da Honiara, Isole Salomone.