diciembre 1, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

L’incubo COVID dell’India è ora ufficialmente un problema dell’Africa

India disastroso Epidemia di coronavirus Ora ha inviato riverberi mortali in Africa, poiché i paesi si affidano a vaccini prodotti in India attraverso il programma di vaccini di accesso globale per COVID-19 noto come COVAX.

Forum economico mondiale avvertito L’Africa, che ha già l’epidemia di vaccino più lenta al mondo, con solo il 2% della popolazione totale vaccinata, rischia l’esposizione a un’ondata di nuove varianti poiché il virus muta incontrollato in tutto il continente a causa di una carenza di vaccini causata dalla crisi dell’India.

A livello globale, sono state utilizzate 150 dosi per 1.000 persone. In Africa, sono state somministrate solo otto dosi per 1.000 persone. Con l’India, il più grande produttore di vaccini al mondo, incapace di soddisfare gli ordini di esportazione di vaccini per il programma COVAX in Africa, quel numero potrebbe diminuire ulteriormente.

A maggio sono andate perse circa 140 milioni di dosi di vaccini che dovevano essere distribuite ai paesi a basso reddito in Africa attraverso COVAX. «È probabile che a giugno mancheranno altri 50 milioni di dosi», ha detto Henrietta Fore, Direttore dell’UNICEF, in un comunicato. «Siamo preoccupati che la mortale ascesa in India sia un precursore di ciò che accadrà se questi avvertimenti rimarranno inascoltati. Anche se la situazione in India è tragica, non è unica».

Taiwan è anche nel mezzo di una seconda ondata devastante, avendo ampiamente superato la prima. Ma le varianti hanno preso piede lì, ei vaccini attesi da COVAX – che sono stati nuovamente prodotti in India – devono ancora arrivare. Ora il paese è alle prese con come distribuire le 300.000 dosi in mano a una popolazione di oltre 24 milioni e se dovrebbero fornire le seconde dosi o semplicemente ottenere il maggior numero di persone possibile una prima dose. Solo l’1% della popolazione è completamente vaccinata.

READ  La crisi Covid in India mostra negligenza per la salute pubblica, guai e investimenti insufficienti

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha anche raccomandato a tutti i paesi africani di utilizzare tutte le loro dosi di vaccino per somministrare i primi vaccini a quante più persone possibile piuttosto che fornire forniture per la seconda dose per fornire una protezione almeno parziale al maggior numero possibile. Lunedì, il direttore dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha invitato il Serum Institute in India, che fornisce il programma COVAX, a «rimettersi in carreggiata e recuperare il ritardo» nonostante l’esaurimento.

Il World Economic Forum chiede ora ai paesi ricchi di abbandonare il «nazionalismo del vaccino» e aiutare le nazioni che lottano rendendo i vaccini beni pubblici globali con dati IP aperti a tutti. L’India e il Sud Africa hanno chiesto una rinuncia agli aspetti dei diritti di proprietà intellettuale relativi al commercio (TRIPS) per accelerare la produzione di vaccini. L’amministrazione Biden ha già chiesto il brevetto per aiutare a produrre più vaccini.

«I recenti annunci di esportazioni di vaccini COVID-19 indeboliranno lo slancio dietro gli sforzi per garantire un accesso globale equo ai vaccini COVID-19», ha detto Chido Monati, Presidente dell’Africa al Forum economico mondiale. «Questo è il momento per una vera partnership tra i settori pubblico e privato, poiché il mondo deve affrontare una delle sue più grandi sfide».

La Cina è stata tra i primi a dare ascolto alla chiamata ad aiutare l’Africa donando vaccini a più di una dozzina di paesi africani per colmare il vuoto creato dalla carenza di COVAX. Pechino sostiene anche la rinuncia all’accordo TRIPS, che potrebbe anche aiutare la Cina a migliorare il suo vaccino a bassa efficacia made in China, che ha promesso 10 milioni di dosi di COVAX.

READ  Un autobus con a bordo un turista macedone si è schiantato e ha preso fuoco in Bulgaria, uccidendo 45 persone

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian si è impegnato lunedì a continuare a fare di più. «Come il più grande paese in via di sviluppo e un membro responsabile della comunità internazionale, la Cina farà tutto ciò che è favorevole alla lotta dei paesi in via di sviluppo contro il virus e sosterrà tutte le misure che possono aiutare i paesi in via di sviluppo a ottenere vaccini in modo equo», ha detto. . «Stiamo anche lavorando con più di 10 paesi in via di sviluppo, tra cui l’Egitto e gli Emirati Arabi Uniti, sul trasferimento di tecnologia e sulla produzione collaborativa per un rapido avanzamento nella produzione di vaccini su larga scala».

Ma fino a quando uno qualsiasi di questi impegni e promesse non diventerà realtà, l’Africa si sta lentamente avvicinando al bordo della scogliera COVID-19. Il World Economic Forum afferma che i ritardi «potrebbero avere conseguenze di lunga durata per le economie dell’Africa subsahariana» perché senza protezione vaccinale, l’epidemia continuerà senza ostacoli, aprendo la strada allo sviluppo di nuove varianti resistenti ai vaccini, già soffocanti economie stagnanti. E imporre tasse sui sistemi sanitari che crollerebbero rapidamente sotto qualsiasi ulteriore pressione.