octubre 23, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il premier armeno vince le elezioni anticipate, il rivale sostiene la frode | Armenia

Il partito del primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha vinto il 53,9% dei voti nei primi sondaggi parlamentari convocati nel tentativo di disinnescare la crisi politica dopo la crisi politica. La guerra con l’AzerbaigianMostra i risultati ufficiali.

Una coalizione guidata dal suo rivale, l’ex leader Robert Kocharian, è arrivata seconda con il 21%, secondo i risultati basati sui voti del 100% dei distretti contati.

Il partito o blocco vincitore deve avere almeno il 50% dei seggi più uno e possono essere assegnati seggi aggiuntivi per formare il governo.

Ore prima, Pashinyan ha dichiarato la vittoria sulla base dei primi risultati, ma il comitato di Kocharyan ha subito obiettato al voto e ha presunto brogli elettorali.

Domenica quattro blocchi elettorali e 21 partiti si sono sfidati a elezioni da record.

Il voto è visto come una corsa a due, con Pashinyan, 46 anni, e Kocharyan, 66, che hanno attirato grandi folle nella corsa alle urne.

“Persone Armenia Pashinyan ha annunciato lunedì all’inizio che il nostro team di contratto civile ha ricevuto il mandato di guidare il paese e io personalmente guido il paese come primo ministro.

“Sappiamo già che abbiamo ottenuto una vittoria convincente alle elezioni e avremo una maggioranza convincente in parlamento”, ha aggiunto, invitando i suoi sostenitori a partecipare lunedì sera nella piazza principale di Yerevan.

Il blocco elettorale di Kocharyan ha detto che non avrebbe riconosciuto la rapida richiesta di vittoria di Pashinyan, che è arrivata quando è stato contato solo il 30% dei distretti elettorali.

“Centinaia di segnali dai seggi elettorali attestano frodi sistematiche e pianificate, che è una seria causa di sfiducia”, ha affermato il blocco in una nota, aggiungendo che non avrebbe “ammesso” i risultati fino a quando non fossero state esaminate le “violazioni”.

Domenica sera, l’ufficio del procuratore generale ha dichiarato di aver ricevuto 319 denunce di abusi. Ha detto di aver aperto sei indagini penali, tutte relative alla corruzione durante la campagna elettorale.

Il voto è stato seguito dalla Russia dell’era sovietica, dall’arcinemico Azerbaigian e dalla Turchia, che hanno sostenuto l’Azerbaigian nella Repubblica di Armenia. Sei settimane di guerra l’anno scorso sulla regione separatista del Nagorno-Karabakh.

Nonostante il caldo soffocante, quasi il 50% di circa 2,6 milioni di aventi diritto ha votato, secondo i funzionari elettorali. Alcuni osservatori hanno affermato che l’affluenza nel paese del Caucaso meridionale, che ha una popolazione di tre milioni di persone, è stata superiore alle attese.

Durante una campagna segnata da una retorica polarizzante, Pashinyan ha affermato di aspettarsi che il suo partito ottenesse il 60% dei voti. I funzionari elettorali hanno affermato che il voto è stato condotto in conformità con la legislazione armena.

Lo stesso Kocharian è stato accusato di aver truccato le elezioni presidenziali a favore del suo alleato prescelto e di aver condotto una repressione mortale sui manifestanti nel 2008.

L’Armenia ha ottenuto il plauso internazionale per aver tenuto il suo primo voto libero ed equo sotto Pashinyan nel 2018.

Per le strade di Yerevan, gli armeni hanno espresso opinioni contrastanti su Pashinyan. L’elettore Anahit Sargsyan ha affermato che il primo ministro, che ha guidato proteste pacifiche contro le élite corrotte nel 2018, meritava un’altra possibilità. Ha detto di temere il ritorno della vecchia guardia che ha accusato di saccheggiare il paese.

“Ho votato contro il ritorno ai vecchi modi”, ha detto l’ex insegnante di 63 anni.

Un altro elettore, Vardan Hovhannisyan, ha dichiarato di aver votato per Kocharyan, che definisce suo amico il presidente russo Vladimir Putin.

“Ho votato per i confini sicuri, la solidarietà nella società, il ritorno dei nostri prigionieri di guerra, il benessere dei feriti e un esercito forte”, ha detto il musicista di 41 anni.

I critici incolpano Pashinyan di aver ceduto all’Azerbaigian terre nel Karabakh e dintorni in un umiliante accordo di armistizio e lo accusano di non aver attuato le riforme.

Pashinyan ha detto che avrebbe dovuto accettare l’accordo di pace mediato da Mosca con l’Azerbaigian al fine di prevenire ulteriori vittime e perdite territoriali.

Più di 6.500 persone sono state uccise nella guerra, secondo gli ultimi dati ufficiali dell’Armenia e dell’Azerbaigian.

READ  'Estremamente rifiutato': ministro della difesa talebano infastidito dai combattenti che si fanno selfie negli uffici governativi | notizie dal mondo