noviembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Una nuova ricerca mostra che l’Oceano Artico si stava riscaldando decenni prima di quanto si pensasse in precedenza

Il studio, pubblicato mercoledì sulla rivista Science Advances, ha scoperto che l’espansione delle acque calde dell’Atlantico che scorre nell’Artico, un fenomeno noto come «Atlantificazione», ha causato un riscaldamento delle acque artiche nella regione studiata. per me È aumentato di circa due gradi Celsius dal 1900.

Francesco Mochitiello, autore dello studio e professore associato di geografia all’Università di Cambridge, ha affermato che i risultati sono preoccupanti perché il riscaldamento precoce suggerisce che potrebbe esserci un difetto nei modelli che gli scienziati usano per prevedere come cambierà il clima.

«L’Oceano Artico si sta riscaldando molto più a lungo di quanto pensassimo in precedenza», ha detto Moshitilo alla CNN. «E questo è un po’ preoccupante per molte ragioni, in particolare perché i modelli climatici che usiamo per fare proiezioni sui futuri cambiamenti climatici non simulano effettivamente questo tipo di cambiamenti».

I ricercatori hanno utilizzato sedimenti marini a Fram Street, dove l’Atlantico incontra l’Artico a est della Groenlandia, per ricostruire 800 anni di dati che dipingono un quadro storico più lungo di come le acque dell’Atlantico scorrevano nell’Artico. I sedimenti marini sono «archivi naturali» che registrano dati sulle condizioni climatiche passate, hanno scritto i ricercatori.

I ricercatori hanno scoperto che la temperatura e la salinità, e la salinità dell’acqua dell’oceano, sono rimaste più o meno costanti fino al XX secolo, per poi aumentare bruscamente.

«Le ricostruzioni indicano un aumento significativo del trasferimento di calore e sale atlantico al Mare Scandinavo all’inizio del XX secolo, che non è ben simulato da[modelli climatici]», ha affermato Rong Zhang, uno scienziato senior in fluidodinamica geofisica. Il laboratorio della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), che non era coinvolto nello studio, ha detto alla CNN. «È importante comprendere il motivo di questa rapida espansione, nonché le discrepanze tra le simulazioni e le ricostruzioni del modello».

READ  L'Olympic Walker dice: La cosa peggiore che manca a tutti è camminare

Non è chiaro fino a che punto, se del caso, il cambiamento climatico causato dall’uomo abbia avuto un ruolo nel riscaldamento globale precoce nell’Artico, ha detto Muschitiello, e sono necessarie ulteriori ricerche.

«Stiamo parlando dell’inizio del XX secolo, ea quel punto stavamo già caricando l’atmosfera di anidride carbonica», ha detto. «È possibile che l’Oceano Artico sia più sensibile ai gas serra di quanto si pensasse in precedenza. Ciò richiederà ulteriori ricerche, ovviamente, perché non abbiamo un forte controllo sui meccanismi reali alla base di questo primo Atlantico».

Lo studio rileva che i cambiamenti in Rotazione di inversione lineare atlantica (AMOC) Il sistema di correnti che raffredda le temperature nell’emisfero settentrionale potrebbe aver avuto un ruolo nel riscaldamento dell’Artico. In particolare, l’Amoc si è indebolito dopo un periodo di raffreddamento terminato a metà del XIX secolo nella regione del Nord Atlantico, che secondo i ricercatori potrebbe aver portato a una rapida atlantica lungo lo stretto di Fram orientale.
un studi recenti Ha scoperto che l’AMOC, spesso descritto come un «nastro trasportatore» che trasporta l’acqua calda dai tropici e la ridistribuisce verso nord, ora mostra segni di maggiore instabilità a causa del cambiamento climatico causato dall’uomo. Gli scienziati hanno avvertito che il crollo della circolazione potrebbe portare a un improvviso cambiamento dei modelli meteorologici in tutto il mondo: inverni più freddi in Europa, cambiamenti nei monsoni e forse siccità permanente nell’Africa occidentale.

L’aumento delle temperature artiche sta causando lo scioglimento del ghiaccio marino, che a sua volta sta determinando un ulteriore riscaldamento: mentre il ghiaccio marino bianco brillante riflette l’energia del sole, l’oceano scuro assorbe energia sotto forma di calore.

READ  La sonda di Marte si svuota al primo tentativo di prelevare un campione di roccia

Tali cambiamenti a lungo termine nel Nord Atlantico, insieme alla recente perdita di ghiaccio marino nell’Artico, stanno minacciando gli ecosistemi marini, ha affermato James E. Overland, uno scienziato della NOAA Arctic con sede presso il NOAA Pacific Marine Environmental Lab di Seattle.

Un killer silenzioso strangola la capitale dell'India.  Per milioni, non c'è altra scelta che inalarlo

«La perdita di ghiaccio marino e correnti oceaniche ha trasformato la zona cuscinetto tra l’Atlantico e l’Oceano Artico in qualcosa di simile al braccio medio-atlantico», ha detto alla CNN Overland, che non è stato coinvolto nello studio. «La pesca importante e i mammiferi marini sono vulnerabili alla riorganizzazione dell’ecosistema da questo Atlantico».

di recente Il rapporto sullo stato della scienza delle Nazioni Unite In Crisi climatica, ha scoperto che l’Artico continuerà a riscaldarsi più velocemente del resto del pianeta finché gli umani continueranno a bruciare combustibili fossili e a rilasciare gas serra nell’atmosfera. Inoltre, Muschitiello ha affermato che l’Oceano Artico potrebbe subire un ulteriore riscaldamento a causa dell’Atlantificazione.

«Quando parlo con i miei studenti, cerco sempre di renderli consapevoli che l’Artico si sta riscaldando molto, molto rapidamente, molto più velocemente di qualsiasi altra regione del pianeta», ha detto Moshetilo. «È molto preoccupante e molto preoccupante, soprattutto perché non abbiamo ancora una piena comprensione del feedback in gioco».

«Stiamo ancora imparando lentamente come funziona l’intero sistema», ha detto. «E temo che quando risolveremo il problema, sarà troppo tardi».