septiembre 21, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il mega uomo dei Denver Nuggets Nikola Jokic vince il suo primo premio NBA Most Valuable Player, hanno detto le fonti.

Sette anni fa, i Denver Nuggets hanno utilizzato la loro 41a scelta al draft NBA in una posizione sconosciuta dalla Serbia.

Martedì, Nikola Jokic È diventato il sesto giocatore internazionale – e il terzo europeo – a vincere il premio NBA Most Valuable Player, fonti confermate da ESPN.

La stella di Denver è diventata il primo centro dopo Shaquille O’Neal nel 2000 ad essere nominato Most Valuable Player della lega. Philadelphia 76ers Center Joel Embiid I guerrieri dello stato d’oro Stefano Curry Sono gli altri finalisti del premio.

Jokic ha disputato una delle migliori stagioni offensive nella storia della NBA, chiudendo l’anno con una media di 26,4 punti e 8,3 assist e una media di 10,8 rimbalzi. Ha anche tirato il 56,6% dal campo, il 38,8% da una distanza da 3 punti e l’86,8% dalla serie di falli. Ha anche guidato Denver al secondo turno dei playoff nonostante gli infortuni di tre guardie di Denver – Jamal MurrayE il Will Barton E il PJ Dozer Un’impresa che nessuna delle altre squadre che sono arrivate ai playoff dell’anno scorso nella bolla di Orlando – Los Angeles Lakers, Miami Heat e Boston Celtics – è stata in grado di sostenere.

La combinazione del gioco e della disponibilità di Jokic gli ha dato lo status indiscusso del premio agli occhi degli elettori. Divenne il primo giocatore selezionato al secondo turno a vincere la più alta onorificenza in singolare della lega nell’era del Common Draft, e si unisce anche a Hakim AliwanTim Duncan, Steve Nash, Dirk Nowitzki e Giannis Antikonmo come vincitori di premi internazionali.

READ  L'Inghilterra soffre ai rigori contro l'Italia, ma un futuro brillante attende la squadra di Gareth Southgate | notizie di calcio

Forse Embiid, che ha avuto la migliore stagione della sua carriera e ha portato Philadelphia a un record nella Eastern Conference, avrebbe vinto quel premio se non fosse stato per un livido al ginocchio a marzo. Ma Embiid ha finito per perdere 21 partite durante la stagione regolare – che è l’unica cosa che potrebbe rallentarlo, poiché ha ottenuto il suo miglior punteggio in carriera in punti a partita (28,5) e tutte e tre le percentuali di tiro (51,3% in totale, 37,7% da 3 -punti). , 85,9% della linea di tiro libero).

Il due volte vincitore Curry, avendo perso tutte le partite tranne tre la scorsa stagione dopo essersi rotto una mano, ha guidato la NBA nel segnare per la seconda volta nella sua carriera, con una media di 32 punti a partita e tirando il 42,1% da una gamma di 3 punti al massimo livello professionale 12,7 tentativi da dietro l’arco per partita.

Se c’erano dei dubbi che Curry fosse ancora nell’élite del gioco dopo l’anno in cui ha trascorso lontano ed è entrato nella sua metà degli anni ’30, si sono rapidamente dissipati. Il 33enne quasi da solo ha tenuto a galla l’attacco di Golden State in questa stagione senza di lui. Klay Thompson, che ha saltato la sua seconda stagione consecutiva a causa di un infortunio, questa volta per la rottura del tendine d’Achille.

Come l’anno scorso, la National Basketball Association è tornata alla sua tradizionale offerta di premi durante i playoff, piuttosto che a un importante spettacolo di premi alla fine della post-season, a causa della pandemia di COVID-19 in corso.

Om Youngmisuk di ESPN ha contribuito a questo rapporto.