septiembre 28, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Il 2020 è stato l’anno più caldo di sempre in Europa

Il Met Office del Regno Unito, che ha contribuito al rapporto, ha affermato che il record è stato superato “di una quantità significativa”. La temperatura media in Europa lo scorso anno è stata di 1,9°C al di sopra della media 1981-2010, un periodo utilizzato come punto di riferimento per misurare le variazioni delle temperature.

I cinque anni più caldi in Europa sono dal 2014.

I risultati sono stati presentati nel 31° Rapporto sullo stato del clima dell’American Meteorological Society, che afferma che 17 paesi europei hanno stabilito temperature annuali record, tra cui Francia, Spagna, Svizzera, Belgio, Norvegia e Svezia.

Nell’Artico, la temperatura media dell’aria nel 2020 è stata la più alta di sempre, 2,1 gradi sopra la media 1981-2010. Anche l’Antartide ha sperimentato un caldo estremo, con Speranza che ha raggiunto i 18,3 gradi il 6 febbraio 2020, la temperatura più alta mai registrata nel continente, e ben al di sopra del precedente record di 17,2 gradi stabilito nel 2015.

Anche altre parti del mondo hanno registrato un riscaldamento record, tra cui Giappone, Messico e Seychelles.

Il rapporto ha rilevato che parti dell’Europa nordoccidentale erano relativamente più fresche nel 2020, ma il Regno Unito ha anche raggiunto la terza temperatura media annuale più alta, dopo il 2014 e il 2006, secondo il Met Office.

Mentre la pandemia di COVID-19 ha rallentato l’attività economica in tutto il mondo e ha portato a un calo del 6-7% delle emissioni di anidride carbonica, il rapporto ha rilevato che la concentrazione globale di gas serra è salita a un nuovo massimo nel 2020.

Robert Dunn, meteorologo operativo presso il Met Office e caporedattore del capitolo sul clima globale sul rapporto.

Il rapporto arriva poiché la maggior parte dell’emisfero settentrionale ha dovuto affrontare condizioni meteorologiche estreme causate dai cambiamenti climatici quest’estate sotto forma di Ondate di calore e incendi boschivi In Grecia, Italia, Turchia e Francia, mentre Germania e Belgio hanno sperimentato Inondazioni mortali a luglio.
Servizio di monitoraggio dell’atmosfera Copernicus avvisa questo mese Ha avvertito che la regione del Mediterraneo si stava trasformando in un “epicentro di incendi boschivi caldi” e ha avvertito che gli incendi già ardenti stavano emettendo grandi quantità di fumo inquinante nell’atmosfera.

Anche gli Stati Uniti e il Canada hanno dovuto affrontare incendi boschivi persistenti quest’estate

READ  Yun Lucy Lee e Oliver Carava sono stati arrestati per l'omicidio di Tyler Pratt a Hamilton, Canada

Liz Bentley, amministratore delegato della Royal Meteorological Society, ha affermato che il rapporto del 2020 “cattura la realtà” ed è “un’ulteriore prova che il nostro clima sta cambiando”.

“Due gradi potrebbero non sembrare molto per la persona media per strada – potresti non notare una differenza di due gradi se esci. Ma quel piccolo cambiamento nelle temperature medie ha un grande cambiamento nella frequenza e nell’intensità di alcuni eventi meteorologici , specialmente quelli caldi” come quelli che accadono in Europa così come in Nord America.

“Questi eventi di calore estremo si verificano più frequentemente e, quando si verificano, durano più a lungo”, ha detto Bentley.

Michael Byrne, docente di scienze del clima presso l’Università di St Andrews, ha dichiarato a Science Media che, sebbene non sia sorprendente che l’Europa abbia avuto il suo anno più caldo, il ritmo del riscaldamento globale è stato “allarmante”.

“Il rapporto evidenzia che anche se limitiamo il riscaldamento globale a 1,5°C come stipulato nell’accordo di Parigi, l’aumento della temperatura in molte parti del mondo, specialmente sulla terraferma, supererebbe 1,5°C”, ha scritto Byrne.

un Rapporto di punta delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici Pubblicato all’inizio di questo mese ha concluso che la temperatura media globale è già di 1,2 gradi al di sopra dei livelli preindustriali e che dovrebbero essere compiuti sforzi per impedirne l’aumento oltre 1,5 gradi per evitare di esacerbare gli effetti. Gli scienziati globali che hanno scritto questo rapporto hanno anche concluso che gli esseri umani stanno causando inequivocabilmente la crisi climatica.

Ha anche scoperto che se il mondo potesse avere lo zero netto – dove la quantità di emissioni di gas serra non è maggiore della quantità rimossa – allora il riscaldamento potrebbe essere contenuto a 1,5°C.

READ  Il canadese Trudeau era sulla difensiva per aver chiamato le elezioni, ma alcuni grandi successi sono arrivati ​​nel primo dibattito