junio 25, 2022

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il genocidio in Ruanda: Macron riconosce la responsabilità «schiacciante» della Francia

«La Francia non ha capito che mentre cercava di prevenire un conflitto regionale o una guerra civile, in realtà stava dalla parte di un regime genocida», ha detto Macron giovedì dopo aver visitato il memoriale di Jezouzi nella capitale ruandese, Kigali.

Macron ha aggiunto: «In questo modo, rappresenta una grande responsabilità», nella più forte ammissione di responsabilità pubblica finora da parte di un leader francese.

Macron ha concluso: «In questo modo, solo chi ha passato la notte può forse perdonarci e darci il dono del perdono».

Il presidente ruandese Kagame ha salutato il discorso del presidente francese Macron, dicendo che è stato un «grande passo» nel rapporto tra i due paesi.

«Le relazioni tra Francia e Ruanda saranno molto migliori, a beneficio dei nostri due popoli», ha detto Kagame, anche se «il rapporto tra i due paesi non sarà del tutto tradizionale».

Kagame ha aggiunto che le parole di Macron «erano qualcosa di più prezioso delle scuse: era la verità».

«Politicamente e moralmente, questo è stato un atto di enorme coraggio», ha detto Kagame.

Mentre il presidente francese ha affermato che il suo paese «non è complice» nel genocidio perché gli assassini non sono francesi, ha promesso che «nessun sospetto autore di genocidio potrà evitare la giustizia» perché «il riconoscimento del nostro passato è anche – e soprattutto tutto – continua l’opera della giustizia ”.

Gli attivisti hanno chiesto che i colpevoli siano processati, alcuni dei quali vivono in Francia da anni.

La visita di Macron a Kigali è intesa come un passo finale nella normalizzazione delle relazioni tra Francia e Ruanda, che è stata a lungo oscurata dal coinvolgimento della Francia nel genocidio, secondo l’Eliseo.

READ  Il regista della cerimonia di apertura olimpica licenziato per scherzo sull'Olocausto

Nel 1994, circa 800.000 tutsi etnici furono uccisi dalle milizie hutu sostenute dal governo ruandese. La Francia è stata accusata di non essere riuscita a prevenire il genocidio e di sostenere il regime hutu, anche dopo l’inizio dei massacri.