octubre 17, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il Giro de Italia entusiasma i sognatori

“],” Filtro “:” nextExceptions “:” img, blockquote, div “,” nextContainsExceptions “:” img, blockquote “}}”>

Per tutto il 2021 Zero de Italia pubblicheremo colonne da La Corte de Ted.

Un sogno diventato realtà. Un sogno ad occhi aperti. Un sogno quando erano bambini. I vincitori vogliono Tim Merlier E Taco van der Horn Sognare. Tutti gli altri cercano il successo di qualsiasi sogno. Sia il pubblico che i fan più accaniti sognano. Sognare è il lavoro degli scrittori, anche i giornalisti a volte sognano, ma devono ancorarsi saldamente alla realtà. Il Tour in Italia Una fabbrica da sogno.

Giuseppe Dicocelli, uno dei sognatori, nasce nel 1894 a Castelnovetto, in provincia di Pavia. Era forte per natura, giocava a calcio e andava in bicicletta, ma potrebbe essere stato un atleta (ha gestito 12 controlli ogni 100 metri) o un pugile. A quel tempo era un uomo gigante: 1 m 87, non lontano da 100 kg, e cosce con una circonferenza di 84 cm.

Non si è tirato in avanti, ha sparato grosse salva. Ogni colpo di pedale minacciava di rompere il blocco in fondo. Nel 1912 è il pilota manager della squadra di Alessandria, in sella al marchio di biciclette Mino, prodotto in città; La sua maglia era grigio-grigia.

“Dico” è laureato in contabilità e geometria; Durante la prima guerra mondiale fu luogotenente di artiglieria da montagna e ricevette tre croci e una medaglia di bronzo per il coraggio. In seguito ha iniziato ad ammirarsi: ha giocato di nuovo per l’Alessandria ed è diventato uno dei migliori giocatori – si è sparsa la voce che anche Gostande Gordenko non avrebbe potuto tenere “Dico” quando è andato piatto.

Nel 1926 ha guidato Jiro come indipendente, non è stato firmato da una squadra. La prima scelta è stata scelta perché 42 corridori non si sono registrati e hanno controllato le loro biciclette. Fase III, Genova-Firenze,

READ  L'Italia elimina la necessità dell'isolamento turistico di 10 giorni, ma solo per alcuni voli

“Dico” si è preso una pausa, ha preso un’ora, e quando è arrivato ai piedi del Passo del Braco non ha trovato cibo nelle tasche, quindi ha parcheggiato in una trattoria e ha allestito un tavolo a lato della strada per tenere un occhio alla squadra di caccia e riempiti gli stivali fino a quando non è apparso il gruppo. Verso il traguardo, è stato investito dalla sua bici da un motociclista; Il giorno successivo, i suoi infortuni gli hanno impedito di partire, ma nessuno ha eguagliato il suo record personale – giocando a calcio per la nazionale italiana (vittoria per 9-4 sulla Francia nel 1920) e Giro.

Un altro sognatore è stato Giancarlo Palitori, nato nel marzo 1943 a Sosoforato. Potevo vederlo nella mia mente mentre combatteva valorosamente in una bufera di neve. Un giorno gli ho chiesto di raccontarmi la storia dietro l’iconico film e lui mi ha dato questa risposta, come se l’avesse scritta in un romanzo.

“Giro de Italia 1968, Corsica-Tre Sim de Lavaredo, 213 km. Abbiamo fatto la doccia. 12 di noi sono partiti, compreso Franco Pitosi. Il Squadra Andiamo; Abbiamo ottenuto un buon vantaggio, ma non so quanto: la mia squadra è rimasta dietro il cluster per prendersi cura di Michael Doncelli che indossava la macchina Maglia Rosa. Avevo una seconda macchina dietro di me, guidata da Gino Bartali, il ragazzo dei poster per il team Pepsi Cola – non solo non sapeva quale fosse l’intervallo di tempo, ma non aveva cibo o bevande. Ero geloso degli altri corridori: il loro registi atleti L’autista, a turno, distribuiva guanti, guarnizioni, cappucci antipioggia o una bottiglia di tè caldo.

“Prima siamo andati al Passo Sant Oswaldo, poi a Trey Croce. Sono rimasto solo a raccogliere i punti collinari, sono andato da solo, sono andato da solo al Lago de Misurina, e sono stato catturato dallo spagnolo Cholera, uno dei corridori che era con me alla base del vassoio sim. Intervallo. Avevo paura di lui; Tutti gli spagnoli erano bravi alpinisti, poveri e affamati. La pioggia si trasformò in neve e la strada sterrata si trasformò in un terreno timido. Entrambi proviamo a muovere le ruote tra buche, rocce e ruscelli, a destra ea sinistra, senza colpirci l’un l’altro. Mi voltavo ogni volta per vedere se qualcuno arrivasse da dietro, ma la nebbia era così fitta che a 20 metri dietro non si poteva vedere. A due chilometri dalla fine, Bartali ci ha improvvisamente superato e si è diretto verso il traguardo, mentre Eddie Merks ha superato la linea dei 500 metri. Questa è la fine del sogno.

READ  Il primo ministro afferma che l'Italia intende riaprire ai turisti questo mese

“Il colera si è seduto, ma ho reagito. Sono salito al volante della Merck. Quando si rese conto, fece un salto indietro. Ho stretto i denti e ho tirato fuori. Quando ha preso il vento, ha colpito una terza volta. Sono saltato sui pedali, ma questa volta sono ricaduto sulla sella, le gambe gonfie e dure come blocchi di legno. Mancavano 150 metri all’arrivo, e in quei 150 metri Merkex è stata con me per 40 secondi, al 54 di Adorny, che è stato con lui negli ultimi chilometri. Ha messo 1 minuto 04 al colera e oltre sei a Kimondi. Hanno gettato una coperta di pony su Merkex, ma non avevo niente. “

Un altro degli uomini che hanno fatto un sogno è stato Massimo Potensana, classe 1961 a La Specia. L’ho chiamato ieri quando era in tournée in Ungheria con la sua squadra Novo-Nordis. Nel 1988, un professionista al suo secondo anno, il suo Direttore Sportivo Franco Gripiori gli ha permesso di andare all’attacco. Ci è riuscito il quarto giorno, 123 km al mattino da Vosto a Roddy Kharkaniko, e 40 km cronometro di gruppo a Viste nel pomeriggio. “Attacca, contrattacca, attacca, contrattacca finché non possiedo e scappo Squadra Mi sono lasciata al mio destino. Un minuto di vantaggio, due, tre, quattro, poi cinque. Ho spinto forte, mi sono fidato di me stesso, le gambe storte, ho creduto, l’ho amato così tanto. Molte le moto davanti, la macchina del capo gara, Vincenzo Toriani dietro di me. Ho continuato a spingere forte per l’ultimo metro. Ho attraversato il castello con le mani in aria e ho lanciato baci a tutti. Ero contento del successo di tappa, ma ho anche preso la Maglia Rosa. Sembrava che potesse esserci molto, molto, di più. “

READ  Daniel Ricciardo 'Primal' nella rabbia lo ha provocato alla vittoria italiana GB

È buffo pensare che Potenzana lo volesse Calcio Per Ciclismo Da ragazzo, ma suo padre è scappato, ha preso l’insetto. “Ricordo ancora quel giorno con il sole, il palco, i fiori, i baci, la maglia, la tv con Adriano de Jane. Quella notte, nella mia stanza con Mario Norris, non ho potuto chiudere gli occhi. metto Maglia Rosa Vicino, come se stesse scappando, come se qualcuno lo stesse leccando. Il giorno dopo tutti mi guardavano: tutti a Zero, in Italia, nel mondo. io Maglia Rosa. Le persone mi guardavano, applaudivano e chiamavano il mio nome. Sapevo che sarebbe stato impossibile mantenere la maglia fino alla fine. Ma dentro, ho continuato a sognare. “

Marco Pastonesi ha trascorso 24 anni come scrittore in bicicletta Il gioco della Gazette Dello, E ha scritto numerosi libri sullo sport.