agosto 6, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il primo ministro svedese Stefan Lofven perde il voto di fiducia: NPR

Stefan Lofven, primo ministro socialdemocratico svedese dal 2014, ha perso lunedì il voto di fiducia in parlamento.

Anders Weklund/AFP


Nascondi didascalia

Interruttore didascalia

Anders Weklund/AFP

Stefan Lofven, primo ministro socialdemocratico svedese dal 2014, ha perso lunedì il voto di fiducia in parlamento.

Anders Weklund/AFP

STOCCOLMA – Stefan Lofven, primo ministro socialdemocratico svedese dal 2014, ha perso lunedì un voto di fiducia in parlamento a causa della crisi immobiliare e dell’impennata dei prezzi degli immobili, diventando così il primo leader del governo svedese a perdere una simile proposta.

Il voto è stato avviato dal Partito della Piccola Sinistra, alleato del governo di minoranza che non fa parte della coalizione bipartitica di centrosinistra, ma ha fornito voti per approvare la legislazione del governo. Il voto è stato del 181-109 a favore di una mozione di sfiducia a Lovanio e 51 si sono astenuti.

Il Partito della Sinistra ha affermato di aver perso fiducia in Lovanio sulla proposta di eliminare i controlli sugli affitti sulle proprietà di nuova costruzione.

La Svezia ha norme severe sugli affitti volte a mantenere i prezzi ragionevoli nelle principali città. Tuttavia, questo scoraggia gli sviluppatori immobiliari dalla costruzione di nuove case per il mercato degli affitti. Le persone che hanno bisogno di affittare una casa possono trovarsi ad aspettare anni per un contratto e l’acquisto di immobili sta diventando più difficile a causa dell’aumento dei prezzi delle case.

Tuttavia, il partito di sinistra teme che la liberalizzazione del mercato degli affitti porterà a rapidi aumenti dei prezzi ea una più profonda separazione tra ricchi e poveri.

READ  Il famoso arco di Darwin crolla a causa dell'erosione nelle isole Galapagos

Non è chiaro cosa accadrà dopo in Svezia. Secondo la costituzione svedese, il primo ministro ha una settimana per decidere se indire elezioni anticipate o chiedere al presidente del parlamento di trovare un nuovo governo.

Dopo il voto, Lofven, 63 anni, ha dichiarato: “Qualunque cosa accada, io e il mio partito saremo pronti ad assumerci la responsabilità di guidare il Paese”.

“Il mio obiettivo è sempre stato e sarà sempre quello di fare il meglio per la Svezia”, ​​ha aggiunto. “Voglio prendermi un po’ di tempo, non necessariamente l’intera settimana, ma il tempo necessario per avere una serie di vittorie scelte con cura. Questo è molto pericoloso per la Svezia”.

Durante il fine settimana, Lovanio ha tenuto riunioni dell’ultimo minuto per cercare una maggioranza in Parlamento per le proposte di riforma degli affitti. Domenica, ha cercato di ammorbidire le riforme invitando i proprietari e le organizzazioni di noleggio a parlare.

Tuttavia, il leader del partito di sinistra Noshi Dadgostar ha affermato che il partito ha confermato la sua decisione di opporsi a Lovanio e ha affermato che i suoi sforzi sono stati uno “spettacolo politico”.

“Abbiamo fatto qualcosa che è visto come insolito in politica… abbiamo mantenuto la parola data”, ha detto.

L’iniziativa del Partito della Sinistra è stata sostenuta dagli altri tre partiti, tra cui i Democratici svedesi, un partito populista di destra con il quale i principali partiti generalmente rifiutano di collaborare perché lo considerano estremista.

I democratici svedesi hanno ottenuto enormi guadagni nelle elezioni del settembre 2018 per diventare il terzo partito più grande del paese, uno spettacolo che è stato attribuito al diffuso contraccolpo contro l’immigrazione. Nel 2015, la Svezia, con una popolazione di 10 milioni di abitanti, ha accolto un record di 163.000 rifugiati, il più alto pro capite di qualsiasi paese europeo.

READ  I 28 senatori democratici hanno firmato una dichiarazione in cui esorta Israele e Hamas a cessare il fuoco

Quelle elezioni hanno prodotto un parlamento sospeso, con la parte di sinistra e il blocco di centrodestra che hanno ricevuto circa il 40% dei voti ciascuno, nessuno dei quali ha lasciato la maggioranza.

Nel gennaio 2019, i legislatori svedesi hanno approvato un governo di minoranza a Löfven, ponendo fine a una crisi politica di quattro mesi quando ha ottenuto il sostegno di due partiti di centrodestra per formare un governo di minoranza.

Nel 2014, Löfven ha riportato al potere in Svezia i socialdemocratici, un partito di centrosinistra, dopo essere stato all’opposizione dal 2006.