octubre 26, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il vice di Nasrallah “chiude e carica” ​​Hezbollah se Israele attacca

Il vice segretario generale delle Nazioni Unite, lo sceicco Naim Qassem, ha dichiarato venerdì sera che qualsiasi attacco lanciato da Israele al Libano riceverà una risposta da parte di Hezbollah.

“Qualsiasi attacco israeliano al Libano riceverà una risposta da Hezbollah, anche se… [Lebanon] Essendo trascinati in una guerra, affronteremo la guerra. Le nostre armi sono bloccate e cariche. Se abbiamo bisogno di più, abbiamo i nostri modi per riarmarci”.

“Stiamo aspettando la posizione del governo libanese sui negoziati indiretti con esso”, ha aggiunto [the Israeli enemy] Sulla questione dei confini, e quando sarà il nostro turno, faremo il nostro dovere”.

“Continueremo a portare petrolio fino a quando la Banca centrale del Libano e le compagnie di carburante libanesi non forniranno al Libano il suo fabbisogno di petrolio e carburante”, ha aggiunto.

La dichiarazione di Qassem è arrivata sullo sfondo del discorso del presidente libanese Michel Aoun davanti all’Assemblea generale delle Nazioni Unite venerdì scorso.

Nel suo discorso, Aoun ha chiesto la ripresa dei colloqui indiretti sulla disputa marittima tra Libano e Israele.

Il presidente libanese Michel Aoun appare in questa foto pubblicata da Dalati Nohra il 24 settembre 2021, mentre si rivolge all’Assemblea generale delle Nazioni Unite tramite un videomessaggio registrato, a Baabda, in Libano. (Credito: DALATI NOHRA/HANDOUT VIA REUTERS)

“Rimaniamo profondamente preoccupati per le ripetute minacce israeliane contro il Libano e, più recentemente, per i piani di Israele di condurre attività di esplorazione di petrolio e gas lungo il confine marittimo conteso”, ha affermato.

READ  La costa orientale australiana combatte l'aumento dei casi di coronavirus

“Condanniamo qualsiasi tentativo di violare i confini della nostra zona economica esclusiva e ci riserviamo il diritto al petrolio e al gas situati all’interno di quella zona”, ha affermato.

“Il Libano chiede la ripresa dei negoziati indiretti sulla demarcazione dei confini marittimi meridionali, in linea con il diritto internazionale”, ha affermato Aoun. “Non rinunceremo o rinunceremo alle nostre rivendicazioni sui confini, ed è compito della comunità internazionale stare con noi”, ha aggiunto.

Israele e Libano hanno avviato negoziati mediati dagli Stati Uniti sui loro confini marittimi nell’ottobre 2020, che sono stati i primi colloqui tra i due paesi in 30 anni. I due vicini del Medio Oriente sperano che la risoluzione della disputa sui confini incoraggi una maggiore esplorazione di gas nella regione.

Israele sta già pompando grandi quantità di gas dal Mediterraneo, ma il Libano non lo ha ancora fatto.

Dopo quattro tornate di colloqui, i negoziati si sono fermati a novembre. Il ministro dell’Energia israeliano Yuval Steinitz ha accusato il Libano di aver cambiato posizione sette volte, presentando “posizioni che equivalgono a una provocazione”.

I commenti di Aoun sono arrivati ​​due settimane dopo che un nuovo governo libanese aveva giurato di porre fine a una crisi politica di 13 mesi iniziata dopo che una devastante esplosione ha devastato il porto di Beirut il 4 agosto 2020.

La dichiarazione di Qassem potrebbe essere un tentativo di informare i libanesi che, nonostante la condanna di Aoun delle azioni di Israele, Hezbollah si considera ancora Il vero difensore del Libano.