septiembre 21, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il calo della produzione di combustibile nucleare iraniano dopo l’esplosione di Natanz

L’Agenzia delle Nazioni Unite per l’energia atomica ha riferito, lunedì, che la produzione iraniana di combustibile nucleare è diminuita nelle ultime settimane, a seguito di presunte operazioni di sabotaggio. Il suo principale impianto nucleare Ad aprile, Teheran ha incolpato Israele.

Il calo della produzione, che è stato dettagliato nel rapporto confidenziale dell’AIEA circolante lunedì, fornisce il primo sguardo fondamentale sull’impatto dell’incidente, che ha portato a un’interruzione di corrente a Natanz e ha distrutto centinaia di centrifughe e macchine che arricchiscono l’uranio.

Israele ha rifiutato di commentare l’incidente, che è uno dei numerosi incidenti negli impianti nucleari iraniani negli ultimi 18 mesi. Teheran ha accusato Israele al momento di organizzare l’attacco Minare l’inizio dei colloqui di Vienna Il coinvolgimento dell’Iran e degli Stati Uniti mira a Ripristino dell’accordo nucleare del 2015. L’ex presidente Donald Trump Gli Stati Uniti si sono ritirati dall’accordo nel 2018.

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha affermato che le scorte iraniane di uranio arricchito sono aumentate di 273 chilogrammi nei tre mesi terminati il ​​22 maggio, poco più della metà dell’aumento delle scorte iraniane di 525 chilogrammi nel trimestre precedente. L’incidente di Natanz è avvenuto l’11 aprile, a metà del periodo di riferimento.

L’agenzia ha anche riferito che il 24 maggio c’erano 20 serie di centrifughe in funzione presso l’impianto di arricchimento del carburante a Natanz, un forte calo rispetto a prima dell’incidente di aprile.

Le scorte totali dell’Iran sono ora stimate a 3.241 chilogrammi, circa 16 volte lo stock consentito nell’accordo del 2015. Gli esperti dicono che questa quantità di materiale nucleare, se purificata a livello di armi, sarebbe probabilmente sufficiente per un massimo di tre armi nucleari.

READ  Geraldo Rivera di Fox News critica un discorso "pazzo" contro i vaccini a Cable News

L’Iran ha risposto all’incidente di Natanz iniziando Produce uranio arricchito al 60% Per la prima volta, un livello vicino al grado di armi, e per dire che installerà centrifughe più avanzate sul posto.

Mentre l’Iran afferma che non sta cercando di costruire armi nucleari, uno sguardo alle sue principali strutture indica che può sviluppare la tecnologia per costruirle. Il Wall Street Journal frantuma le capacità di Teheran mentre raggiunge nuove fasi nell’arricchimento dell’uranio e limita l’accesso agli ispettori. Illustrazione immagine: George Downs

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha affermato nel suo rapporto che l’Iran aveva prodotto solo 2,4 kg di uranio arricchito al 60%. Il suo stock di uranio arricchito al 20% ammontava a 63 chilogrammi. Il resto è una sostanza poco arricchita.

Al momento dell’incidente di Natanz, l’Iran ha minimizzato il danno. Ali Akbar Salehi, capo dell’agenzia atomica iraniana, ha affermato che la produzione del paese di uranio arricchito sta avanzando fortemente. L’Iran ha anche introdotto centrifughe più avanzate, che accelereranno la loro produzione.

Tuttavia, alcuni funzionari israeliani e occidentali hanno affermato che l’incidente potrebbe aver avuto un grave impatto sulla produzione a medio termine dell’Iran, mantenendo potenzialmente le capacità di arricchimento dell’Iran a livelli bassi per la maggior parte dell’anno. Ci sono dubbi sull’efficienza delle macchine che l’Iran sta utilizzando per sostituire le centrifughe difettose.

La scorsa settimana, il Direttore Generale dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica, Rafael Grossi, ha descritto l’espansione del programma nucleare iraniano come “estremamente preoccupante”, dicendo che solo i paesi che producono armi nucleari stanno arricchendo l’uranio a livelli del 60%.

Funzionari dell’amministrazione Biden hanno affermato che il programma nucleare avanzato dell’Iran ha sottolineato la necessità di ripristinarlo Affare 2015Che ha imposto restrizioni severe ma temporanee alle attività nucleari iraniane.

L’Iran ha aumentato le sue scorte di uranio al di sopra dei livelli consentiti nell’accordo del 2015 nel luglio 2019, in risposta alla decisione dell’amministrazione Trump di ritirarsi dall’accordo e imporre sanzioni economiche a Teheran.

Funzionari occidentali affermano che l’accumulo nucleare iraniano mira a fare pressione sull’amministrazione Biden per revocare le sanzioni e ripristinare l’accordo del 2015 alle condizioni dell’Iran. Il presidente Biden ha identificato il ritorno all’accordo come un obiettivo di politica estera.

I colloqui sono iniziati ad aprile sulla via per riportare Stati Uniti e Iran all’accordo. Le discussioni si sono protratte oltre la scadenza prevista per metà maggio senza ancora un accordo sulle sanzioni che gli Stati Uniti manterranno e sui passi che Teheran intraprenderà per spogliare il suo programma nucleare.

Lunedì, il capo negoziatore iraniano ai colloqui, Abbas Araghchi, ha detto che le parti, che includono Stati Uniti, Iran, Russia, Gran Bretagna, Francia e Germania, potrebbero presto prendersi una pausa dai colloqui per consultarsi nelle capitali. riecheggiato da alti funzionari occidentali. Diplomatici.

Aumentano i timori che a meno di tre settimane dalle elezioni presidenziali iraniane, i colloqui potrebbero presto interrompersi.

In un rapporto separato pubblicato lunedì, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) ha criticato la mancanza di cooperazione dell’Iran nello spiegare la scoperta dell’agenzia di materiale nucleare non dichiarato in diversi siti in Iran dall’autunno del 2019.

Il problema potrebbe portare a nuove tensioni tra Iran e AIEA anche se l’accordo sul nucleare venisse ripristinato. I critici dell’accordo affermano che i materiali non dichiarati fanno parte di un insieme di prove che indicano che l’Iran non ha chiuso le sue opzioni di armi nucleari e ha conservato materiali, documenti e attrezzature derivanti da azioni passate.

L’agenzia ha affermato che l’Iran non è riuscito a fornire risposte reali supportate da documenti per rispondere a nessuna delle domande della sua indagine.

L’ambasciatore iraniano presso l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha detto lunedì sera su Twitter che l’Iran ha “fatto ogni sforzo” per collaborare con l’agenzia e spera che le indagini si concludano il prima possibile.

“La mancanza di progressi nel chiarire le domande dell’agenzia … compromette seriamente la capacità dell’agenzia di fornire garanzie riguardo alla natura pacifica del programma nucleare iraniano”, ha affermato l’agenzia nel suo rapporto.

Scrivere a Lawrence Norman all’indirizzo [email protected]

Copyright © 2020 Dow Jones & Company, Inc. tutti i diritti sono salvati. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8