mayo 23, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il tradimento di Anne Frank: l’indagine sul caso freddo nomina un sospetto sorprendente

Anne e altri sette ebrei furono scoperti dai nazisti il ​​4 agosto di quell’anno, dopo essersi nascosti per quasi due anni in un annesso segreto sopra un bunker sul canale ad Amsterdam. Furono tutti deportati e Ann Fei morì Campo di Bergen-Belsen all’età di 15 anni.

La squadra include un agente dell’FBI in pensione Vincent Bangkok e circa 20 storici, criminologi ed esperti di dati personali relativamente sconosciuti hanno identificato il notaio ebreo Arnold van den Berg come il principale sospettato per aver scoperto il nascondiglio.

Alcuni altri esperti hanno sottolineato che le prove contro di lui non erano conclusive.

Il membro della squadra investigativa Peter Van Tuysek ha detto che la parte cruciale delle nuove prove era una nota non firmata al padre di Anne Ottone, trovato in un vecchio fascicolo di indagine del dopoguerra, chiamato specificamente Van den Berg e ha affermato di aver trasmesso le informazioni.

Il promemoria diceva che Van den Berg aveva accesso agli indirizzi in cui gli ebrei si nascondevano come membri del Consiglio ebraico ad Amsterdam in tempo di guerra e trasmise elenchi di questi indirizzi ai nazisti per salvare la sua famiglia.

Toissek ha detto che solo quattro dei 32 nomi stavano ancora conducendo una ricerca, con van den Berg il principale sospettato.

Gli investigatori hanno confermato che Otto, l’unico membro della famiglia sopravvissuto alla guerra, era a conoscenza dell’osservazione ma ha scelto di non parlarne pubblicamente.

Van Tuysek ha ipotizzato che le ragioni di Frank per nascondere l’affermazione fossero probabilmente il fatto che non fosse sicuro della sua veridicità, che non volesse pubblicare informazioni che potessero alimentare ulteriore antisemitismo e che non volesse Van den Berg. Tre figlie dovrebbero essere incolpate per qualcosa che potrebbe fare il padre.

READ  Actualizaciones en vivo de las elecciones presidenciales de Corea del Sur: las encuestas a boca de urna muestran una carrera reñida

Van Tuysek ha detto che Otto «era ad Auschwitz». «Sapeva che le persone in situazioni difficili a volte fanno cose moralmente ingiustificabili».

Mentre altri membri del Consiglio ebraico furono deportati nel 1943, van den Berg riuscì a rimanere nei Paesi Bassi. Morì nel 1950.

Lo storico Eric Sommers del NIOD Institute for the Studies of War, Holocaust and Genocide ha elogiato l’ampia indagine, ma ne ha messo in dubbio la conclusione.

Ha messo in dubbio la centralità della nota anonima negli argomenti a favore della responsabilità di Van den Bergh e ha affermato che il team ha formulato ipotesi sulle istituzioni ebraiche ad Amsterdam in tempo di guerra che non sono supportate da altre ricerche storiche.

Secondo Summers, ci sono molte possibili ragioni per cui van den Berg non è mai stato deportato perché «era un uomo molto influente».

I ricercatori affermano che Anne Frank è morta prima del previsto

Uno degli aiutanti della famiglia, Mibe Jess, tenne al sicuro il diario di Anne fino al ritorno di Otto e lo pubblicò per la prima volta nel 1947. Da allora è stato tradotto in 60 lingue e ha catturato l’immaginazione di milioni di lettori in tutto il mondo.

La Fondazione della Casa di Anna Frank non è stata coinvolta nelle indagini sul caso freddo, ma ha condiviso le informazioni dai suoi archivi per aiutare.

Il direttore Ronald Leopold ha affermato che la ricerca «ha generato nuove importanti informazioni e un’ipotesi affascinante che merita ulteriori ricerche».

Utilizzando moderne tecniche di ricerca, è stato compilato un importante database con elenchi di collaboratori olandesi, informatori, documenti storici, archivi di polizia e ricerche passate per scoprire nuove piste.

READ  EEUU y UE endurecen sanciones a Rusia

Decine di scenari e luoghi sospetti sono stati visualizzati su una mappa per identificare il traditore, in base alla conoscenza del loro nascondiglio, del motivo e dell’opportunità.

I risultati della nuova ricerca saranno pubblicati in un libro della scrittrice canadese Rosemary Sullivan intitolato «The Betrayal of Anne Frank», che uscirà martedì.

Il direttore dell’organizzazione ebraica olandese CIDI, che combatte l’antisemitismo, ha detto a Reuters che sperava che il libro potesse fornire informazioni sulle condizioni di guerra per la popolazione ebraica di Amsterdam.

«Se questo risultasse essere[lo hanno fatto gli ebrei]]sarebbe un peccato. Alla fine, la colpa è dei nazisti», ha detto Hannah Lowden del CIDI.