septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

In mezzo al sovraccarico di COVID-19, il Providence Alaska Medical Center ora dà la priorità alle cure in base agli standard di crisi

Il più grande ospedale dell’Alaska sta ora applicando gli standard di crisi e legalizzando cure e trattamenti medici in mezzo a una calca di pazienti COVID-19 costringendo i fornitori a dare la priorità ai pazienti che hanno maggiori probabilità di riprendersi.

Il capo di stato maggiore del Providence Alaska Medical Center ha annunciato la decisione in personaggio di due pagine Martedì che esorta gli abitanti dell’Alaska a indossare maschere indipendentemente dal loro stato di vaccinazione, sottoporsi a test, vaccinare se idonei ed evitare attività o situazioni potenzialmente pericolose che potrebbero portare al ricovero in ospedale.

“Abbiamo finito i letti. Le misure salvavita non saranno possibili in ogni caso”, ha affermato la dottoressa Leslie Joneset, un medico di medicina interna e membro del comitato esecutivo della Provvidenza che ha contribuito a redigere la lettera. “Ed è quello che stiamo cercando per sottolineare.”

La lettera descrive un pronto soccorso traboccante di pazienti che devono aspettare nelle loro auto per ore, a volte negando anche ai pazienti con infarto le cure tempestive che potrebbero salvare vite umane. La Provvidenza ora rifiuta spesso le richieste di rinvio da ospedali rurali remoti che cercano di trasportare vittime di incidenti o ictus e ha istituito una rigorosa politica di divieto di visita ad eccezione dei pazienti non Covid che muoiono.

Alcune procedure elettive, una categoria che può includere la rimozione di un tumore o la sostituzione di una valvola cardiaca, sono state ritardate di diversi mesi e sono ancora in fase di rinvio.

READ  CDC: Insegnante non vaccinato e smascherato ha causato un'epidemia in tutta la comunità in California

Persone provenienti da tutta l’Alaska dipendono dalla Provvidenza per fornire cure mediche alle persone in tutto lo stato. Purtroppo non siamo in grado di continuare a soddisfare questa esigenza; Il capo del team di Providence, il dottor Kristin Solana e Kencho, hanno scritto a nome del comitato esecutivo medico dell’ospedale, per circa 1.000 medici, infermieri e assistenti medici, non abbiamo più il personale, lo spazio oi letti.

Se le persone hanno bisogno di cure specialistiche a Providence – un cardiologo, un chirurgo traumatologico o un neurochirurgo – “purtroppo potremmo non avere spazio ora. Non ci sono più letti con personale”.

[Nowhere to go: Rural hospitals struggle to transfer patients as Alaska’s COVID-19 hospitalizations hit new high]

Martedì il governatore Mike Dunleavy Invitare più abitanti dell’Alaska a farsi vaccinare contro il COVID-19. Lo stato ha riportato altri sette decessi correlati al virus, ricoveri quasi record e quasi 700 nuovi casi.

Dunleavy ha permesso alla dichiarazione di emergenza COVID-19 dello stato di scadere ad aprile e la scorsa settimana ha rifiutato di annunciarne un’altra, fatturando invece per ripristinare le opzioni di telemedicina perse e semplificare i controlli in background per gli operatori sanitari. Dopo ciò, la legislazione è morta ad Alaska House supporto perso Quando il voto di domenica sera ha aggiunto un emendamento che avrebbe potuto impedire agli ospedali di limitare le visite ai pazienti.

Il sindaco di Anchorage Dave Bronson la settimana scorsa Ha detto che non richiederà ai residenti di vaccinarsi e rilascerà un’autorizzazione alla maschera Oppure richiedi altre restrizioni COVID-19. Bronson ha anche affermato che i problemi di capacità ospedaliera non erano dovuti ai pazienti COVID-19, ma agli infermieri che hanno lasciato il lavoro a causa dei requisiti di vaccinazione.

READ  Un elicottero della NASA su Marte vola in un viaggio "estenuante" dopo il malfunzionamento Marte

“Gli infermieri qui non se ne vanno a causa dei mandati di vaccinazione. Se ne stanno andando perché sono sopraffatti dal carico emotivo che sta causando”, ha detto Gunsett, un medico dell’ospedale di Providence, in un’intervista martedì. , è perché non sentiamo. Il pubblico vuole nascondere la testa sotto la sabbia o forse alcuni di loro non sanno davvero cosa sta succedendo. Questi sono quelli che stiamo cercando di raggiungere”.

La lettera afferma che l’aumento dei tassi di casi significa che è probabile che i ricoveri ospedalieri per COVID-19 aumentino entro le prossime due o quattro settimane. “Ciò che è già una situazione stressante può trasformarsi rapidamente in un disastro”.

L’ospedale continua: “Non è più in grado di fornire lo standard di cura per ogni paziente che ha bisogno del nostro aiuto”. “La gravità e il numero di pazienti ora superano le nostre risorse e la capacità di fornire alla famiglia operatori sanitari qualificati, come infermieri e terapisti respiratori. All’interno del nostro ospedale abbiamo dovuto implementare standard di assistenza in caso di crisi”.

Oltre il 30% degli adulti ricoverati a Providence è risultato positivo al COVID a partire da martedì. I fornitori affermano che i pazienti con il virus richiedono cure che richiedono più tempo di altri.

La lettera rileva che il passaggio agli standard di crisi significa che l’ospedale deve “dare priorità a risorse e trattamenti scarsi a quei pazienti che hanno il potenziale per trarne i maggiori benefici”. Ciò significa mettere in atto politiche e procedure per legalizzare cure e trattamenti, compresa la dialisi e il supporto specializzato di ventilatori.

L’ospedale ha sviluppato i suoi standard di cura di crisi all’inizio della pandemia nel marzo 2020, secondo Gonsette. La scorsa settimana, ha detto, la Provvidenza ha formato un comitato etico di triage per aiutare i medici ad affrontare “decisioni difficili”. Il consiglio di amministrazione del Comitato Esecutivo ha deciso di pubblicare la lettera durante una riunione d’emergenza di domenica.

Johnsett ha affermato che legalizzare l’assistenza non significa negare l’assistenza alle persone non vaccinate. Invece, implica decisioni basate su dove vanno le risorse limitate e chi ne trae i maggiori benefici.

[Read the letter: How you can keep stress off of Alaska’s overburdened hospitals]

La Provvidenza ha rilasciato una dichiarazione martedì dopo la comparsa del messaggio, dicendo: “Le attuali richieste di cure acute nel nostro ospedale e nello stato dell’Alaska stanno superando la capacità disponibile e richiedono scelte impegnative in termini di assegnazione di specifici trattamenti o risorse di sostegno alla vita e in termini di spostare i pazienti a livelli di assistenza più elevati. Come risultato di questa situazione. Attualmente, i fornitori e le strutture sanitarie sono limitati nella loro capacità di fornire il livello di assistenza che vorremmo e normalmente ci aspettiamo di fornire alla nostra comunità. Questa situazione potrebbe persistere per alcuni tempo, richiedendoci di utilizzare i processi che sono stati sviluppati per garantire l’allocazione più equa di risorse limitate”.

Non è stato immediatamente chiaro se gli altri due principali ospedali di Anchorage avessero intenzione di seguire l’esempio.

Leader della sanità pubblica in Idaho annunciato la scorsa settimana Hanno rivitalizzato gli standard di cura della crisi consentendo di razionare l’assistenza sanitaria per gli ospedali del nord dello stato perché ci sono più pazienti con coronavirus di quanti le istituzioni possano gestire.

I funzionari sanitari statali hanno dichiarato la scorsa settimana che stavano parlando con gli ospedali delle risorse di cui hanno bisogno, così come con altri stati, incluso l’Idaho.