septiembre 18, 2021

Telecentro di Bologna e dell'Emilia-Romagna

Manténgase al tanto de las últimas novedades de España sobre el terreno

Come il Messico ha aiutato il Times a far uscire i suoi giornalisti dall’Afghanistan

Un gruppo di afghani che lavorava per il New York Times è arrivato sano e salvo con le loro famiglie mercoledì, non a New York o Washington, ma all’aeroporto internazionale Benito Juarez di Città del Messico.

L’arrivo delle 24 famiglie è stata l’ultima tappa ad A orribile fuga da Kabul. Il ruolo del Messico nel salvare i giornalisti del Times, e se tutto va come previsto, il Wall Street Journal offre uno sguardo confuso sullo stato del governo degli Stati Uniti, poiché due delle più potenti organizzazioni di notizie del paese hanno cercato aiuto lontano da Washington.

I funzionari messicani, a differenza delle loro controparti statunitensi, sono stati in grado di aggirare la burocrazia del loro sistema di immigrazione per presentare rapidamente i documenti, che a loro volta hanno permesso agli afgani di volare dall’aeroporto di Kabul assediato a Doha, in Qatar. I documenti promettevano che gli afgani avrebbero ricevuto protezione umanitaria temporanea in Messico mentre esploravano altre opzioni negli Stati Uniti o altrove.

“Ora siamo impegnati in una politica estera che promuova la libertà di espressione, le libertà e i valori femministi”, ha detto il ministro degli Esteri messicano Marcelo Ebrard in un’intervista telefonica. Citando la tradizione nazionale di accogliere tutti, dal leader dell’indipendenza cubana del XIX secolo Jose Martí agli ebrei tedeschi e ai sudamericani in fuga dai colpi di stato, ha affermato che il Messico ha aperto le sue porte ai giornalisti afgani “per proteggerli e rispettare questa politica”.

Spiegando il rapido lavoro che il Paese sta svolgendo, Ebrard ha aggiunto: “Non abbiamo avuto il tempo di passare attraverso i normali canali ufficiali”.

Il percorso dei giornalisti afgani e delle loro famiglie verso il Messico è stato arbitrario, personale e fragile come qualsiasi altra cosa nella frenetica e dispersa evacuazione di Kabul. Il 12 agosto Ebrard era a casa verso le 17:00 quando ha ricevuto un messaggio WhatsApp da Azzam Ahmed, l’ex capo degli uffici del Times a Kabul e in Messico, che era in vacanza.

“Il governo del Messico è pronto ad accogliere i rifugiati dall’Afghanistan?” ha chiesto il signor Ahmed, che ha mantenuto un rapporto cordiale con il signor Ebrard nonostante a volte abbia criticato il governo messicano per la sua copertura. “Abbiamo persone là fuori, brave persone, che cercano di uscirne”.

Il signor Ebrard ha prontamente risposto che non sarebbe stato possibile. Poi ha detto che ha considerato se il suo ministero potesse eludere quelle che normalmente sarebbero “ore e ore” di funzionamento e una riunione di gabinetto. “Così ho chiamato il presidente e ho spiegato la situazione”, ha detto.

READ  Delta ha distrutto le difese di Australia e Cina. Questo significa la fine della strategia zero-Covid?

Il presidente Andres Manuel Lopez Obrador ha convenuto che “la situazione si sta muovendo molto rapidamente e la decisione deve essere presa altrettanto rapidamente”, ha detto Ebrard in un’intervista questa settimana.

“Abbiamo esaminato questa richiesta, non una politica estera tra Messico e Stati Uniti”, ha detto. “Invece, è una posizione condivisa tra me e qualcuno che è stato corrispondente per il New York Times a Kabul per diversi anni e che è stato in grado di prendere alcune decisioni”.

Il signor Ebrard ha scritto al signor Ahmed intorno alle 18:30 per dire che il Messico era pronto ad aiutare fornendo assicurazioni – a una compagnia aerea charter o altro governo – che avrebbero accettato una lista di afgani.

Ma quando i talebani si sono avvicinati a Kabul, la situazione è cambiata. L’aeroporto commerciale è stato chiuso e da tempo sono partiti solo voli statunitensi. Il Qatar, dove sono atterrati gli aerei statunitensi, di solito accetta gli afgani solo se i funzionari hanno la certezza che si trasferiranno in un paese terzo.

Le organizzazioni di notizie tengono segreti molti dettagli del passaggio degli afgani, in parte per paura di inondare gli stretti canali di fuga. Il Times non ha promosso il suo accordo con il Messico. Raggiunto, il Messico ha esteso il suo invito al Wall Street Journal e al Washington Post. Il caporedattore del Journal, Matt Murray, ha detto che il giornale prevede di inviare la sua squadra, ora con sede in Qatar e Ucraina, in Messico. Una portavoce di The Post ha rifiutato di commentare i suoi piani.

Mentre gli Stati Uniti aumentavano i voli di evacuazione, il sistema di immigrazione politicizzato e burocratico degli Stati Uniti faticava a farcela. Molti visti speciali rilasciati dagli Stati Uniti richiedono ai giornalisti di trascorrere almeno un anno in un paese terzo, probabilmente per placare le forze che avvertono che gli immigrati musulmani potrebbero essere terroristi che operano sotto una copertura troppo profonda.

Quindi i governi di tutto il mondo stanno intervenendo, come hanno fatto quando i giornalisti siriani sono fuggiti dalla guerra di quel paese, principalmente per trovare casa in Europa. Molti altri sono andati in Turchia, che si è affrettata a fornire un’ancora di salvezza ai giornalisti afgani. Il caporedattore del Times ha affermato che anche l’Uzbekistan ha accettato i rifugiati e si è presentato come una destinazione a breve termine per i giornalisti del Times.

READ  Ci sono 15,2 milioni di ebrei nel mondo - Dati dell'Agenzia Ebraica

Il Qatar, che ha mantenuto relazioni con i talebani e ospitato colloqui di pace, ha ha avuto un ruolo centrale. Secondo quanto riferito, il suo ambasciatore a Kabul ha portato in salvo i convogli e la prima ondata di sfollati, compresi i giornalisti, è partita da Doha. soldati britannici Ha anche avuto un ruolo nell’evacuazione dei giornalisti del Journal menzionato.

L’aiuto del Messico nel salvare gli alleati degli Stati Uniti va contro la consueta immagine del paese delle politiche di immigrazione statunitensi che dividono, ma Ebrard si è rifiutato di soffermarsi sull’ironia. “Forse la società negli Stati Uniti non ha familiarità con le tradizioni messicane riguardo ai rifugiati”, ha detto dolcemente.

Il ministro degli Esteri ha aggiunto di non poter incolpare il ritiro degli Stati Uniti da Kabul. “Non è facile organizzare l’evacuazione di migliaia di persone in un breve periodo quando ci si ritira da un paese”, ha detto.

READ  Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu potrebbe essere rovesciato dopo che i rivali Naftali Bennett e Yair Lapid hanno accettato di lavorare per formare un governo di unità nazionale

Mr. Ebrard ha aggiunto che il governo messicano sta ora cercando di fornire una protezione simile per altri giornalisti e donne a rischio in Afghanistan.

“Siamo molto grati per l’assistenza e la generosità del governo del Messico”, ha detto in una e-mail AG Sulzberger, editore di The Times. Il loro aiuto è stato inestimabile per tenere lontani i nostri colleghi afgani e le loro famiglie. Esortiamo l’intera comunità internazionale a seguire questo esempio e a continuare a lavorare per conto dei tanti coraggiosi giornalisti afgani che rimangono in pericolo”.

Un funzionario statunitense ha affermato che molti giornalisti afgani non sono ancora riusciti a raggiungere l’aeroporto, compresa la maggior parte del personale del Voice of America e di Radio Azadi, gestiti dal governo degli Stati Uniti.

Sulzberger ha affermato che l’aiuto non influirà sulla copertura del Messico del Times, descrivendola come una questione umanitaria, osservando che “tutti coloro che ci hanno aiutato a capire che la nostra copertura è completamente indipendente e completa”.

Il signor Ebrard è una figura importante nella politica messicana, l’ex sindaco di Città del Messico spesso indicato come un possibile successore del presidente Obrador. È anche noto per il suo tocco più morbido con la stampa rispetto al presidente, che spesso critica le organizzazioni di notizie (incluso The Times) durante le lunghe conferenze stampa. Ma il ministro degli Esteri ha detto che non si aspettava alcun servizio di redazione che il Messico avesse aiutato.

“Penso che quei giornali abbiano posizioni diverse sul governo, posizioni molto critiche, e penso che questo non cambierà”, ha detto.

Il governo messicano sta cercando di arginare l’ondata di immigrati dall’America centrale e ha chiesto come giustificare l’accettazione degli afgani mentre fa pressioni sui nicaraguensi perché restino a casa. Ebrard ha affermato che le azioni del governo sono in linea con la pressione messicana per “eliminare la differenza tra i migranti economici e le persone in cerca di asilo e asilo”, ha affermato.

Il signor Ebrard ha detto che non si aspettava molte critiche interne per essersi mosso rapidamente per accettare gli afghani. “La gente in Messico è molto solidale con i rifugiati ora in Afghanistan”, ha detto. Ha detto che mercoledì mattina sarebbe stato all’aeroporto per incontrare gli afgani e dire: “Benvenuti in Messico”.